Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Calcio – Cosenza-Melfi, i precedenti al San Vito. Un pareggio ed una vittoria
tifosi cosenza calcio

Calcio – Cosenza-Melfi, i precedenti al San Vito. Un pareggio ed una vittoria

Cosenza e Melfi si sono incontrate al San Vito solo due volte; nel campionato di seconda divisione 2008-09 e nella scorsa stagione. Il 10 maggio 2009, dopo tante tribolazioni, finalmente giunge il giorno del ritorno del Cosenza nel calcio che conta, o quantomeno che inizia a contare. La trepidante attesa dell’intera settimana partorisce la bellezza di 15.000 spettatori entusiasti e festanti pronti ad accogliere i propri beniamini e portarli in trionfo. L’avversario di turno, il Melfi, impelagato nella lotta salvezza è ad un passo dal raggiungimento della mèta, dopo un girone di ritorno strepitoso. Al Cosenza basta un punto per la matematica ed un punto arriva. Si gioca praticamente soltanto un tempo, il primo, in cui avvengono i pochi episodi degni di nota. Al 15′ Polani in diagonale, quasi dal fondo costringe Russo alla deviazione in angolo. Un minuto dopo una semigirata di Musacco si perde di un soffio sulla trasversale. Al 25′ un perfetto scambio Mortelliti-Polani mette il bomber in condizione di battere a rete: traversa. E’ il preludio al gol, Danti imbecca Polani, difesa in bambola e gol del cannoniere sull’uscita di Russo. Viene giù il “San Vito”.Nella ripresa due tentativi ospiti al 51′ ed al 68′ ed in entrambi i casi Ambrosi si disimpegna da campione. Alla mezz’ora Battisti stende De Angelis in area: rigore che lo stesso De Angelis trasforma per il suo diciottesimo gol. Poi si aspetta solo il fischio del Signor Romani per dare il via alla seconda festa consecutiva. Nella scorsa stagione, il 13 ottobre, alla settima giornata, il Cosenza coglie tre punti importantissimi che lo isolano in testa alla classifica. Una partita sofferta portata a casa con un secondo tempo giocato a buoni ritmi nonostante il grande caldo (oltre 30°) dopo una prima frazione disputata sotto tono e senza verve. Al 71′ penetrazione in area di De Angelis, slalom fra due avversari, il secondo lo atterra: rigore.

Dal dischetto De Angelis calcia debolmente permettendo a Perina addirittura di bloccare il tiro. Al 91′ la svolta; fallo sul neo entrato Criaco, punizione quasi dal fondo che sembra un corner corto, Alessandro calcia forte in mezzo all’area fra la linea dei difensori ed il portiere, il terzino Montenegro tocca con il ginocchio e la palla viene deviata verso la porta, colpisce il palo alla destra di Perina, passa dietro il portiere e finisce in rete accompagnata da De Angelis, ma la palla aveva già oltrepassato la linea di porta. Esplode il “San Vito”.