Home / Sport Strillit / BASKET / Basket – La Viola sfida il “Made in Italy” di Treviglio

Basket – La Viola sfida il “Made in Italy” di Treviglio

di Vittorio Massa – Si può essere primi in Lega Due Silver senza neanche un americano in roster? Si, chiedetelo alla Remer Treviglio, prossima avversario della Viola Reggio Calabria.

La squadra di Vertemati , nonostante la sconfitta rimediata a Matera per 78-73, guida la classifica in compagnia di Ravenna e Treviso grazie ai ventiquattro punti sino ad ora conquistati, con una rosa quasi del tutto “made in italy”.

Solo due gli stranieri. I cechi Kyzlink, guardia classe 93’ e il poco impiegato Slanina, pivot classe 95’.  In regia, i bergamaschi, si affidano all’esperienza del play Marino, miglior realizzatore dei suoi con 14.8 punti di media a partita, o in alternativa al giovane Sabatini. Turel e Kyzlink sono i due esterni, ben coadiuvati da Carnovali,” un sesto uomo” che porta sempre punti pesanti dalla panchina. Sotto le planche Gaspardo e Rossi, il cui rapporto con il tifo reggino non è dei migliori dopo le ultime due sfide in campionato.

Treviglio si gode il momento magico e dopo un avvio vissuto con l’etichetta di “sorpresa del torneo”, adesso vuole confermarsi come una delle compagini in grado di puntare al titolo.

Il campionato , come visto nell’ultimo turno, dove nessuna delle prime cinque in classifica ha vinto, non permette passi falsi. La Legadue Silver è campionato vero ,e lo sarà ancora di più in un girone di ritorno che vedrà squadre di medio-bassa classifica rinforzarsi con colpi da prima pagina. E la Viola? I neroarancio, pur con i piedi ben saldi per terra e ricordando sempre gli obiettivi iniziali, può  ancora far sognare i suoi tifosi. In attesa del recupero di Rush, Benedetto e co. sanno che espugnare Treviglio vorrebbe dire portarsi sul 2-0 nei confronti di una diretta concorrente. Al “PalaFacchetti”  la posta in palio varrà doppio. Palla a due alle 18.00.

Vedi anche:

Basket – Viola, Spissu: “Orgoglioso d’indossare una maglia storica come quella neroarancio”