Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Il Cosenza salvo con 3 punti, Ciancio: ‘Ce li prendiamo a Messina’

Il Cosenza salvo con 3 punti, Ciancio: ‘Ce li prendiamo a Messina’

di Valter Leone – Ad alimentare l’entusiasmo che sta avvolgendo il Cosenza nell’ultimo mese, ci pensa Simone Ciancio. L’esterno rossoblu si presenta in sala stampa e non usa il classico giro di parole per commentare il momento positivo. «Siamo contentissimi. Nel periodo in cui il calendario sembrava proibito, abbiamo invece raccolto il massimo. Però non siamo sazi: mancano ancora 3 punti per la salvezza e sabato andiamo a prenderceli a Messina». Che botto! Più diretto di così. Segno della grande personalità ma anche della consapevolezza che la squadra sta esprimendo il meglio delle proprie potenzialità. «E non pensate che poi molleremo, sarà dura per tutti affrontarci. Niente regali, per nessuno. Dite che non bastano 39 punti per rimanere in Lega Pro? Ok, allora facciamo 40 e il discorso è chiuso. Io, sinceramente non mi preoccupo».
Inevitabile un riferimento alla mutazione del Cosenza nell’ultimo periodo. E anche in qeusto caso Ciancio va dritto al problema. «Quando arrivano i risultati è tutto più facile, anche fare gruppo. Però un ruolo fondamentale lo ha avuto il cosiddetto zoccolo duro della squadra, quei sei-sette che erano qui già l’anno scorso. La svolta decisiva ce l’ha trasmessa Gianluca De Angelis: con lui in campo è stato tutto diverso. Tantissimi i consigli. Certo, se penso a 3-4 mesi fa, nessuna poteva immaginare che oggi saremmo a questo punto». A proposito della grande armonia che regna nello spogliatoio, Ciancio racconta l’episodio di domenica nello spogliatoio a fine partita. «È venuto il presidente a salutarci e per festeggiare la vittoria gli abbiamo fatto un bel gavettone. Ce n’è stato anche per l’allenatore», racconta divertito il difensore. Che poi aggiunge: «Chi siamo stati? I soliti, dai… Ormai ci conoscete bene: io, Criaco, Corsi, Calderini e naturalmente Gianluca De Angelis».
Ciancio sta stringendo i denti nonostante un fastidioso problema che si porta dietro dall’infortunio al ginocchio della pasta stagione. Però vista l’emergenza, sta giocando adattandosi a esterno sinistro. «Carrieri sta facendo benissimo, anche Corsi mentre Tedeschi non ha bisogno di presentazioni. Io mi adatto a tutto: nelle giovanili giocavo da difensore centrale, poi mi hanno spostato sulla fascia “così fai meno danni” mi dicevano. Destra o sinistra non fa differenza, per me è la stessa cosa. Il futuro? Qui a Cosenza mi trovo benissimo, ancora non si è parlato di rinnovo ma sono pronto a firmare appena Guarascio me lo proporrà».
In chiusura Ciancio risponde a una domanda sul gol di Calderini contro il Lecce. «Ma Elio quano c’è con la testa diventa il pezzo pregiato del Cosenza».
NOTIZIARIO – Ieri pomeriggio la squadra ha ripreso gli allenamenti. Sul campo si è visto anche Edoardo Blondett che ha svolto lavoro differenziato: potrebbe tornare tra i disponibili con la Vigor Lamezia. Non hanno preso parte alla partitella Criaco, Caccetta, Statella e Arrigoni oltre a Carrieri il quale dopo un po’ di corsa è andato a dare la doccia prima degli altri.