Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Reggio, Mediterranean Cup di Vela: 30° Edizione. Si rinnova la legenda.

Reggio, Mediterranean Cup di Vela: 30° Edizione. Si rinnova la legenda.

La vela come veicolo di promozione e sviluppo economico e turistico della città di Reggio Calabria. Era un’idea nel 1984 , anno di fondazione del Circolo Velico Reggio, è divenuto un progetto, adesso è una realtà.

Reggio, in questa settimana, è stata la sede della  regata internazionale MEDITERRANEAN CUP di assoluto prestigio e di alto valore tecnico seguito dai web  e dagli speciali tv . Media e pubblicità sempre sovrane, senza dimenticare il passaparola di chi viene a Reggio per la prima volta e giura di tornarci perché è rimasto stupito dalla bellezza, dal clima , dalle condizioni del mare ed all’accoglienza.       La “ Med  Cup 2014”, così viene definita dal web  e dal mondo di Internet , ha fruttato la partecipazione record di 120 imbarcazioni,  provenienti da tutta Italia, e non è mancato il coinvolgimento della  cultura.  La regata fa parte del MEF , il Mediterranean Experiences Festival, e il Circolo ha ottenuto al Teatro Loreto, dalle mani degli organizzatori, il riconoscimento di aver favorito con la propria azione sportiva la valorizzazione del Mediterraneo e la diffusione dei rapporti di amicizia.

Quest’anno  la regata, che si svolgeva sempre ai primi di Novembre, si è svolta in una data insolita,il 7 e 8 Dicembre 2014.   Le condizioni meteorologiche sono state una sfida della città di Reggio e degli organizzatori del Circolo Velico   proponendo l’utilizzo del mare,  “ fuori stagione”, come scenario di una manifestazione sportiva che  utilizza  e rilancia la città anche per incrementare le presenze turistiche e facendo divenire Reggio, Capitale della Vela italiana.

Quattro giorni di spettacolo nel tratto di mare, antistante al Velico con le centoventi imbarcazioni con i suoi supporter , i mezzi al seguito, gli accompagnatori e i tecnici.

Il 5 e 6 Dicembre ,due giorni di “clinic” con i tecnici della Nazionale Meringolo e Giorgianni, un antipasto succoso di quello che è stata la 30° Edizione della Mediterranean Cup , e, a seguire, due giorni intensi di regata con ben sei prove disputate.

Il clima, questa realtà, che a volte ispira riti scaramantici,  è stato sorprendente con  un mare senza onda , un vento da Nord Ovest di intensità da 4 a 12 nodi  e la solita corrente marina  ma non di forte intensità . E poi sole. A tratti, con scarsissima pioggia in un momento caratterizzato in tutta Italia da diffusa perturbazione.

Da sottolineare il patrocinio della Croce Rossa che ha curato a terra e in acqua , con un mezzo proprio e con personale specializzato, la copertura sanitaria e l’ARPACAL che ha sottolineato come vela, mare e ambiente sono imprescindibili .

Ma veniamo alle classifiche   dopo sei prove disputate.

Il podio, nella categoria Juniores, i più grandicelli, è stato conquistato dal costante Claudio Fontes del Circolo Nautico NIC di Catania seguito da Demetrio Sposato del Club Velico Crotone. . A seguire Oliver Riccobono del Circolo Vela Sicilia e da Salvatore Picciurro del Circolo Canottieri Roggero di Lauria di Palermo e da Marco Crispino della LNI di Napoli. Prima donna Sofia Giunchiglia del Circolo Canottieri di Palermo .

Nella categoria Cadetti, primo il regolare Marco Genna del Circolo Canottieri,seguito da Andrea Marotta e da Francesco di Feliceantonio della LNI di Pescara, segue Federico Figlia di Granara del Canottieri Posillipo e quinto Alessandro Mare del Circolo Velico Salerno . Seguono altri 43 concorrenti. Prima donna Irene Funtò della LNI di Crotone.