Home / Sport Strillit / BASKET / Basket: tra le mura amiche la Viola cerca il riscatto contro l’Imola

Basket: tra le mura amiche la Viola cerca il riscatto contro l’Imola

di Giovanni Foti – Dopo l’amara sconfitta in quel di Ferrara, la Viola è chiamata a rispondere tra le mura amiche del PalaCalafiore contro l’Andrea Costa Imola di coach Ticchi.
Gli emiliani, reduci da una importante vittoria contro Treviglio, hanno ritrovato fiducia nel loro mezzi, dopo un inizio di stagione al di sotto delle aspettative. Ad oggi, infatti, Imola si trova a soli due punti dai neroarancio, nel mezzo di una classifica cortissima, che permette a entrambe le squadre di guardare in alto in ottica playoff, ma allo stesso tempo le costringe a difendersi dalle inseguitrici.
La compagine di coach Ticchi si presenta alla sfida col roster al completo, guidato dall’americano Jesse Perry, un fattore sotto canestro con i suoi 16.3 punti e 6.4 rimbalzi, assieme a Marco Maganza che ne raccoglie più di 7 a partita. Il backcourt è formato dal giovane promettente play Francesco De Nicolao, oltre all’altro americano Karvel Anderson e il veterano Patricio Prato, sempre pericoloso sul perimetro.
Dalla panchina esce Franko Bushati, tuttofare da 15 punti abbondanti, oltre ai 4.3 rimbalzi e i 2.6 assist di media.
Dall’altra parte, i ragazzi di coach Benedetto sono determinati a rispondere al meglio dopo la batosta del PalaHiltonPharma e il pubblico del palasport reggino potrà essere l’arma in più per i neroarancio in cerca di riscatto.
Piccoli problemi in settimana per Rossi e Ammannato, che saranno comunque regolarmente sul parquet, mentre è rinviato il debutto dell’ex Veroli, Valerio Cucchi, anch’esso alle prese con un infortunio.
Chi di certo sarà in campo è Erik Rush, l’uomo più importante per coach Benedetto, oltre a Michael Deloach e Massimo Rezzano, che nelle ultime uscite hanno comunque prodotto buoni numeri.
Alla ricerca di un po’ di continuità, invece, Marcos Casini, fondamentale a partita in corso col suo contributo sul perimetro.
Grandi aspettative, inoltre, per i due gioiellini Spissu e Lupusor, che hanno dimostrato di poter stare bene in campo soprattutto quando sono sostenuti da un pubblico caldo come quello reggino, che, come al solito potrebbe fare la differenza nell’ennesima insidiosa partita di questo campionato così equilibrato.