Home / Sport Strillit / CALCIO A 5 / Calcio a 5, Serie C1: il punto sull’8^ giornata

Calcio a 5, Serie C1: il punto sull’8^ giornata

La Futura continua a fare corsa a sè. Lo Zefhir inciampa in casa ad opera di un pratico Bovalino. Il passo falso dello Zefhir fa felice il Real Rogit che, superando in extremis la Five Soccer Cz conquista il posto d’onore in solitario. Sul terzo gradino siedono in tre ovvero, Zefhir e due catanzaresi Enotria e Barcollando che. impattano nel derby. Divisione della posta anche a Rogliano e Crotone mentre il Città di Vibo annulla l’emoraggia di sconfitte e dopo cinque stop consecutivi torna a conquistare i tre punti ai danni dello Sporting C. Corigliano

Polisportiva Futura – Amantea 5 – 0
Marcatori: 3 Gil, 2 votano

Gil Martins Da-Silva  Futura

Ormai non fa quasi più notizia, la Polisportiva Futura vince ancora, salendo a 24 punti in classifica e mantenendo il suo vantaggio di cinque punti sulla seconda posizione, occupata dal Real Rogit. Amantea che ha provato ad opporsi con i propri mezzi alla corazzata di mister Alfarano, che ha però sin da subito messo in chiaro le cose, con la rete di Gil che ha aperto le porte all’ottava vittoria in altrettante giornate di campionato. Trovata la rete del 2 – 0, i padroni di casa hanno pensato a gestire il risultato, piuttosto che continuare a spingere senza tregua come fanno di solito, probabilmente consapevoli dell’importanza della sfida che li attende mercoledì, quando affronteranno il ritorno di Coppa Italia con lo Zefhir Mega Five, valido per l’accesso alle final four. Nella ripresa, forti del vantaggio di due reti, i padroni di casa hanno continuato a gestire possesso palla e risultato, dando spazio ad un’ampia rotazione, che ha coinvolto anche gli under. Nonostante i ritmi più bassi, i padroni di casa, trascinati dal duo Gil-Votano, autori rispettivamente di una tripletta e di una doppietta, hanno arrotondato il punteggio in proprio favore fino al 5 – 0 finale, che gli consente di rimanere in vetta a punteggio pieno.

Zefhir Mega Five – Bovalino  4 – 5
Marcatori: 2 Cuzzocrea (Z), Spanò (Z), Presini (Z), 4 Avarello (B), Federico P. (B)

Avarello G

GIl risultato a sorpresa di giornata arriva dal campo dello Zefhir Mega Five, dove il Bovalino si impone per 4 – 5, grazie ad uno scatenato Giovanni Avarello, autore di un poker, ma soprattutto ad un primo tempo praticamente perfetto, chiuso avanti di quattro reti dagli amaranto. Partita che si sblocca dopo appena tre minuti, quando Giovanni Avarello con un gran tocco sotto insacca sotto la traversa direttamente su punizione dal limite dell’area. I padroni di casa provano a riorganizzare le idee ed a mettere pressione agli ospiti che si difendono però bene, soprattutto grazie agli interventi di un ottimo Panuzzo. Gli attacchi dello Zefhir sono poco pungenti, mentre i contropiedi del Bovalino sono sempre pericolosi e proprio in occasione di due ripartenze ancora Giovanni Avarello trova per altrettante volte la via della rete tra il 26′ ed il 28′, portando il parziale sullo 0 – 3. Il primo tempo da incubo non è però ancora finito per gli uomini di mister Carella, perché nel recupero Pasquale Federico ruba palla e si presenta solo di fronte a Castello, battendolo per il clamoroso 0 – 4 Bovalino con cui si va al riposo. Dopo lo shock subito nei primi 30′, lo Zefhir rientra in campo molto più determinato, rientrando sin da subito in partita con una doppietta di Cuzzocrea nel giro di due minuti. La partita inizia ad innervosirsi e gli arbitri faticano a tenere la situazione sotto controllo, con qualche discussione di troppo tra i giocatori, che però non degenera in nulla di più serio, fortunatamente. I locali aumentano la spinta e si avvicinano ancora di più nel punteggio al Bovalino quando Spanò mette dentro il 3 – 4 che dà il via ad un quarto d’ora di fuoco. Qualche minuto dopo è Presini a siglare un goal fotocopia, appoggiando una palla sul secondo palo per il 4 – 4 che impatta nuovamente il punteggio e resetta tutto. Il Bovalino però non accusa il cambio di inerzia della partita ed al 23′ si guadagna un rigore, con Presini che tocca di mano un cross di Clemente indirizzato ad Avarello. Lo stesso calcettista amaranto si incarica della trasformazione, battendo Castello per il nuovo vantaggio ospite. I padroni di casa restano anche in inferiorità numerica a causa della doppia ammonizione di Pratticò, che si becca due cartellini gialli nel giro di un minuto. Tornato in cinque, lo Zefhir prova a giocare la carta del portiere di movimento, ma è ancora il Bovalino ad avere l’occasione per chiudere la partita, con Avarello che però questa volta è stranamente impreciso e fallisce la segnatura del doppio vantaggio. La pressione dei minuti finali dei locali non produce i frutti sperati ed il Bovalino può festeggiare la terza vittoria consecutiva, sbancando il campo dello Zefhir.

Real Rogit – Five Soccer Cz  7 – 6
Marcatori: 3 Cofone (R), 2 Pereira (R), Graziano (R), Campana G. (R), 3 Zurlo (F), Alampi (F), Giampà (F), Capicotto A. (F)

Cofone rete 1 0

Spettacolo e ben tredici reti in uno dei match più appetitosi dell’ottava giornata di Serie C1, quello tra Real Rogit e Five Soccer, che ha visto i padroni di casa imporsi per 7 – 6 sulla squadra di Brescia, inanellando così la terza vittoria consecutiva e, complice lo scivolone interno dello Zefhir, piazzandosi al secondo posto in solitaria.
Partenza favorevole al Real Rogit, che parte con il piede sull’acceleratore e trova subito la rete del vantaggio con Cofone. La risposta della squadra ospite arriva poco dopo con il pareggio firmato da Zurlo, ma gli uomini di Crucedi riescono a trovare ancora il vantaggio con Graziano. Il buon primo tempo dei locali prosegue poi con le reti di ancora di Cofone e quindi di G. Campana, che portano il parziale sul 4 – 1. La Five prova una timida reazione con il 4 – 2 di Alampi, ma la prima frazione è roba del Rogit e la rete di Adelmo Pereira, che vale il 5 – 2, lo dimostra.
Nella ripresa la Five Soccer entra però in campo più determinata e si riporta subito in partita al 9′ con la rete di Giampà. Poco dopo il goal di Zurlo porta a meno uno gli ospiti, che ora ci credono.

Cofone rete 3 1

Nel momento di maggiore difficoltà sale però ancora in cattedra Cofone, che mette dentro la sua tripletta personale ed allunga per i suoi. La squadra di mister Brescia non demorde ed accorcia ancora una volta con Zurlo (anch’egli autore di una tripletta). I padroni di casa iniziano a  sentire la pressione dell’ennesimo ritorno della Five Soccer e vengono ancora una volta trafitti, con il goal di Andrea Capicotto che vale il meritato 6 – 6 per gli ospiti. A questo punto gli ospiti, autori di un gran secondo tempo, provano addirittura a vincerla, ma prima Domenico Campana e poi il palo strozzano in gola l’urlo di gioia di Zurlo. Il finale da brivido gira però a favore del Real Rogit, che con Adelmo Pereira trova la rete decisiva, che vale il 7 – 6, ma soprattutto i tre punti che gli consentono di prendersi il secondo posto a quota 19 punti.

Futsal Enotria – Barcollando  2 – 2
Marcatori: 2 Brandonisio (E), Tallarigo (B), Rocca (B)

Enotria Barcollando ingresso

L’Enotria vede sfumare la quinta vittoria consecutiva proprio all’ultimo minuta, acciuffata al 59′ da un ottimo Barcollando, che nonostante le numerose assenze ha tenuto testa ai padroni di casa, uscendo dal terreno di gioco con un buon 2 – 2 che consente ad entrambe di mantenersi in piena zona play off. Prima frazione che, nonostante termini a reti bianche, viaggia su buoni ritmi, con i padroni di casa che provano a tenere in mano il pallino del gioco e gli ospiti che si difendono, grazie soprattutto al loro ottimo estremo difensore Sperlì. Anche Patruno quando viene chiamato in causa si disimpegna egregiamente, mantenendo lo 0 – 0 fino al rientro negli spogliatoi. Nella ripresa gli attacchi delle due compagini iniziano ad essere più incisivi ed al 39′ l’equilibrio viene sbloccato dalla rete di Brandonisio, che fa 1 – 0 per l’Enotria. La reazione del Barcollando non tarda ad arrivare ed al 46′ è Tallarigo ad impattare il punteggio. Dopo questo botta e risposta, la partita torna ad essere abbastanza tattica, con le due squadre che sembrano avere più paura di perdere terreno sugli avversari in classifica, che voglia di vincere. Al 57′ però ancora i padroni di casa trovano la rete del 2 – 1, quando un tiro da fuori di Brandonisio incoccia sul palo e sbatte sulla schiena di uno sfortunatissimo Sperlì, per poi terminare la sua corsa in rete. Carrozza prova a correre subito ai ripari, giocando la carta del portiere di movimento, che al 59′ frutta la rete di Rocca, che fissa il punteggio sul 2 – 2 finale.

Futsal Kroton – Città di Fiore  3 – 3
Marcatori: 2 Zanda (K), Arcuri (K), Silletti (CdF), Simari (CdF), Oliverio (CdF)

Oliverio Mirko 81 Citt Fiore

A poco più di un mese di distanza, il Città di Fiore torna a raccogliere punti, impattando per 3 – 3 nello scontro diretto sul campo del Futsal Kroton, acciuffando il pari all’ultimo respiro.
Avvio favorevole ai padroni di casa, che partono meglio e mettono alle strette un Città di Fiore in difficoltà soprattutto psicologica dopo gli ultimi risultati. La doppietta di Zanda, che vale il 2 – 0 per il Futsal Kroton, sembra indirizzare la partita in favore dei pitagorici, che nel primo quarto d’ora sembrano padroni del campo. Dopo il brutto avvio, il Città di Fiore inizia a macinare gioco e la rete di Silletta è il meritato premio per la reazione offerta dagli ospiti. Si va dunque al riposo sul 2 – 1.
Al rientro in campo sembra di assistere al replay dell’avvio di gara, con il Futsal Kroton che trova per la terza volta la via della rete, con Arcuri. Gli ospiti però non demordono ed iniziano ad alzare il pressing alla ricerca del goal che riaprirebbe i giochi, che arriva grazie a Simari. Il Città di Fiore ci crede e gioca la carta del portiere di movimento, che si rivela vincente quando proprio nei secondi finali capitan Oliverio trova la rete che vale il 3 – 3 e consegna un punto prezioso soprattutto sotto il punto di vista mentale ai suoi.

Roglianese – Maestrelli 4 – 4
Marcatori: 2 Baldino (R), Fialà (R), Perri (R), 2 Marando (M), Chiaia (M), Cormaci (M)

Marando Rocco

Finisce 4 – 4 tra Roglianese e Maestrelli, al termine di un incontro che ha visto sicuramente meglio i padroni di casa nella prima frazione, con un ritorno di fiamma della squadra di mister Milici nella ripresa, che gli è valso il pari proprio all’ultimo affondo. Prima frazione, come anticipato, di marca locale, con gli uomini di Sicilia che grazie alla doppietta di Baldino ed alla rete di Fialà si portano sul 3 – 0. Dopo questo tremendo avvio la Maestrelli prova a reagire, trovando al secondo minuto di recupero il goal del 3 – 1 con Chiaia. Galvanizzati dalla rete siglata sul finire della prima frazione, gli ospiti rientrano dalla pausa molto più determinati e convinti di poter riequilibrare il risultato. La pressione della Maestrelli viene premiata dalle reti di Marando e Cormaci, che portano il risultato sul 3 – 3. I padroni di casa però non ci stanno e trovano ancora una volta la via del vantaggio, con Fialà che deposita in rete il 4 – 3. La partita non ha un attimo di sosta ed ora è la Maestrelli ad attaccare insistentemente, trovando però sulla propria strada un Gatto in forma super. Gli ospiti provano a giocare la carta del portiere di movimento, ma è la Roglianese ad avere la palla per chiudere il match, con Catania che però fallisce clamorosamente la quinta rete. Goal mangiato, goal subito ed è così che va, perché all’ultimo affondo la Maestrelli trova il 4 – 4 con Marando, che sigla la sua doppietta personale e consegna un prezioso punto ai suoi.

Città di Vibo – Sporting Club Corigliano  4 – 1
Marcatori: Paternò (V), Briga D. (V), Marchio (V), Briga A. (V), Curti (S)

Patern Citt Vibo

Il Città di Vibo torna alla vittoria, superando per 4 – 1 lo Sporting Club Corigliano tra le mura amiche e conquistando tre punti fondamentali per ricominciare la sua lotta per non retrocedere. Ospiti che, invece, dopo la bella vittoria in rimonta della scorsa settimana ai danni della Roglianese, non riescono a ripetersi, puniti da un black-out accusato nella ripresa che ha messo le cose in discesa per i padroni di casa. Padroni di casa che sembrano troppo rigidi nelle prime fasi di gioco, appesantiti dagli ultimi risultati negativi che non consentono loro di giocare con la necessaria tranquillità. Coriglianesi che, invece, si dimostrano più sciolti e provano a fare la partita, senza però riuscire a trovare la chiave per aprire la difesa avversaria. Uno dei pochi sussulti del primo tempo arriva con la rete di Paternò, che su una palla recuperata in mezzo al campo riesce a portare in vantaggio i padroni di casa. Lo Sporting Club prova a riequilibrare il risultato, ma si divora letteralmente un’occasione da meno di due metri, consentendo ai vibonesi di portarsi al riposo sull’1 – 0. Dopo aver contenuto la sfuriata degli ospiti, il Città di Vibo rientra in campo con il piglio giusto, trovando il raddoppio dopo sette minuti grazie a Daniele Briga. Lo Sporting Club accusa il colpo e si disunisce, subendo al 15′ anche il 3 – 0 ad opera di Marchio. La rete che consente al Corigliano di accorciare le distanze, siglata da Curti al 21′, è solo un fuoco di paglia, perché dopo soli due minuti Antonio Briga ristabilisce le distanze, chiudendo i conti e fissando il punteggio sul 4 – 1 finale.