Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Cosenza-Reggina, Guarascio: “Voglio un derby corretto. Con Foti nemici per 90 minuti”

Cosenza-Reggina, Guarascio: “Voglio un derby corretto. Con Foti nemici per 90 minuti”

di Michele Favano – Alla guida della società rossoblu dal 2011, risultati importanti hanno accompagnato il percorso del massimo dirigente Eugenio Guarascio, fino alla conquista della Lega Pro, ottenuta nella passata stagione. Condottiero instancabile e vero uomo di sport, analizza con lucidità e la sincerità che da sempre lo contraddistingue, l’attuale momento della sua squadra, puntando dritto ad un solo obiettivo, quello del mantenimento della categoria. Lo abbiamo intervistato a pochi giorni dal sentitissimo derby tra la sua squadra e la Reggina.

Presidente, intanto le volevo chiedere se è stata assorbita la delusione in seguito alla sconfitta con il Catanzaro…
Assolutamente si. Stiamo già pensando alla sfida di sabato, anche perchè non dobbiamo recriminare su nulla, abbiamo giocato una buona partita e preso gol su un episodio. Non credo possano esserci conseguenze in questo senso, i ragazzi e il tecnico sanno di aver giocato bene e questo conta molto, alla fine a noi è mancato solo il gol.
Semmai recriminiamo per la pesante squalifica di Cori. Abbiamo già parlato con il calciatore, ha protestato in maniera evidente e per questo verrà sanzionato dalla società, la squalifica, però, ci sembra alquanto esagerata, ci batteremo per la riduzione.

Un avvio della sua squadra deludente, poi l’arrivo di Roselli, la risalita, adesso son tornate le difficoltà almeno per quello che riguarda i risultati…
Oggi paghiamo questo ritardo in fatto di punti, proprio per le difficoltà incontrate ad inizio stagione. Oggi le cose sono cambiate, anche se ultimamente giochiamo bene ma non riusciamo a concretizzare. Sono state partite diverse queste ultime, alcune si sono perse per demerito nostro, altre per mancanza anche di fortuna. Nel calcio bisogna essere più cinici, ma sono fiducioso per me il tecnico ed i calciatori del Cosenza sono i migliori in assoluto.

Un derby dietro l’altro, sabato arriva la Reggina…
Un altro derby, c’è la possibilità di un immediato riscatto. Intanto, però vogliamo che questo con la Reggina si svolga all’insegna della correttezza, in campo e sugli spalti. So che i tifosi si stanno organizzando e sono sicuro della buona accoglienza. La Reggina arriva da un momento positivo e questo va tenuto in considerazione. All’andata una sconfitta meritata che ha segnato molto il nostro percorso tecnico. Poi in Coppa Italia il riscatto sia con la Reggina che con il Catanzaro.

Cosa chiederà al tecnico ed ai suoi ragazzi per questa delicatissima sfida?
Abbiamo bisogno dei tre punti, chiederò sicuramente di fare il possibile per conquistarli. A prescindere da questo, è importante fare una buona partita, il resto, spero, arrivi di conseguenza.

Alberti ha parlato di crocevia fondamentale, per lei e per il suo Cosenza è la stessa cosa?
Questa è una partita speciale, un derby, uno scontro diretto. Il Cosenza ha qualche punto in più, per noi è importante ma non crocevia fondamentale.

Conta di riempire il San Vito e quale messaggio rivolge ai suoi tifosi?
Ci stiamo organizzando per mobilitare l’intera provincia. I club stanno facendo molto per essere in tanti e calorosi. Sarebbe bello avere sempre lo stadio pieno, ma per una serie di motivi, televisioni comprese, spesso è condizionata la partecipazione diretta allo stadio. Noi ci stiamo impegnando per arrivare ad avere un S. Vito con più presenze.

Si aspettava una Reggina così in basso?
Devo dire la verità, assolutamente no. La Reggina ha una storia importante, per anni è stata punto di riferimento per tutta la Calabria calcistica, dopo le enormi difficoltà iniziali, adesso pare abbiano imboccato una nuova strada e sono sicuro che riusciranno a tirarsi fuori dall’attuale situazione di classifica.

Che rapporti ha con il presidente Foti?
Buono, non solo con lui ma con tutti i presidenti, in particolare con i calabresi. Lo inviterò a vedere l’incontro al mio fianco, anche se gli anticipo che saremo “nemici” per novanta minuti.

A proposito di presidenti, come ha accolto l’elezione nel consiglio direttivo della Lega Pro del suo collega Claudio Arpaia, massimo dirigente della Vigor Lamezia?
Con soddisfazione, è un segnale positivo, anche se la Lega Pro ha bisogno di riforme e programmazione.

Riusciranno le quattro squadre calabresi, impegnate nel campionato di Lega Pro, a raggiungere gli obiettivi prefissati?
Ritengo di si, anzi me lo auguro di vero cuore.

Vedi anche:

Cosenza-Reggina, il derby che infiamma i poli opposti della Calabria

Alberti carica la sua Reggina: “In campo per i tifosi”. La formazione…

Cosenza-Reggina, per i silani uomini contati in difesa. Recupera Ravaglia

Il derby di Di Sole: “Cosenza sempre nel cuore, ma la Reggina è la mia vita”

Guarascio: “Voglio un derby corretto. Con Foti nemici per 90 minuti”