Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Calciomercato – Cosenza, Guarascio accelera su Meluso e Roselli. Torna Morrone?

Calciomercato – Cosenza, Guarascio accelera su Meluso e Roselli. Torna Morrone?

di Valter Leone – Si dice che tre indizi facciano una prova. Adesso ci sono tutti, gli indizi. Ma prima è d’obbligo un passo indietro: martedì 14 aprile, sul nostro sito pubblichiamo indiscrezioni secondo le quali Meluso e Roselli sarebbero rimasti al Cosenza. Oggi a distanza di una quindicina di giorni, quelle anticipazioni trovano conferme su tutti i quotidiani cartacei e on line. Nello stesso articolo si scriveva del quasi certo addio di Calderini, nonostante il calciatore fosse entrato nelle grazie del presidente Guarascio ma non del tutto in quelle di direttore sportivo e allenatore. Nei giorni a seguire i contatti sono proseguiti per puntellare gli accordi, con Guarascio che ha posto una condizione insindacabile: rinnovo per una sola stagione. Proposta accettata a determinate condizioni: un sontuoso ritocco sull’ingaggio e assoluta autonomia nella scelta dei calciatori. Si racconta che il presidente abbia vacillato un po’ ma alla fine ha voluto premiare l’ottimo lavoro di Meluso e quello di Roselli: stretta di mano, accordo raggiunto e nei prossimi giorni l’annuncio.

Torniamo all’incipit, i tre indizi. Il primo sono le parole dei protagonisti: Guarascio, Meluso e Roselli parlano di futuro con naturalezza, tangibile segnale dell’intesa raggiunta. Anche se proprio Roselli il 14 aprile scorso piombò in sala stampa a smentire, a telecamere spente e taccuini chiusi, quella nostra indiscrezione. L’allenatore non accettò soprattutto la voce sull’addio a Calderini. Il secondo indizio lo dà lo stesso calciatore il quale alla vigilia di Cosenza-Como avrebbe confidato agli amici del colloquio avuto con Meluso, il quale gli avrebbe confermato che non rientra nel progetto per questioni caratteriali e non per le sue indiscusse qualità tecniche. Il terzo indizio lo regala proprio Meluso, il quale ospite in una trasmissione televisiva ha chiaramente detto che “per il salto di qualità bisognerà intervenire nell’attacco”.
Dunque, a Meluso e Roselli il presidente Guarascio consegna simbolicamente le chiavi del Cosenza. E i primi tasselli da mettere a posto saranno i rinnovi con Ravaglia, Tedeschi, Ciancio e Caccetta (trattativa non semplice quella con il centrocampista palermitano) gente alla quale non si vuole rinunciare. Conferma conquistata sul campo per Carrieri, Corsi e Criaco. Certi di rimanere in rossoblu Blondett, Arrigoni e Statella gli unici ad avere il contratto anche per la prossima stagione. E sull’attacco, a sorpresa, potrebbero rimanere De Angelis e Cesca. Sui volti nuovi nelle ultime settimane sarebbe scemato l’interesse per il ritorno di Arcidiacono. In cima alla lista di Meluso e Roselli c’è un bomber da almeno 15 gol a stagione capace di garantire l’atteso salto di qualità. Nelle ultime ore c’è stato il primo contatto con Stefano Morrone. Il centrocampista, 37 anni il prossimo 26 ottobre, avrebbe confidato ad alcuni amici che sono state poste le basi per realizzare il suo sogno: chiudere la carriera nella squadra della sua città e che lo ha cresciuto e lanciato nel grande calcio.