Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Roselli: “Un Cosenza meno brillante del solito Ma adesso andiamo a prenderci la Coppa Italia”

Roselli: “Un Cosenza meno brillante del solito Ma adesso andiamo a prenderci la Coppa Italia”

di Valter Leone – Il primo a non essere del tutto soddisfatto della prestazione del Cosenza è l’allenatore Giorgio Roselli. “Diciamo che la prima giornata di caldo vero probabilmente ha un po’ condizionato le due squadre, mettiamoci pure che a questo punto della stagione le motivazioni sono quello che sono, alla fine in campo si paga. Però – sottolinea l’allenatore rossoblu – va sottolineato l’impegno da parte della squadra, perché quello non è mai venuto meno. Non siamo stati brillanti come in altre occasioni ma ci portiamo a casa questo ennesimo risultato positivo”. In effetti il Cosenza è stato poco cattivo in avanti, impensierendo veramente poco la difesa del Martina un squadra, va detto, che si è messa dietro la linea del pallone difendendo a cinque.

E sui meriti dei pugliesi si sofferma proprio l’allenatore rossoblu. “È stato molto bravo Imbimbo che evidentemente ci aveva studiato nel dettaglio, mettendoci in difficoltà soprattutto in mezzo al campo”. Da lì, evidentemente il cambio tattico da parte di Roselli che ha schierato la squadra in campo con un 3-4-1-2. “In effetti andavamo un po’ in difficoltà e venendo meno quella brillantezza che in passato è stato il nostro punto di forza, inevitabilmente ho dovuto cambiare. E da quel momento in poi siamo andati un po’ meglio”.

È chiaro che attorno al Cosenza tutti gli sforzi, anche da parte dell’ambiente, sono concentrati esclusivamente sulla sfida di mercoledì sera per la quale in prevendita è stata già superata abbondantemente quota 3500 biglietti venduti, contro i 745 paganti di ieri. “La squadra – aggiunge Roselli – sa bene che dovrà mettercela tutta per vincere la Coppa. Certo, il 4 a 1 dall’andata è un ottimo risultato però il Como ha pareggiato in campionato ed è fuori dalla lotta ai play off per cui verrà al San Vito a giocarsi la partita della vita. E poi con l’entusiasmo che c’è in città dovremo fare di tutto per rendere felici i nostri tifosi”. Inevitabile un passaggio su Arcidiacono, calciatore inseguito durante il mercato di gennaio. Ma non è escluso che per la prossima stagione non possa tornare a vestire la maglia del Cosenza dopo le due stagioni in serie D. “Ne abbiamo parlato più volte e sapete quanto apprezzi Arcidiacono. Qui al San Vito – conclude Roselli – da ancora una volta dimostrato le sue qualità anche da prima punta”. Ma di mercato, di rinnovi e di altro si tornerà a parlare dalla prossima settimana. Subito dopo la finale di Coppa Italia, che ormai è dietro l’angolo.