Home / Sport Strillit / CALCIO A 5 / Calcio a 5: Serie C1, il punto sulla 11° giornata

Calcio a 5: Serie C1, il punto sulla 11° giornata

Zefhir Mega Five – Real Rogit  6 – 1
Marcatori: 4 Lorenti (Z), Zappellini (Z), Sarica (Z), Cofone (R)

Lorenti

Lo Zefhir Mega Five si impone con un netto 6 – 1 sul Real Rogit e si riprende il secondo posto in classifica proprio ai danni dei diretti avversari odierni. 
Parte bene la squadra di casa, che dopo meno di dieci minuti trova il goal del vantaggio grazie a Lorenti. La reazione del Real Rogit mette alle corde uno Zefhir che soffre le iniziative di un ispirato Cofone, bravo a trovare il goal dell’1 – 1. Il resto della frazione scivola via con qualche occasione da un lato e dall’altro, ma è l’equilibrio a fare da padrone e si va al riposo sul risultato di parità.
Al rientro dagli spogliatoi lo Zefhir sembra più determinato ed ancora grazie a Lorenti riesce a portarsi nuovamente in vantaggio. La reazione del Rogit viene stroncata dalla rete qualche minuto dopo da parte di Zappellini, che porta il parziale sul 3 – 1. Nel tentativo di rientrare in partita gli ospiti iniziano a sbilanciarsi, favorendo così le ripartenze di uno Zefhir bravo a sfruttare gli spazi a disposizione e ad insaccare anche la quarta rete, questa volta con Sarica. Il Real Rogit prova allora la carta del portiere di movimento per perforare la porta di un Tamiro che sembra però in forma smagliante. Gli ospiti non riescono a trovare la rete che possa riaprire i giochi ed anzi ne subiscono altre due ad opera di Lorenti, che sigla così il poker personale e fissa il punteggio sul 6 – 1.

Bovalino – Futsal Enotria 5 – 1 
Marcatori: 4 Cataldo (B), Avarello (B), Mirante G. (E)

bovalino 27 09 14

Dopo lo stop patito sul campo del Real Rogit nell’ultima uscita di campionato, il Bovalino torna a macinare punti, superando per 5 – 1 il Futsal Enotria, agganciando gli stessi rivali odierni a quota 17 punti in classifica.
Prima frazione molto equilibrata, con le due squadre che si danno battaglia in mezzo al campo, provando a trovare il varco giusto per portarsi in vantaggio. Il primo acuto è di Giovanni Avarello, che trova però pronto l’ottimo Patruno a dire di no. Gli ospiti tengono bene il possesso palla, provando a creare qualche grattacapo a Panuzzo, che però si fa sempre trovare pronto a sventare le minacce portate dall’Enotria. Ospiti anche sfortunati quando un tiro di Carnuccio supera l’estremo difensore locale, ma sbatte sulla traversa. La carta che sblocca l’equilibrio la giocano i padroni di casa, che mandano in campo Cataldo, bravo e reattivo appena entrato in campo a sfruttare un assist di Avarello per portare il Bovalino in vantaggio, mandando le squadre al riposo sull’1 – 0. 
In avvio di ripresa gli ospiti partono all’arrembaggio, mettendo in seria difficoltà la retroguardia del Bovalino nei primi minuti e colpendo un altro legno, questa volta con Brandonisio che vede spegnersi sul palo i suoi sogni di gloria. L’audacia dell’Enotria non viene premiata ed è anzi ancora il Bovalino a scatenarsi, prima con Avarello che insacca su assist di Pipicelli, e poi ancora Cataldo, tagliando di fatto le gambe ad una squadra ospite che, nonostante l’ottimo approccio al rientro dagli spogliatoi, si trova ora sotto di tre reti. Gli ospiti provano ancora a rientrare in partita e ci riescono al 21′ con una punizione di Giuseppe Mirante che supera Panuzzo. Le velleità di rimonta dell’Enotria durano però poco, perché dopo appena due minuti l’indiscusso “man of the match”, Cataldo, firma la quarta rete del Bovalino. Gli ospiti tentano la carta del portiere di movimento, ma perdono palla e ancora Cataldo dalla sua metà campo insacca la rete che gli vale il poker personale, ma che soprattutto fissa il punteggio sul 5 – 1 finale.

Polisportiva Futura – Città di Vibo 5 – 3
Marcatori: Martino (P), Rappocciolo (P), Votano (P), Toni (P), Gil (P), Policaro (V), Briga A. (V), Paternò (V)

Gil Martins Da-Silva 82 Futura

Dopo la conquista della Coppa Italia, la Polisportiva Futura torna a vincere anche in campionato, superando per 5 – 3 sul proprio terreno di gioco il Città di Vibo ed allungando a sei punti il vantaggio sulla seconda in classifica, che da oggi è nuovamente lo Zefhir Mega Five. 
Padroni di casa probabilmente ancora con la testa immersa nei festeggiamenti, che non riescono ad imprimere il loro ritmo devastante alla gara con la usuale continuità. L’avvio è comunque promettente per gli uomini di Alfarano che si portano subito sul 3 – 0. Gli ospiti però non sono venuti qui per ammirare gli avversari ed entrano in partita con le reti di Policaro e Briga A., che riaprono la partita e portano il parziale sul 3 – 2. 
Nella ripresa, con il punteggio in bilico, la Polisportiva Futura imprime un’altra accelerata al match, come aveva fatto nella prima frazione, trovando due reti che portano a tre il gap tra sé e gli avversari. Il Città di Vibo dimostra però di non meritare l’attuale posizione di classifica e non si dà per vinto, accorciando le distanze con Paternò. Gli ospiti si vedono poi annullare la quarta rete per un presunto fallo commesso da un giocatore in barriera ai danni di Lo Gatto sugli sviluppi di un calcio di punizione. In ogni caso, al triplice fischio la Polisportiva Futura porta a casa i tre punti, allungando sulla seconda in classifica.

Five Soccer Cz – Roglianese  4 – 2
Marcatori: 2 Giampà (F), Capicotto A. (F), Gigliotti (F), 2 Stumpo (R)

Giamp Marco 92 Five CZ

La Five Soccer conquista i tre punti superando per 4 – 2 la Roglianese, portandosi così a 18 punti e sopravanzando l’Enotria. 
Partita gradevole sin dall’avvio, con una Roglianese che non dimostra alcun timore dell’avversario e non limita la sua gara a chiudersi in difesa, ma prova a controbattere colpo su colpo ai padroni di casa. La Five trova comunque il vantaggio dopo tre minuti, con Giampà che porta il parziale sull’1 – 0. Il raddoppio arriva al 18′ ed è firmato da Andrea Capicotto. La reazione della Roglianese arriva, ma la retroguardia locale fa buona guardia e mantiene il doppio vantaggio. In chiusura di tempo ci pensa poi Gigliotti a siglare il tris ed a mandare i suoi al riposo sul 3 – 0.
Nella ripresa la Roglianese prova a riportarsi in partita, partendo subito agguerrita ed utilizzando ad intermittenza la carta del portiere di movimento. La squadra di Sicilia tira così fuori una reazione che frutta la doppietta di Stumpo, che porta il parziale sul 3 – 2 e rimette tutto in discussione. Al 20′ però arriva la rete che taglia le gambe agli ospiti, siglata ancora da Giampà. Gli assalti finali della Roglianese non riescono a riaprire la partita ed i padroni di casa riescono così a fare propri i tre punti.

Barcollando – Sporting Club Corigliano 3 – 0
Marcatori: Sestito, Chiarella, Fiorentino

Sestito Andrea

Tutto facile per il Barcollando, che supera per 3 – 0 il fanalino di coda Sporting Club Corigliano tra le mura amiche ed aggancia al terzo posto in classifica il Real Rogit a quota 22 punti. 
Tema tattico chiaro sin dai primi minuti, con i padroni di casa che fa la partita e lo Sporting Club che prova a difendersi e ripartire. Padroni di casa che, nonostante qualche buona azione da goal costruita, non riescono a sfondare il muro eretto dagli ospiti nella prima metà della frazione. Il punteggio si sblocca però al 17′, quando Sestito trova il varco giusto per far breccia nella difesa coriglianese ed insacca l’1 – 0. Cambia il punteggio, ma non il canovaccio, con il Barcollando che tiene palla e cerca la seconda rete, che arriva al primo minuto di recupero con Chiarella, che manda i suoi al riposo avanti 2 – 0.
Nel secondo tempo lo Sporting Club prova a fare qualcosa di più, ma non trova la rete che possa riaprire i giochi. E’ invece ancora il Barcollando ad andare in goal, con Fiorentino che al 48′ supera per la terza volta l’estremo difensore ospite. Gli ultimi dieci minuti di gioco scivolano via con poche occasioni e con i padroni di casa che pensano più a gestire il risultato, che al triplice fischio è di 3 – 0.

Amantea – Futsal Kroton  3 – 1
Marcatori: 2 Motolese (A), Pellegrino (A), Zanda (K)

motolese egidio 85  amanteamotolese egidio 85 amanteaL’Amantea si aggiudica tra le mura amiche l’importante scontro salvezza contro il Futsal Kroton, imponendosi sui pitagorici per 3 – 1 e superandoli così in graduatoria, tirandosi momentaneamente fuori dalla zona rossa dei play out.
Nonostante l’importanza dei punti in palio le squadre danno vita ad un bello spettacolo nella prima frazione, senza pensare troppo ai tatticismi e cercando la via della rete che sblocchi in proprio favore il punteggio. La prima compagine a mettere la palla in fondo al sacco è quella di casa, con Motolese. La reazione del Futsal Kroton trova nella retroguardia locale un bastione insuperabile, mentre i tentativi di arrivare al raddoppio dell’Amantea trovano sempre in Vitellaro un valido opponente. Si va al riposo sull’1 – 0. 
In avvio di ripresa gli ospiti rientrano in campo con decisione, sfruttando alla perfezione un’incomprensione tra portiere e difensore dell’Amantea per trovare la rete dell’1 – 1 con Zanda. Ristabilita la parità le due squadre, adesso sì, sembrano aver paura di perdere e l’equilibrio sembra dover fare da padrone fino al triplice fischio. Tuttavia a otto minuti dal termine Pellegrino con un gran tiro da fuori supera Vitellaro, riportando l’Amantea in vantaggio. Nel finale il Futsal Kroton prova la carta del portiere di movimento, ma la mossa non risulta vincente, poiché è ancora la squadra di casa ad andare in goal, con Motolese che intercetta palla e deposita in rete il 3 – 1.

Città di Fiore – Maestrelli 2 – 0
Marcatori: Mannarino, Simari

Simari Cristian 90 Citt FioreS

Il Città di Fiore continua la sua striscia positiva, inanellando la terza vittoria consecutiva ed aggiudicandosi anche lo scontro diretto contro la Maestrelli, sconfitta dagli uomini di mister Federico per 2 – 0. Tre punti pesanti per i padroni di casa, che si avvicinano all’uscita dalla zona play off, distante ora solamente tre punti.
Squadre che nella prima frazione danno vita ad un match molto tattico, in cui nessuna delle due compagini si scopre più di tanto, lasciando così poco spazio alle occasioni ed allo spettacolo. Qualche tiro verso le porte difese dai rispettivi estremi difensori arriva, ma nulla che li impensierisca più di tanto e si va così al riposo sullo 0 – 0.
Nella ripresa l’equilibrio continua a non sbloccarsi e le occasioni da rete vere e proprie latitano ancora. A poco più di dieci minuti dal termine i padroni di casa provano a giocare la carta del portiere di movimento. La mossa si rivela più che azzeccata, perché dopo qualche minuto arriva l’1 – 0 firmato da Mannarino, che porta in vantaggio il Città di Fiore. La Maestrelli prova a reagire, giocando a sua volta la carta del quinto uomo, ma è ancora la squadra locale ad andare in rete, con Simari che intercetta palla a centrocampo e deposita in rete il 2 – 0 che chiude la partita e consegna i tre punti al Città di Fiore.