Home / Sport Strillit / BASKET / Basket: la Viola vuole il record di pubblico per la Serie A2, tocca a Reggio

Basket: la Viola vuole il record di pubblico per la Serie A2, tocca a Reggio

C’è il PalaCalafiore tirato a lucido, c’è l’attenzione mediatica che una squadra con la storia come quella dei neroarancio  merita e c’è una squadra che sul parquet sta dimostrando di poter andare forse addirittura oltre i propri parametri tecnici, inanellando vittorie dopo aver lottato punto a punto.

Sofferte e volute, ma soprattutto ottenute.  Le affermazioni dei reggini sono quelle che fanno ammattire i tifosi che da pochi stanno cominciando a diventare tanti.

Basterebbe la classifica per far capire che la Viola ha tutta la voglia di riproporsi ai vertici del movimento cestistico nazionale, ma non c’è solo quella.

L’obiettivo è comune, ma non si può pensare di raggiungerlo senza l’ausilio del pubblico, vero e proprio motore della Viola anche negli anni d’oro.

La vetta che è lontana solo due punti, un passo,  è occupata da Ravenna e soprattutto Treviso.   Le affronterà in serie la compagine di Coach Benedetto, prima però c’è Chieti e non si può pensare di fallire un appuntamento così importante.

Le tabelle, in questi casi, servono a pochi, anche perchè non ci vuole un genio matematico per capire quale sia la strada giusta per trovarsi in vetta alla fine di questo terzetto di partite.

Vietato, dunque, fare il passo più lungo della gamba.   C’è però una speciale classifica dove ad andare in campo sarà il pubblico, quella del record di spettatori in Serie A2 Silver.

Lo detiene Treviso, l’altra storica decaduta del basket nazionale che milita nello stesso campionato dei reggini.  Una sfida infinita che, per una volta, vorrebbe veder prevalere gli alfieri del Meridione contro un’esponente dell’opulento Nord.

4300 e spiccioli sono stati gli spettatori fatti segnare dal Palaverde, la Viola si è fermato a qualche centinaio di spettatori di distanza e, comunque vada l’aspetto sportivo, ha tutto l’interesse a prendersi quel record “sociale” con l’ausilio dei propri tifosi.

Contro Chieti si prevede grande afflusso, ci saranno tanti emigrati che, rincasati per le feste a Reggio, potranno tornare a sentire propri i colori neroarancio.  Il tutto rischia di essere la prova generale per  il prossimo impegno casalingo. Dopo la trasferta di Ravenna, infatti, al Pentiemele arriverà proprio Treviso e sarà proprio quello il momento di tornare a scrivere la storia, anche per i tifosi.