Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Bocce, primo campionato interprovinciale vinto dalla Cortalebocce

Bocce, primo campionato interprovinciale vinto dalla Cortalebocce

La Cortalebocce conquista il suo primo campionato interprovinciale.

Nella ventennale storia questo è il primo successo assoluto, dopo numerose partecipazioni alle fasi finali.

L’avvincente campionato interprovinciale ha vissuto domenica scorsa la sua giornata conclusiva, nel bocciodromo di Vibo Valentia. Le migliori quattro formazioni del torneo si sono infatti sfidate in altrettanti incontri: al mattino, secondo sorteggio, la S.B. Aurora contro la Cortalebocce e, in seguito, la Lameziabocce contro la S.B. San Gregorio.

Nel primo scontro, conclusosi agli spareggi, la Cortalebocce ha avuto la meglio sulla formazione di Pizzo; stesso discorso per il San Gregorio, che più agevolmente si è qualificato per la finale.

Nel pomeriggio, quindi, le due formazioni vincenti si sono affrontate senza esclusione di colpi. Dopo aver perso due dei quattro giochi previsti, ossia Combinato e Coppia, la compagine della Cortalebocce si è rifatta sotto grazie alle ottime prove nell’Individuale e nella Terna.

Seconda sfida, secondo spareggio per la formazione del comitato di Catanzaro, che la spunta nuovamente grazie ad una migliore precisione nel momento più decisivo della partita.

Oltre al nucleo storico della formazione, sicuramente, ad avere dato una marcia in più sono stati il “ritorno” di alcuni storici giocatori e il determinante apporto fornito da due boccisti “acquisiti” dalla vicina società di Caraffa (CZ).

Grande soddisfazione per la società a cui giungono i complimenti del Comitato di Catanzaro e di Vibo Valentia; complimenti estesi a tutte le società partecipanti per l’entusiasmo e la sportività dimostrati.

Foto

alzati: Brutto R. (vice preidente  provinciale), Puccio G., Mascaro P., Leone R., Procopio N., Molea V., Vitaliano, Colubriale N. (presidente provinciale).

abbassati: Valentino F., Procopio F., Fodaro G., Russo F., Muraca G., Cannito A., Cefalì R.