Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Calcio giovanile – Cosenza, un pareggio ed una sconfitta per i rossoblu

Calcio giovanile – Cosenza, un pareggio ed una sconfitta per i rossoblu

CAMPIONATO ALLIEVI
Cosenza – Savoia 2-2
Cosenza: Bellanza, Sbarra, Zuccarelli, Canonaco, Montalto, Bilotta, Ruffolo, Paura (41’ Prisco, 48’ Gentile), Lacaria (70’ Pasqua), Gaudio, Pellegrino (41’ Curatelo). A disposizione: Mazza, Binetti, McGranaghan, Pisani, Grosso. All. R. Occhiuzzi.
Savoia: Bagnara, Coda, Cirillo, De Crescenzo, Lattuga, Esposito (27’ Bonfini), Ciotti (69’ Liberti), Borrelli, Cortiglia (62’ Immobile), Guida, Mercurio (53’ Onda). A disposizione: Lavorante, Iapiglia, Fadda, Vitiello, Franco. All. A. Barbera.
Arbitro: Massara Gaetano di Reggio Calabria
Assistenti: Fascetti Giuseppe Antonio e Zampaglione Francois di Reggio Calabria.
Marcatori: 46’ Borrelli, 58’ Lacaria, 60’ Cortiglia, 68’ Gaudio.
Note: la gara è stata disputata sul terreno del Centro Sportivo “Marca” con inizio alle ore 15:00. Giornata nuvolosa ma con temperatura gradevole. Spettatori circa 100. Al 20’ Bellanza respinge un calcio di rigore di Cortiglia. Ammoniti: 34’ Guida, 55’ Canonaco, 59’ Ruffolo, 70’ Coda, 77’ Pasqua, 81’ Cirillo e Onda. Calci d’angolo 3-1 per il Savoia (p.t.: 1-0 per il Cosenza). Tempo recuperato: p.t.:1; s.t.: 3

Cosenza e Savoia entrambi in campo con un 4-3-3 a specchio. Completo bianco per i padroni di casa, nero per gli ospiti. Inizio buono del Cosenza con Lacaria che di un soffio non arriva sul secondo palo dopo un cross dalla sinistra di Ruffolo. Risposta immediata del Savoia che sfiora il gol su punizione del n.10 Guida. All’11 angolo di Paura, respinta della difesa campana e conclusione di Canonaco radente il palo. Pochi minuti più tardi Gaudio si rende protagonista di una grande azione personale con veronica e dribbling incorporato e successiva conclusione che termina di poco fuori alla sinistra del portiere Bagnara. Al 20’ è Bilotta che atterra in area di rigore Ciotti. E’ rigore. Sul dischetto Cortiglia si lascia ipnotizzare da un gladiatorio Bellanza che di piedi respinge. Quattro minuti più tardi Paura imbecca Lacaria sulla destra, che semina in velocità un paio di avversari, va sul fondo e conclude sull’esterno della reta da posizione troppo decentrata. Ma un Savoia più organizzato in questa fase di gioco crea le occasioni migliori sull’out di destra con gli ottimi Coda e Borrelli. Al 27’ il primo crossa e il secondo da solo nel cuore dell’area di rigore conclude alto. Passano due minuti ed è ancora il tandem Coda-Borrelli a creare un’altra buona occasione con un uno-due finalizzato dalla conclusione da fuori del centrocampista; parata in tuffo di un sicurissimo Bellanza. Al 31’ un irrefrenabile Guida dribbla con una serpentina gli avversari, arriva al limite dell’area e conclude fuori con un piattone sul secondo palo. Il resto del primo tempo è sempre di marca della squadra di Torre Annunziata, che schiaccia in difesa i silani senza segnare la rete del vantaggio. Nella ripresa ospiti in vantaggio dopo pochi minuti (46’) con un tiro dal limite di Borrelli che trafigge Bellanza la cui visuale è coperta da una folta coltre di giocatori. Al 55’ incursione di Cortiglia che dalla sinistra entra in area e calcia ma trova in opposizione il solito prodigioso intervento del portiere di casa. D’ora in poi è quasi solo Cosenza. A centrocampo Canonaco e Curatelo sfruttano il calo fisico degli ospiti e danno rispettivamente la qualità e la quantità cercata dal mister Occhiuzzi. Ma è l’imprevedibilità di Ruffolo che crea i presupposti del gol del pareggio. Al 58’ il n.7 in maglia bianca sfugge alla marcatura di Cirillo e da destra crossa in mezzo per l’accorrente Lacaria che al centro dell’area di rigore colpisce al volo per il momentaneo pareggio. Proprio nel miglior momento del Cosenza arriva la doccia fredda col gol del vantaggio del Savoia: angolo del neoentrato Onda e colpo di testa che finisce in rete di Cortiglia lasciato solo sul secondo palo. Da riconoscere il grande carattere dell’undici di casa, che al 68’ pareggia grazie all’ottimo Gaudio che, servito in profondità dal difensore Montalto, anticipa e trafigge un indeciso Bagnara. Dopo tre minuti ancora Gaudio disegna un grande arcobaleno su punizione ma Bilotta lasciato solo in area di rigore non riesce a schiacciare verso la porta avversaria. Al 75’ cross di Zuccarelli e colpo di testa di Ruffolo ancora alto. La spinta del terzino sinistro silano è una costante in questo periodo di gioco: altro cross di Zuccarelli dalla sinistra, respinta della retroguardia campana e tiro alto di Gaudio dal limite. E’ l’80’ minuto ed è l’ultima occasione del match. Il 2 a 2 è nel complesso il risultato giusto per quanto fatto vedere dalle due compagini che restano appaiate nella parte destra della classifica con 17 punti.

CAMPIONATO GIOVANISSIMI
Paganese – Cosenza 2-0

Paganese: Capaccio, Improta F., Pezzella (68’ Esposito L.), Catalano, Improta A., D’Aniello, Illiano (47’ Ciotola), Numerato, Lauri, Giugliano, Esposito Gen. (55’ Castaldo). A disposizione: Damiano, Esposito Giu., Esposito C., Graf, Troianiello, D’Alessandro. All. F. Troise
Cosenza: Martino, Ritacca, Curia, Carbone (36’ Sessa), Casciaro, Longo, Filice (47’ Federico), Misuri, Pisani (36’ Sueva), Rose (55’ Greco), Caputo. A disposizione: Quintiero, Aiello, Ammone. All. M. Ricci.

Arbitro: Panariello Antonio di Torre del Greco (Na)
Marcatori: 20’ Catalano, 44’ Lauri
Note: la gara è stata disputata allo stadio “Raffaele Capasso ” di San Sebastiano al Vesuvio (Na). Spettatori 70 circa. Ammoniti: 30’ Longo, 51’ Filice. Calci d’angolo 3-0 per la Paganese. Tempo recuperato: p.t.: 1; s.t.: 2.
fonte: ilcosenza.it