Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Pallanuoto maschile – Crolla l’imbattibilità interna della Tubisider contro la capolista

Pallanuoto maschile – Crolla l’imbattibilità interna della Tubisider contro la capolista

Tubisider Cosenza – Zurich Barbato Cesport 4-17 (1-5,1-4,0-5,2-3)

Tubisider Cosenza: Guaglianone An., Mascaro, Bartolomeo, Chiappetta(1), Manna, Ponte(1), Barranco, Cavalcanti M., Guaglianone Al.(1), Fasanella(1), Amato, Cavalcanti O., Morrone. Allenatore: Francesco Manna.
Zurich Barbato Cesport: Cuomo, Russo(2), Mattiello, Begovic(2), Di Carluccio(2), Vitullo(1), Esposito(2), Aiello(2), Principe, Femiano(2), D’Antonio A.(3), D’Antonio F., Barbato(1) Allenatore: Fabrizio Rossi.
Arbitro: Renato De Santis di Lecce.
Note: Barranco (Tubisider Cosenza) e Principe(Zurich Barbato Cesport) espulsi. Guaglianone Alessandro(Tubisider Cosenza) e Cavalcanti M.(Tubisider Cosenza) fuori per limite falli. 7 falli a favore Tubisider Cosenza, 13 falli a favore Zurich Barbato Cesport.
Contro la capolista Zurich Barbato Cesport la Tubisider Cosenza ha perso l’imbattibilità interna, rimediando una sonora sconfitta. Un 17-4 pesante per la formazione cosentina che ha pagato a carissimo prezzo, la mancanza di determinazione e l’inesperienza della giovane età. Soltanto nella quarta ed ultima frazione di gioco la Tubisider Cosenza è riuscita ad arginare la esperta formazione campana. Una sconfitta che servirà a Chiappetta e compagni per meditare sugli errori commessi in modo da imparare e potere crescere e di potersi esprimere al meglio contro avversarie di pari valore. Al di là dei meriti della Zurich Barbato Cesport, c’è da dire che ha lasciato a desiderare l’arbitraggio del signor Renato De Santis di Lecce, che ha fischiato a senso unico in favore della squadra ospite per buona parte dell’incontro.