Home / Sport Strillit / BASKET / Basket, domenica di fuoco per la Viola a Ravenna: in gioco Final Six e primato

Basket, domenica di fuoco per la Viola a Ravenna: in gioco Final Six e primato

di Giovanni Foti – Una delle sfide più significative della stagione per la Viola Reggio Calabria, che va a Ravenna per giocarsi il primo posto in classifica di Lega Due Silver e la qualificazione alle Final Six di Coppa Italia.
Sfida al vertice, tra le due compagini ad oggi più in forma del campionato, assieme a Tortona, che, in striscia di 8 vittorie consecutive, insegue il gruppo delle prime.
Forse la gara più difficile per i ragazzi di coach Benedetto, che affrontano, fuori casa, una delle forze del campionato, reduce, però, da una sconfitta amara, ma comunque determinata a rimanere in testa.
La squadra di coach Martino, tuttavia, vuole ottenere un vantaggio nello scontro diretto, vedendo la Viola come una delle prime minacce di questo campionato.
Spazio allora, ai due americani dell’Acmar: Michael Anthony Singletary ed Emmanuel Holloway, il primo raccoglie 9.4 rimbalzi di media con anche 15.6 punti a partita, mentre il secondo crea gioco smistando 2.6 assist e segnando più di 11 punti di media ad allacciata di scarpe.
In cabina di regia c’è Eugenio Rivali, che guida la squadra con 5 assist di media, risultando pericoloso anche sotto canestro, con 9.5 punti e il 46% da 2.
Completano il quintetto il centro Francesco Amoni e Andrea Raschi, entrambi in grado di far male dalla lunga distanza, viaggiando rispettivamente col 40 e 50% da 3.
In panchina, oltre al 39enne Francesco Foiera, siedono tanti giovani interessanti come Matteo Tambone (8.6 punti di media), Giacomo Cicognani e Jacopo Grassi.
La Viola, dall’altra parte, arriva da 6 vittorie in fila e tanto entusiasmo, ma soprattutto la sicurezza di un gruppo solido, fomentato dal ritorno al PalaCalafiore, che ha dato quella marcia in più al cammino della massima rappresentazione del basket in Calabria.
I nero-arancio si presentano alla sfida con la rosa al completo, consapevoli del peso della gara, ma anche del potenziale a disposizione, con un Moe Deloach ritrovato e soprattutto un Erik Rush in grado di tenere a galla la squadra in ogni parte del campo.
Un ruolo fondamentale sarà quello del capitano Ammannato, la chiave difensiva per i nero-arancio, che dovranno mettere in campo qualcosa in più per portare la partita a casa e continuare il sogno, per poi attendere l’altra prima forza del campionato: Treviso, in un altro match che darà un’ impronta ben precisa per il girone di ritorno e che sarà sentito all’interno delle mura amiche in riva allo Stretto.