Home / Sport Strillit / CALCIO A 5 / Calcio a 5: Serie C1, il punto sulla 13° giornata

Calcio a 5: Serie C1, il punto sulla 13° giornata

Zefhir Mega Five -Futsal Kroton  5 – 0
Marcatori: 2 Presini (Z), Lorenti (Z), Zappellini (Z), Sarica (Z)

Lorenti

Lo Zefhir avvia il proprio 2015 con il botto, superando in scioltezza per 5 – 0 il Futsal Kroton tra le mura amiche.
Avvio di gara che non regala molti sussulti, con un Futsal Kroton che si difende in maniera ordinata dagli attacchi di uno Zefhir che non riesce a dare la sterzata giusta all’incontro. La rete dell’1 – 0 per i padroni di casa arriva comunque,  grazie a Lorenti che sblocca così il risultato in favore dei suoi. Passati in vantaggio, gli uomini di mister Carella approfittano degli spazi lasciati da un Futsal Kroton in cerca del pari per siglare nel finale di tempo altre due reti, rispettivamente con Zappellini e Presini, che gli consentono di portarsi al riposo sul 3 – 0. Nella ripresa gli ospiti provano a tirare fuori una reazione che possa consentirgli di rientrare in partita, ma lo Zefhir gestisce come meglio non potrebbe il risultato, concedendo poco agli avversari, che anche quando trovano qualche spazio in più trovano tra loro e la rete un ottimo Tamiro. I padroni di casa chiudono i conti, arrotondando il punteggio grazie alle reti di Sarica e Presini. A un paio di minuti dal termine lo Zefhir avrebbe anche l’occasione per la sesta rete, ma Martino si fa respingere un tiro libero dall’estremo difensore ospite e la gara si chiude dunque sul 5 – 0. Da sottolineare nel post-partita, la soddisfazione reciproca delle due società, che si complimentano a vicenda per la sportività mostrata sul terreno di gioco nell’incontro odierno.

Polisportiva Futura – Futsal Enotria 3 – 2
Marcatori: Votano (P), Ecelestini (P), Lo Giudce (P), Brandonisio (E), Restelli (E)

Votano Antonio 89 Futura

La Polisportiva Futura risponde alle inseguitrici, superando per 3 – 2 un Futsal Enotria che, al di là della sconfitta e della penuria di uomini con cui si è presentata all’incontro odierno (ben quattro le assenze per gli ospiti), ha fornito un’ottima prestazione ed ha provato a giocarsela fino in fondo contro la squadra che sta dominando il campionato.
Ritmi non elevatissimi in avvio di partita, con la Polisportiva Futura che non riesce ad imprimere il solito ritmo devastante ai suoi attacchi. La squadra di casa riesce comunque dopo una decina di minuti a trovare la via del vantaggio grazie alla rete numero 25 in campionato di Votano, che risponde così a distanza ad Avarello. Nonostante i ritmi non infernali, la squadra di Alfarano sembra riuscire a gestire con tranquillità il vantaggio acquisito, ma poco dopo aver girato la boa di metà ripresa è Brandonisio a rimettere tutto in discussione, saltando un uomo e lasciando partire un gran tiro che si insacca alle spalle di Lo Gatto. I restanti minuti precedenti all’intervallo vedono la Polisportiva Futura tenere in mano il pallino del gioco, senza però trovare mai il varco giusto per far breccia nella difesa di un’Enotria sempre molto attenta, che riesce a condurre l’1 – 1 fino al riposo. Al rientro in campo arriva la fiammata dei padroni di casa, che nel giro di dieci minuti accelerano improvvisamente e vanno in rete prima con Ecelestini e poi con Lo Giudice, portandosi sul 3 – 1. Gli ospiti, complice la scarsa rotazione, faticano a reagire e la Polisportiva Futura controlla le operazioni senza troppi patemi, sfiorando anche la quarta rete. L’Enotria prova allora a giocare la carta del portiere di movimento, che a poco dalla fine porta alla rete del 3 – 2 di Restelli. Dopo aver accorciato le distanze i sogni di rimonta degli ospiti vengono però stroncati dall’espulsione per doppio giallo di Galera, che va faccia a faccia con l’arbitro, senza dire alcunché, ma tanto basta al direttore di gara per decidere di mandare anticipatamente negli spogliatoi il giocatore dell’Enotria. Con l’uomo in più, i padroni di casa gestiscono il possesso palla e conducono il risultato fino al triplice fischio.

Five Soccer Cz – Maestrelli  1 – 0
Marcatori: Zurlo

Zurlo Emanuele 88 Five CZ

La Five Soccer supera, grazie ad una rete di Zurlo al secondo minuto di gioco, la Maestrelli, approfittando in tal modo della sconfitta del Real Rogit sul campo del Città di Vibo per portarsi al quarto posto in classifica. Maestrelli che, dando un occhio proprio alla partita di Vibo, si vede scavalcata in graduatoria proprio dalla squadra di mister Lo Bianco. Come detto, la rete che decide l’incontro arriva dopo solo due minuti di gioco, ed è siglata dal solito Emanuele Zurlo per i padroni di casa. Dopo la rete del vantaggio locale i ritmi iniziano ad alzarsi con una certa naturalezza, con occasioni da entrambi i lati, neutralizzati dalle rispettive retroguardie.  L’avvio di ripresa è altrettanto scoppiettante, con Zurlo che colpisce immediatamente un palo. Ancora il calcettista locale è protagonista poco dopo, quando in un contrasto in area con un avversario finisce per terra, ma viene ammonito dal direttore di gara per simulazione, suscitando le proteste dei suoi. Nonostante i tentativi delle due squadre e la carta del portiere di movimento giocata dal finale dalla Maestrelli, finisce 1 – 0 con la rete siglata al secondo minuto da Zurlo che regge fino alla fine e vale i tre punti per la Five.

Città di Vibo – Real Rogit  6 – 4
Marcatori: 3 Policaro (V), 2 Grillo (V), Paternò (V), Pereira (R), Urio (R),Cofone (R), Salerno (R)

Policaro Citta Vibo 1

Grazie ad un primo tempo a dir poco strepitoso il Città di Vibo mette a segno il colpo di giornata, superando per 6 – 4 sul proprio terreno di gioco il Real Rogit. Con la vittoria odierna, i vibonesi mettono a segno la seconda vittoria consecutiva e sorpassano in classifica la Maestrelli, portandosi ad un solo punto di distacco dalla prima squadra fuori dalla zona rossa dei play-out (il Futsal Kroton). Ospiti che invece incassano il terzo k.o. consecutivo, continuando il pessimo trend con cui avevano chiuso il 2014. Come anticipato, è nella prima frazione che i padroni di casa costruiscono i loro tre punti. Infatti l’aggressività degli uomini di Lo Bianco sorprende il Real Rogit già al primo minuto di gioco, quando Policaro porta in vantaggio i suoi. Lo stesso Policaro si ripete al 3′, mandando il parziale sul 2 – 0. Gli ospiti non riescono a reagire ed al 10′ vengono ancora trafitti dalla terza rete del calcettista locale. Il Real Rogit non sembra in grado di cambiare l’inerzia di una partita che il Città di Vibo gioca con più ritmo. Il pressing e la continua aggressività dei padroni di casa vengono premiati da altre due reti, siglate rispettivamente da Paternò e Grillo, che portano il parziale su un sorprendente 5 – 0. L’unico sussulto di orgoglio di un abbattuto Rogit arriva poco prima della pausa, grazie ad un calcio di rigore trasformato da Pereira, che manda dunque le squadre negli spogliatoi sul punteggio di 5 – 1.
Al rientro in campo continuano i guai per gli ospiti, che al 32′ subiscono la sesta rete del Città di Vibo, siglata da Grillo, che mette così a segno la sua doppietta personale. A questo punto però la partita cambia, perché da quel punto in poi il Real Rogit tira fuori orgoglio e grinta, provando a chiudere nella propria metà campo i vibonesi, che si vedono costretti ad arretrare sempre di più il proprio baricentro. La rete del 6 – 2 di Urio prova a dare fiducia al Rogit, che però nonostante gli sforzi e le occasioni create non riesce a trovare la terza rete fino al 53′, quando Cofone insacca il 6 – 3. Nell’assedio finale i padroni di casa si difendono bene e, nonostante la rete del 6 – 4 di Salerno, riescono a portare a casa i tre punti, respingendo i tentativi di un Real Rogit che è entrato in partita decisamente troppo tardi.

Barcollando – Città di Fiore 4 – 0
Marcatori: Lo Riggio, Lembo, Tallarigo, Fiorentino

Barcollando Citt Fiore centrocampo

Il Barcollando risponde allo Zefhir e mantiene il secondo posto in classifica grazie al 4 – 0 rifilato al Città di Fiore al “PalaGallo”. 
I padroni di casa provano a chiarire il copione della partita sin dalle prime battute, tenendo in mano il pallino del gioco e costringendo il Città di Fiore a cercare qualche spazio in ripartenza. La pressione degli uomini di Carrozza porta i suoi frutti al 12′, quando Lo Riggio porta in vantaggio i suoi con la sua decima rete in campionato. Il Città di Fiore prova subito a reagire, ma al 16′ il tentativo della squadra di mister Federico si infrange sul palo della porta di Sperlì. Al 24′ ci pensa poi Lembo a siglare il raddoppio, mandando le squadre al riposo sul 2 – 0. In avvio di ripresa il Città di Fiore prova ad alzare il baricentro, costruendo qualche palla goal, ma senza riuscire a trovare la via della rete. Ad andare ancora a segno è invece la squadra di casa, con Tallarigo che insacca il 3 – 0 al 37′. La pressione alta degli ospiti non porta frutti ed a metà frazione Federico prova la carta del portiere di movimento, ma la mossa non si rivela vincente, perché le migliori occasioni sono sempre per il Barcollando, che sfiora il poker con una rovesciata di Tallarigo che si infrange sulla traversa. L’appuntamento con la quarta rete è comunque solo rimandato, perché al 61′ ci pensa Fiorentino a chiudere i conti con il goal del 4 – 0.

Bovalino – Roglianese  4 – 2
Marcatori: 2 Pipicelli (B), Avarello (B), Morabito (B), Catania (R), Baldino (R)

Pipicelli

Il Bovalino non manca l’appuntamento con la vittoria interna e supera la Roglianese per 4 – 2, portando a casa tre punti che gli consentono di avvicinarsi in maniera considerevole alla zona play-off, distante solo due lunghezze. Quasi come fosse diventato un marchio di fabbrica, anche oggi i padroni di casa si fanno notare per una partenza sprint, che gli consente già al 3′ di portarsi in vantaggio con Morabito. La pressione del Bovalino non si placa ed all’8′ arriva anche il raddoppio, con Pipicelli che dal limite non lascia scampo all’estremo difensore ospite. La reazione della Roglianese si concretizza nella rete del 2 – 1 firmata da Catania sugli sviluppi di una rimessa laterale, complice una deviazione di un giocatore locale che mette fuori causa Panuzzo. Dopo aver accorciato le distanze gli ospiti iniziano a prendere campo, ma sono sfortunati quando Baldino nel corso della stessa azione vede i suoi tentativi incocciare prima sulla traversa e poi sul palo. Qualche minuto dopo arriva un altro legno, colpito da Avarello che su punizione dal limite dell’area prova lo scavetto, ma la palla bacia la traversa e tocca la linea di porta senza superarla. L’appuntamento con la ventitreesima rete stagionale è però solo rimandato per il bomber di casa, che al 20′ ancora su punizione ci riprova e questa volta sigla il 3 – 1 con cui si va al riposo.  In avvio di ripresa è ancora il Bovalino a partire meglio ed a trovare la quarta rete, quando Panuzzo compie un bell’anticipo ai danni degli attaccanti avversari e vedendo spazio dinanzi a sè si invola in contropiede, arrivando sulla trequarti avversaria e servendo Pipicelli che a tu per tu con l’estremo difensore della Roglianese non manca l’appuntamento con la doppietta. Gli ospiti non demordono e reagiscono, trovando al 40′ la rete del 4 – 2 con un sinistro di Baldino, che qualche minuto dopo prova ancora ad andare a segno, ma trova sulla sua strada un Panuzzo versione saracinesca. Nel finale mister Sicilia prova la carta del portiere di movimento, ma il Bovalino gestisce bene il risultato e riesce a portare a casa i tre punti senza troppi patemi.
Nel post-partita mister Sicilia ci tiene a ringraziare il Bovalino per la perfetta ospitalità dimostrata quest’oggi.

Amantea – Sporting Club Corigliano  4 – 0
Marcatori: Forte, Motolese, Pellegrino, Furano

pellegrino riccardo 94  citt rende

L’Amantea supera con un secco 4 – 0 lo Sporting Club Corigliano ed allunga a cinque la serie di partite senza sconfitte (tra cui, da segnalare, tre vittorie nelle ultime tre uscite interne), guadagnando una posizione in graduatoria ai danni del Futsal Kroton. Prima frazione con le due squadre che tengono i ritmi bassi, senza creare eccessive preoccupazioni alle rispettive retroguardie, molto attente lungo tutti i trenta minuti, che scorrono via senza grosse emozioni, fatta eccezione per una traversa colta dai padroni di casa.  Nella ripresa l’Amantea inizia ad alzare il ritmo alla ricerca del goal del vantaggio, che arriva sugli sviluppi di un calcio d’angolo grazie a Forte. I padroni di casa riescono poi a trovare anche il raddoppio, con Motolese che a tu per tu con l’estremo difensore ospite prova a scavalcarlo con un pallonetto, ma la palla viene smanacciata e rimane a portata del calcettista di casa che insacca, suscitando però le proteste dei coriglianesi, che recriminano una trattenuta alla maglia del proprio numero uno da parte dello stesso Motolese. Da lì in poi la partita inizia ad innervosirsi e comincia a fioccare qualche fallo di troppo, ma la gara viene comunque tenuta sui giusti binari dai direttori di gara. Gli uomini di mister Prati approfittano del momento di nervosismo degli ospiti per siglare la terza rete con Pellegrino. Il poker porta poi la firma di capitan Furano, che chiude i conti e fissa il punteggio sul 4 – 0 finale.