Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Nuoto: numeri importanti per le eliminatorie di Vibo, soddisfatto il presidente Porcaro

Nuoto: numeri importanti per le eliminatorie di Vibo, soddisfatto il presidente Porcaro

Oltre 400 nuotatori per 1.700 presenze gare, in rappresentanza di tredici società, daranno vita alle qualifiche invernali 2014/2015 in programma Sabato 17 e Domenica 18 Gennaio nella piscina comunale di Vibo Valentia.

Le eliminatorie organizzate dal Comitato Regionale Calabro della Federazione Italiana Nuoto sono valide per i Campionati Regionali Invernali.
Iscritte alla manifestazione: Tubisider Cosenza, R.N. Lamezia Terme, Kroton Nuoto, Calabria Swim Race ASD, ASD Pianeta Sport, R.N. San Francesco Paola, ll Gabbiano Paola SSD, Gruppo Atletico Sportivo, Nuotatori Krotonesi ASD,Catanzaro Nuoto ASD, Lamezia Shark ASD,Nettuno Nuoto ASD Palmi, SMGM Team Nuoto Lombardia. Numeri importanti che gratificano il lavoro e l’impegno dell’intero Comitato Regionale Calabro. “ Sono soddisfatto di una adesione massiccia – osserva il presidente Alfredo Porcaro – a conferma di come le società apprezzino il lavoro che come Comitato stiamo portando avanti. Queste eliminatorie serviranno agli atleti per stabilire i tempi di partecipazione sia a Campionati Regionali ma anche per cercare il pass per i Campionati Italiani. Mi preme inoltre sottolineare che solo l’impianto di Vibo Valentia poteva ospitare una manifestazione del genere che per la prima volta si disputa in un solo concentramento, unica struttura in calabria sulla distanza di 25 metri ad avere 8 corsie. Un avvenimento quello promosso dal nostro Comitato che porterà notevoli vantaggi alla intera zona, a dimostrazione di come il nuoto riesca a creare movimento non solo in vasca dal punto di vista agonistico, ma anche al di fuori, con risvolti positivi per l’economia di un intero territorio, visto il coinvolgimento di alberghi e ristoranti e di questo ne siamo orgogliosi. Per cui chiediamo maggiore attenzione sia da parte delle istituzioni che dei privati, per fare in modo che ci sia una ulteriore crescita. Una sinergia in tal senso sarebbe auspicabile per un movimento, quello degli sport d’acqua sempre più proiettato verso traguardi ambiziosi”.