Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Occhiuto spinge per la Cittadella dello Sport Nel futuro del Cosenza c’è ancora De Angelis

Occhiuto spinge per la Cittadella dello Sport Nel futuro del Cosenza c’è ancora De Angelis

di Valter Leone – Più futuro che presente anche se al taglio del traguardo finale mancano ancora 180’. Domenica l’ultima partita della stagione al San Vito con il Benevento e la prossima settimana ultimo atto a Melfi per quello che potrebbe essere uno scontro diretto per il nono posto, piazzamento che garantisce il pass per partecipazione alla prossima Tim Cup. Roselli prosegue gli allenamenti e fa i conti con alcune defezioni importanti: Ciancio squalificato, Tedeschi infortunato, Zanini a letto con la febbre mentre Sperotto e Serpieri lavorano a parte per recuperare dai rispettivi infortuni. Per domenica si spera di avere disponibile Zanini al quale verrebbe affidata la corsia sinistra con Corsi a destra e coppia centrale Blondett-Carrieri con Magli che si candida per una maglia. A centrocampo Criaco e Tortolano sugli esterni con Caccetta centrale e probabilmente Fornito al posto di Arrigoni al quale verrebbe dato un turno di riposo. In avanti il solito gioco delle coppie: Calderini-Cesca o De Angelis-Cori. Altri due giorni di allenamento prima delle decisioni finali.

Tra una festa e l’altra (mercoledì la squadra è stata ricevuta in Provincia nel Salone degli Specchi, nella foto tratta dal sito www.ilcosenza.it tutti in posa davanti la statua di Telesio) comincia a entrare nel vivo anche la prossima stagione. E l’incontro con Mario Occhiuto è stata l’occasione per snocciolare un po’ di idee sul futuro: “Il presidente Guarascio – ha detto il primo cittadino bruzio, nonché presidente della Provincia – ha dimostrato di essere al vertice di una società seria, con la quale poter intraprendere percorsi comuni e ambiziosi. L’area nei pressi del San Vito è arrivato il momento di valorizzarla ulteriormente e si può pensare alla realizzazione della Cittadella dello Sport anche con il contributo di finanziamenti pubblici”. Idea intrigante anche se la necessità impellente riguarda una struttura per gli allenamenti e la ristrutturazione del Sanvitino-Delmorgine potrebbe diventare realtà da subito.

Ma il futuro è anche costruzione della squadra. Con il passare delle ore prende corpo con insistenza la lista dei calciatori ai quali quasi certamente non verrà proposto il rinnovo: si va da Zanini a Magli, passando per Sperotto, Tortolano e Fornito (il giovane centrocampista è di proprietà del Napoli, club con il quale ha altri due anni di contratto). Il ds Meluso nei giorni scorsi ha lasciato intendere che per la nuova stagione il reparto dove si dovrà intervenire di più è proprio l’attacco. E in uscita ci sono anche Calderini (il divorzio che più lascerà l’amaro in bocca tra i tifosi) e Cori. Potrebbe avere possibilità di rinnovo Cesca mentre si sta discutendo con De Angelis il cui accordo è stato già trovato, mancano soltanto firma e annuncio.