Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Volley – Vibo: la storia si ripete: dopo 22 anni un nuovo trionfo in Coppa Calabria

Volley – Vibo: la storia si ripete: dopo 22 anni un nuovo trionfo in Coppa Calabria

E’ trascorsa ormai una settimana, ma l’eco della vittoria in Coppa
Calabria è ancora molto forte. Tanta è la soddisfazione della società
Volley Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia per la conquista della
coppa, una vittoria ottenuta grazie agli innumerevoli sacrifici profusi
nel tempo. Un successo ottenuto da una compagine composta da ragazzi
molto giovani (i più grandi sono del 1994) che rappresentano il fiore
all’occhiello del volley giovanile calabrese. Alcuni di loro, i vari
Corrado, Maccarone e Ferraro, hanno anche assaporato quest’anno il
profumo della convocazione in prima squadra. Un successo che ha fatto
tornare la mente a molti anni fa ormai. Era l’autunno del 1993, erano i
primi passi compiuti dal patron presidente Pippo Callipo nel magico
mondo della pallavolo. Era una pallavolo diversa, un ambiente
differente. Stagione 1993-1994, la Tonno Callipo militava nel campionato
di Serie C2 e si apprestava a disputare una stagione importante pur
essendo agli albori di un cammino che il tempo rivelerà essere vincente
e ricco di successi. La “triade giallorossa”, per come la conosciamo
oggi, e composta dal presidente Callipo, dal supervisore generale
Ferraro e dal direttore sportivo Prestinenzi, allora non esisteva. Ma i
tre protagonisti, oggi come allora, facevano già parte dell’universo
giallorosso. Il presidente Callipo stava sempre più innamorandosi di
questo sport, Michele Ferraro, direttore sportivo, già all’epoca era un
tuttofare ed era il vero e proprio deus ex machina della pallavolo
vibonese, mentre Prestinenzi dava spazio al suo estro e alla sua
fantasia nel ruolo di palleggiatore. Prima ancora che iniziasse il
campionato, i giallorossi ottennero una storica vittoria in Coppa
Calabria in un derby tutto vibonese contro la Volomen Pizzo. Si giocava
all’interno del vecchio palazzetto dello sport di Viale della Pace e
l’allora squadra allenata dall’allenatore-giocatore Claudio Torchia
surclassò i cugini napitini con un netto 3-0 (15-3, 15-4, 15-5). Fu
quello, l’inizio di una cavalcata trionfale che, nell’arco di appena un
decennio, portò la Tonno Callipo dalla Serie C alla conquista della
Serie A1. Già allora, i giallorossi potevano contare su una rosa molto
forte composta da giocatori esperti e da giovani di belle speranze (su
tutti i fratelli Defina, Checco e Peppe: il primo ha giocato anche in
Serie A con la maglia della Tonno Callipo, il secondo è una delle
colonne storiche di questa società e oggi ricopre la carica di
team-manager della Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia). Di seguito,
riportiamo il tabellino di quella storica finale per la società
giallorossa e per tutto il movimento pallavolistico vibonese:

TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA – VOLOMEN PIZZO 3-0 (15-3, 15-4, 15-5)

TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA: Tavella, Vivona, F. Gigliotti, Caparello,
Stella, Cacciola, F. Defina, Iuzzolini, Torchia, G. Defina, Di Renzo,
Prestinenzi, Colica, V. Gigliotti. Allenatore: Torchia, vice allenatore:
Naso
VOLOMEN PIZZO: Ventimiglio, Bellezza, Pierri, Burgisano, Cavallaro,
Caruso, Pertosa, Gambarotti, Bardari, Tripodi. Allenatore: Notaro, vice
allenatore: Panzarella
ARBITRI: Scali e Molè di Catanzaro

Ventidue anni dopo la storia si è ripetuta. La Tonno Callipo Calabria
Vibo Valentia ha ottenuto una nuova vittoria ed ha conquistato la
seconda Coppa Calabria della propria blasonata storia. Un successo che
fortifica le certezze di un gruppo coeso, composto da ragazzi che
quotidianamente si allenano con grande abnegazione, sorretti, in primo
luogo, dalle loro famiglie e dall’egregio lavoro profuso giorno dopo
giorno dallo staff tecnico del settore giovanile, diretto dal Prof.
Tonino Chirumbolo. Ieri sera la società, con in testa il presidente
Pippo Callipo, ha voluto condividere, insieme ai ragazzi e allo staff
tecnico del settore giovanile, questo bel momento. Una serata piacevole,
trascorsa al Popilia Country Resort, che ha visto anche la
partecipazione dello staff dirigenziale e tecnico della prima squadra, a
partire dal Ds Prestinenzi, fino ad arrivare al mister Luca Monti e al
team-manager Defina. Presenti tutti gli artefici del successo ottenuto
domenica scorsa a San Giovanni in Fiore contro Bisignano: i
palleggiatori Ferraro, Pagnotta e Talarico, i centrali Foti, Maccarone e
Mancuso, gli schiacciatori Corrado, Amodio, Lo Riggio, Vinci, Caserta,
il libero Torchia. Presente anche Giovanni Sorrentino,
schiacciatore-libero classe 1997 che non è sceso in campo domenica
scorsa, ma che è parte integrante della rosa giallorossa.

E nel ricordo della vittoria della Coppa Calabria 1993, abbiamo chiesto
al Supervisore Generale Michele Ferraro, memoria storica della società,
di sottolineare i parallelismi e le differenze tra le due vittorie
ottenute dalla Volley Tonno Callipo

“Chiaramente ci sono delle differenze ed anche notevoli. Nel 1993
eravamo, all’inizio della nostra avventura, poco organizzati e spinti
soltanto da un grande entusiasmo; avevamo da poco costruito la squadra,
che poi si dimostrerà un’autentica corazzata, e concludemmo l’anno con
la storica promozione in serie C1 interregionale; avevamo giocatori
importanti e con grande esperienza e non contenti di ciò il Presidente
volle allora rinforzare la squadra per il campionato, ingaggiando altri
due atleti di serie superiore. Giocammo contro Pizzo innanzi ad un
pubblico numerosissimo e contro una squadra costruita anch’essa per
vincere e non ci fu storia perché i set si chiusero con una differenza
notevole nel punteggio, cosi come si può vedere dagli articoli di stampa
dell’epoca. Quella vittoria ci diede una grande carica anche perché
ottenuta contro una società con la quale, così come accadeva allora,
c’era una grandissima rivalità che ci tiravamo indietro sin dai tempi
della Fiamma Vibo, dove noi tutti eravamo cresciuti .
La vittoria contro il Bisignano ha chiaramente un sapore diverso,
diversi sono gli intenti, diversa soprattutto e’ l’età dei nostri
giocatori rapportata con quella di allora; la nostra scelta di
ringiovanire la rosa sin dall’anno scorso si e’ dimostrata vincente e
questa ritengo sia la naturale conseguenza di quanto programmato; gli
atleti hanno una mentalità di lavoro che gli e’ stata inculcata sin da
ragazzini ed in ognuno di loro, inutile nasconderlo, c’e’ la speranza,
per niente remota per come si e’ visto quest’anno, che si possa arrivare
in alto e cosi’ debbo dire e’ anche per le formazioni piu’ giovani ad
iniziare da quelle di categoria , per finire agli atleti di serie D .
Esiste in loro il forte desiderio di emulare i piu’ grandi, certamente
c’e alla base una selezione, ma garantisco che sin dall’eta’ di circa
dieci anni vediamo in loro la voglia di fare e di mettersi in
competizione. Certamente un ruolo fondamentale, e concludo,viene svolto
dai nostri allenatori che trasmettono loro la giusta carica sin da
piccoli, abituandoli a scendere in campo per vincere

Il presidente Pippo Callipo: “Sono molto contento di aver ospitato
presso la mia struttura tutto lo staff tecnico delle giovanili ed i neo
campioni di Calabria. E’ stata una serata molto divertente e sono
ritornato con la memoria indietro di 22 anni; infatti anche allora
festeggiammo la vittoria della Coppa Calabria presso il locale “La
Pratinella” di Montesoro di Filadelfia. Un ringraziamento particolare a
Tonino Chirumbolo ed a tutti gli allenatori delle nostre giovanili per
la serietà e la professionalità che mettono giornalmente in campo;
grazie anche ai genitori di tutti i nostri atleti per la fiducia che
ripongono in noi”