Home / Sport Strillit / BASKET / Basket – La Viola vuole restare in corsa play off: stasera c’è Piacenza da battere

Basket – La Viola vuole restare in corsa play off: stasera c’è Piacenza da battere

di Giovanni Foti – Dopo le due trasferte consecutive di Latina e Matera, la Viola torna al PalaCalafiore per sfidare il fanalino di coda di questa Lega Due Silver: la Bakery Piacenza, reduce dalla inattesa vittoria su Tortona, che regala agli uomini di coach Zamboni ancora un barlume di speranza in chiave salvezza, nonostante i 12 punti in classifica per una squadra con tutt’altre aspettative ad inizio stagione.
Piacenza, infatti, è stata inizialmente costruita per condurre un campionato di vertice ed affrontare gli eventuali playoff, grazie ad ingaggi di lusso come quelli di Zizic, ma soprattutto di Sani Becirovic, rimasti sotto contratto per appena nove partite prima della rescissione.
Assieme ai due ex Panathinaikos, anche il canadese Whitney Hill ha lasciato la Bakery anzitempo, nonostante i 13 punti abbondanti di media totalizzati fino alla sua partenza.
Coach Zamboni, quindi, dovrà contare sui superstiti per acciuffare una salvezza che sembra lontana anni luce dalle possibilità di una squadra che ha incontrato tante difficoltà durante la stagione e che ora può affidarsi a due punti fermi come Sorokas e l’ex di turno Rodolfo Rombaldoni, oltre a giocatori come Infante, Rossetti e Stefanini.
Anche la Viola è chiamata a vincere per mantenere vivo il sogno playoff, e il pubblico reggino avrà un ruolo fondamentale per sostenere i ragazzi di coach Benedetto.
All’andata i neroarancio portarono a casa il risultato grazie ad uno strepitoso Moe Deloach, autore di 17 punti e 8 assist, assieme agli altri due esterni Rossi e Casini, rispettivamente da 13 e 14 punti.
La guardia da Norfolk State dovrà ripetere la prestazione di Piacenza, dopo le ultime uscite non brillanti, per prepararsi ad un finale di stagione regolare impegnativo.
Tanto peso anche sulle spalle dell’altro americano, Erik Rush, apparso il ottima forma nell’ultima gara con Matera, chiudendo a 20 punti, e ovviamente sul capitano Marco Ammannato, vera e propria chiave difensiva della squadra di coach Benedetto.