Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Reggio, “Sport&Go!”: Genitori, Istruttori e Ragazzi in campo per rinnovare l’attività Giovanile

Reggio, “Sport&Go!”: Genitori, Istruttori e Ragazzi in campo per rinnovare l’attività Giovanile

Trenta Scuole Calcio per 83 squadre iscritte alla Fase Provinciale dei Campionati giovanili (per le discipline calcistiche) organizzati e promossi dal CSI; a breve, al termine delle iscrizioni, saranno ufficializzate anche le adesioni, già cospicue, per il Mini Basket e il Mini Volley: ad oggi l’Area “Settore Giovanile” stima in 5.000 ragazzi (dai 7 ai 12 anni), 250 istruttori sportivi e 3.000 famiglie coinvolte nel progetto “Sport&Go!”. Numeri da record che si combinano con una nuova proiezione di pratica sportiva per i ragazzi. « A volte l’opera sportiva – afferma Paolo Cicciù, presidente provinciale del CSI Reggio Calabria – si stacca dell’impegno educativo, convinti che educare è  compito di un altro, di insegnare un altro ancora e di pregare solo di alcuni. Altre volte tutti coloro che sono impegnati nella crescita di un ragazzo operano come se il ragazzo fosse solo loro, slegati l’uno dall’altro, senza rendersi conto che il ragazzo è  lo stesso che vive più mondi. La proposta del Centro Sportivo Italiano vuole essere un aiuto affinché genitori, allenatori, dirigenti, insegnanti si confrontino sullo stesso obiettivo: la crescita integrale di un ragazzo ».

 

Il progetto “Sport&Go! Crescere con lo Sport” ha il rivoluzionario obiettivo di sviluppare un nuovo percorso educativo e formativo nello sport giovanile. Ancora una volta, grazie alla fiducia della Presidenza Nazionale CSI e alla lungimiranza dei dirigenti locali del Centro Sportivo Italiano, l’esperienza sarà unica e pilota a Reggio Calabria per tutta l’Italia e prevede diversi step progettuali. Ovviamente spazio all’attività sportiva con i campionati nazionali Under 10 e Under 12 delle discipline di Calcio a 5, Calcio a 7, Mini Basket e Mini Volley; ad essa sarà affiancata un’attività parallela fatta di giochi motori a tema. Per la prima volta le gare non saranno in “auto-arbitraggio”, ma è prevista la presenza dell’arbitro-educatore in campo; anche per i direttori di gara è prevista una formazione specifica. Seconda “azione” è la formazione degli allenatori del Settore Giovanile, sin dalla Fase Provinciale; infatti, gli allenatori/istruttori delle società sportive giovanili, arricchiranno il loro percorso formativo partecipando ad un itinerario specifico (Master per Educatore Sportivo) promosso dal Comitato Provinciale del CSI di concerto con i principali stakeholders del settore. Inoltre, in sinergia con l’Area Welfare e Promozione del CSI Reggio Calabriasarà organizzato un evento formativo, un vero e proprio tavolo di confronto per discutere dei  risultati degli  Stati Generali dello Sport Giovanile tenutosi a Reggio Calabria lo scorso ottobre. Terzo aspetto unico del progetto riguarda il coinvolgimento delle famiglie: durante l’anno, l’equipe psicopedagogica del Comitato,  incontrerà  presso la singola società sportiva, i genitori dei ragazzi. L’obiettivo è quello  di dare la possibilità ai genitori di confrontarsi sulle diverse problematiche “Genitori – Figli”.  Questo spazio non vuole spiegare ai genitori come e perché far fare sport ai figli, quanto coinvolgerli in modo più consapevole nel ruolo educativo quale sono chiamati a rispondere.

 

« L’unicità di questo progetto – prosegue Cicciù – consiste nel proporre, per i  ragazzi dai 7 ai 12 anni delle società sportive giovanili di Reggio Calabria, in un territorio oggetto di logiche di illegalità, una concreta azione di sport educativo. Un percorso  completo  che coinvolge i genitori, gli allenatori e gli arbitri.  Infatti, la classifica finale non terrà conto solo ed esclusivamente dei valori tecnici ma, per la prima volta, scaturirà anche dal coinvolgimento educativo delle famiglia (Percorso Genitori a Bordo campo) e degli Istruttori (Formazione specifica). Quindi un percorso sportivo giovanile dove – sottolinea il Consigliere Nazionale CSI –  vinceranno i “valori in campo”.  Una scommessa per far comprendere ai genitori che la loro presenza costruttiva è necessaria per far vincere i loro figli nello Sport così come nella vita ».