Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Pallanuoto, Serie B maschile – Cosenza supera San Mauro Nuoto (10-9)

Pallanuoto, Serie B maschile – Cosenza supera San Mauro Nuoto (10-9)

Tubisider Cosenza – San Mauro Nuoto 10-9 (1-2,5-3,2-1,2-3)

 

Tubisider Cosenza:Guaglianone A., Cerchiara(4), Ponte(1), Chiappetta(1), Manna, Bartolomeo, Barranco(3), Cavalcanti M., Greco, Fasanella(1), Mascaro, Amato, Martire. Allenatore: Francesco Manna.

 

San Mauro Nuoto: Perfetto, Confuorto(2), Falcone(2), Nweke(1), Sangermano, Fiorillo, Forcelli, Iaccarino, Vaccaro(3), Magliulo L., Pererano(1), Magliulo F., De Francesco. Allenatore: Christian Andrè.

 

Arbitro: sig. Carmelo Polimeni di Roma.

 

Note: fuori per limiti falli, Magliulo L.(San Mauro Nuoto) e Ponte(Tubisider Cosenza). Falli a favore Tubisider Cosenza 8+2 rigori di cui 1 trasformato, San Mauro Nuoto 13. Espulsi i dirigenti Ponte(Tubisider Cosenza) e Falcone(San Mauro Nuoto).

 

 

Nel primo giorno di primavera è tornata a fare punti la Tubisider Cosenza, centrando un bel successo. Con una prova di carattere e di orgoglio la giovane squadra allenata da Francesco Manna ha superato per 10-9 il coriaceo San Mauro Nuoto, al termine di una partita tirata, vibrante, equilibratissima. La Tubisider Cosenza questa volta è partita benissimo, concentrata e determinata, ha saputo rimanere in scia degli ospiti staccata di una rete, ma una volta passata in vantaggio(4-3) non lo ha più mollato. Va dato atto a questa squadra che al di là di qualche ingenuità, ha sprecato molto poco, riuscendo anche a sapere amministrare il tempo e il gioco e vincendo con merito fra gli applausi. Per Antonio Guaglianone è stata la vittoria del gruppo. “Gara interpretata bene – sottolinea il portiere della Tubisider Cosenza – giocando così riusciremo a centrare la salvezza”. Per Raffaele Barranco la squadra ha vinto una bella partita, interpretandola bene. “ Siamo stati bravi – dice il pallanuotista della Tubisider Cosenza – a vanificare la loro caratteristica migliore, ovvero le ripartenze”. Una iniezione di fiducia, dunque, per il morale e soprattutto per la classifica.