Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Pallanuoto femminile A1: perde di misura la Città di Cosenza Tubisider

Pallanuoto femminile A1: perde di misura la Città di Cosenza Tubisider

Un risultato bugiardo, 7-6 ha condannato la Città di Cosenza Tubisider ad una immeritata sconfitta.

Come nella partita di andata anche questa volta la Città di Cosenza Tubisider è stata superata in trasferta, di misura per una rete, dal Prato Waterpolo. Il punteggio finale frutto di una gara equilibratissima penalizza la formazione di Andrea Posterivo, che per quanto fatto vedere in vasca avrebbe meritato un risultato positivo. La squadra calabrese ha dimostrato di esserci, ribattendo colpo su colpo alle reti della formazione di casa, ma cosa più importante ha confermato di potere lottare alla pari contro formazioni più esperte e che l’obiettivo salvezza può essere raggiunto, perché la qualità del gioco, la determinazione e la voglia di fare bene del gruppo lo consentono. Una battuta d’arresto quella subita dalla Città di Cosenza Tubisider che alla luce dei risultati delle dirette avversarie, sconfitta casalinga della SIS Roma e pareggio interno di Firenze Pallanuoto, non pregiudica nulla.
Prato WP – Città di Cosenza Tubisider 7-6 (2-2,3-3,1-0,1-1)
Prato WP: Gigli, Pelagatti, Giachi, Storai, Bosco(3), Repetto(1), Galardi, Tabani C.(3), Albiani, Furlanetto, Francini, Braga, Tabani E.. Allenatore: Jacopo Bologna.
Città di Cosenza Tubisider: Nigro, Citino(1), Gallo, De Mari, Vitaliti, Gil Sorli(4), Marani(1), Nicolai, Arancini, Zaffina, Motta, D’Amico. Allenatore: Andrea Posterivo
Arbitri: Magnesia e Ricciotti.
Note. Espulse Arancini(Città di Cosenza Tubisider), Braga(Prato WP). 10 falli a favore Città di Cosenza Tubisider, 10 falli a favore Prato WP.