Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Pallanuoto , Serie C – L’Auditore Crotone supera Taranto

Pallanuoto , Serie C – L’Auditore Crotone supera Taranto

R.N. AUDITORE CROTONE: Adamo, Oppido P., Buzzurro, Arcuri V., Arcuri F., Campagna, Riganello, Bellezza, Scorza F, , Pantisano, Scorza A., Candigliota, Forciniti. Tecnico: Sig. Francesco Arcuri

MERIDIANA TARANTO: Solitoc, Aprea, Valloni, Guardasi, Selim, Coletta, Gammino, Dimari, Candia, Lazich, Axo.

Parziali: (5-2) (6-0) (4-2) (7-1)

Direttore di Gara: Sig. Serrago di Cosenza

Continua la “striscia” positiva dell’Auditore nel Campionato Nazionale di Serie “C”. Tre punti che consolidano il recupero della squadra crotonese che si avvicina al vertice della classifica. Incontro facile per gli uomini di Mister Arcuri contro un Meridiana Taranto, neo promossa, che nulla ha potuto contro l’organizzazione e preparazione dei padroni di casa. Il punteggio dimostra le differenze viste in acqua e confermano la qualità del team pitagorico.

Primo tempo abbastanza combattuto con gli ospiti volitivi e spavaldi per cercare di impressionare Pantisano e compagni. Dall’altra parte i crotonesi, subito al massimo per cercare di mettere le “cose in chiaro” con azioni tecnicamente di qualità. A rete Buzzurro, all’esordio, il centro boa Vincenzo Arcuri, il mancino Pantisano con due reti e Candigliota.

Secondo tempo con l’Auditore che esprime il massimo per “prendere il largo” ed infatti il Meridiana paga la sua differente qualità atletica e tecnica. Sei a zero il parziale e partita virtualmente chiusa. A segno Pasquale Oppido, Francesco Riganello, straordinario anche in difesa, Ugo Bellezza, Francesco Scorza, anche per lui esordio con goal, ancora Pantisano ed Angelo Scorza. Squadra vivace con una molteplicità di schemi di attacco ai quali il volenteroso Taranto nulla può ed infatti soccombe in maniera netta.

Al cambio campo girandola di sostituzioni per i pitagorici che, oramai certi dei tre punti, lasciano spazio agli ospiti che segnano due reti portandosi a quattro segnature. Per la rari invece le reti di Oppido, Buzzurro e Candigliota.

Ultima frazione con l’Auditore che riprende a “forare” la porta avversaria sprecando qualche azione di troppo più che altro per un comprensibile calo di concentrazione. Altre sette reti di cui ben quattro del centro boa Angelo Scorza incontenibile, una di Campagna, Arcuri Vincenzo, Arcuri Francesco.