Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Cosenza a Ischia con quattro Berretti Si fermano pure Cesca e Tortolano

Cosenza a Ischia con quattro Berretti Si fermano pure Cesca e Tortolano

di Valter Leone – È chiaro che Roselli non vorrebbe fermarsi proprio sul più bello. Allungare a 9 partite la serie utile è un obiettivo che ha decisamente messo nel suo mirino ma bisognerà fare i conti con fattori mentali e numerici. Quelli mentali sono reduci dalla brillante prestazione di Como dove i Lupi hanno di fatto ipotecato la Coppa Italia di Lega Pro, per cui bisogna capire se nella squadra c’è ancora la giusta tensione per affrontare la sfida in casa dell’Ischia come se fosse una finale, oppure una semplice scampagnata di fine stagione, tra l’altro in uno dei posti più belli d’Italia. Non è facile restare sul pezzo in un momento di grande euforia, come lo sta vivendo il Cosenza in queste settimane. Certo, ci sarebbe il nono posto da agguantare e per rimanere sulla scia del Barletta ci sarebbe bisogno della vittoria anche contro la squadra di Maurizi visto il successo dei pugliesi in casa dell’Aversa Normanna.

E quello mentale è il primo aspetto. Poi, come dicevamo, c’è quello numerico. E qui i conti non tornano affatto, visto che Roselli per arrivare a 18 calciatori ha dovuto convocare 4 ragazzi della Berretti. Infatti stamattina non sono saliti sul pullman altri due calciatori: l’attaccante Cesca alle prese con una contusione al gemello mediale e l’esterno Tortolano, che avrebbe giocato titolare al posto di Statella, bloccato a letto da un attacco influenzale. Già venerdì si era bloccato Criaco. Ai tre vanno aggiunti gli infortunati di lungo corso Sperotto e Serpieri. E poi i due squalificati Blondett e Calderini. Ed ecco che per la panchina ci saranno, oltre al secondo portiere Saracco, al difensore Magli e all’esterno Zanini, i ragazzi della Berretti Novello (difensore), Chidichimo, Falbo (centrocampisti) e Trombino (attaccante) tutti classe 97.

A questo punto formazione fatta con Ravaglia in porta, il quale vorrà allungare la sua imbattibilità che dura da 399’ cin un solo gol subito nelle ultime 8 partite. In difesa, da destra verso sinistro, l’affidabilissimo quartetto composto da Corsi, Tedeschi, Carrieri e Ciancio. In mezzo al campo gli unici due intoccabili Arrigoni e Caccetta con il giovane Fornito a destra e Statella sull’out opposto. In avanti gli unici due attaccanti titolari in organico per Ischia: il capitano De Angelis e Cori.