Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Equitazione, ai campionati nazionali di Verona brillano i calabresi

Equitazione, ai campionati nazionali di Verona brillano i calabresi

Un eccellente risultato, quello ottenuto da cavalieri e amazzoni calabresi durante le competizioni svoltesi nell’ambito della Fiera Cavalli di Verona, l’importante manifestazione internazionale che ha visto partecipare squadra calabrese nella Coppa delle Regioni Under 21 e nel Progetto Giovani.

E sono proprio le gare di salto a ostacoli del Progetto Giovani a regalare alla Calabria la medaglia di bronzo, con il secondo posto ottenuto da Giorgio Bilotta e dal suo Conte Masetto della Verdina. Un quasi primo posto, sfuggito solo per una frazione di secondo al cavaliere calabrese, nella finale di livello 3 del gruppo Children. Podio mancato, invece, per Giulia Antonia Tropea, che in sella al suo Conquistador 12 si colloca al quarto posto nel Gruppo Children di livello 2, e per Andrea Gallo in sella a Rosaspina del Boschetto.

Ottima prestazione anche per la squadra calabrese che ha disputato la Coppa delle Regioni under 21 che ha ottenuto un buon risultato, nonostante i colpi della sfortuna.

«Partiremo da questo risultato per capire cosa cambiare per migliorare ancora», promette il capo equipe della squadra, Alessandro Riario Sforza, mentre commenta il risultato del gruppo. «Abbiamo avuto un risultato sicuramente deludente di una delle amazzoni di punta della Regione Calabria, Giulia Colosimo, che ha montato il suo solito cavallo, Romeo, reduce da una serie di gare positive, come ad Alviano in Umbria, dove ha ottenuto la medaglia d’argento», ma che nella gara veronese ha subito i contraccolpi di un bizzoso Romeo accusante malesseri fisici da indagare. «Michela Bonfiglio non era, poi, nelle perfette condizioni fisiche e forse ieri non ha reso al massimo come poteva», a causa di una febbre alta che non ha comunque intaccato la sua voglia di gareggiare. «Ma anche gli altri ragazzi si sono comportati bene tenendo anche conto della loro minore esperienza», prosegue il tecnico nel commentare i risultati degli altri due binomi della squadra, Mario Valerio Pulvirenti su Homo Nemo di Ca’ San Giorgio e Alfredo Argento su Zeus. «Samuele Saffioti, che gareggiava nel titolo individuale era invece alla sua prima esperienza, e sebbene non sia riuscito ad essere competitivo, ci dà buone speranze per il futuro». «Poteva render meglio più di un binomio in questa gara, però le gare son fatte così, a volte basta qualche particolare a far calare la prestazione», commenta Giovanni Boscarelli, coordinatore del Dipartimento Salto a Ostacoli per il comitato regionale Fise Calabria. « Ma partecipare a questo tipo di competizioni serve proprio a costruire quella esperienza necessaria nelle future competizioni, soprattutto per i più giovani come Saffioti, l’unico Junior».

Più che soddisfatto di quanto ottenuto dai suoi ragazzi il presidente della Fise Calabria, Roberto Cardona. «Un grande risultato per la nostra Regione. Il mio ringraziamento va agli istruttori ed ai genitori per aver concretamente sostenuto i ragazzi che hanno ottenuto questo prestigioso risultato», commenta.