Home / Sport Strillit / BASKET / Basket – La Viola ha ancora fame di vittoria e chiama il pubblico a raccolta

Basket – La Viola ha ancora fame di vittoria e chiama il pubblico a raccolta

“ Vi sfido di nuovo, vediamo se siete capaci di stupirmi ancora. Temo già di sapere come andrà a finire”.Il presidente Giusva Branca lancia la sfida, benevola e per caricare l’ambiente, al pubblico di Reggio Calabria, in vista delle di due importanti sfide casalinghe.

La Viola è in crescita. Il recupero di Rush e l’aggiunta di Spissu hanno reso il roster a disposizione di Benedetto nuovamente competitivo in vista della volata finale. Vincere le due partite in casa vorrebbe dire tanto. Vorrebbe dire dare una stoccata decisiva ad una classifica che non permette passi falsi, con le”piccole” a spingere dal basso, forti di acquisti importanti. Vorrebbe dire avere la certezza di partecipare alla prossima LegaDue e , perché no, sognare dei i play off che regalerebbero la possibilità, proprio al pubblico e ad una città intera ,di sognare la tanto invocata “storia”.
Il pubblico di Reggio può essere decisivo e tale importanza non è campata in aria. Il PalaCalafiore, la cui riapertura è già una vittoria, detiene il record di presenze della LegaDue ( sia Gold che Silver) e la passione del tifo reggino sembra non essere ancora appagata .Un primato che ha ancora maggiore significato se si confronta Reggio con altre grandi città come Torino, Napoli e Verona, sonoramente battute dall’amore di una città verso la pallacanestro.
Il pubblico può , e sarà, anche uno stimolo in più per una squadra che vorrà sicuramente riscattarsi dopo due sonore sconfitte casalinghe, e che vorrà ricambiare l’affetto dei tanti supporters presenti anche in lontane trasferte.
L’alchimia tra città e squadra è una realtà imprescindibile per un ambiente che , specialmente in questo momento di “rinascita”, non può deprimersi per un mix di sfortuna e stanchezza che ha menomato la squadra nelle ultime uscite. La Viola lo sa, la Viola chiama, e il pubblico accetterà la sfida. Branca, felicemente, dovrà rimanere stupito anche questa volta.
Vittorio Massa