Home / Sport Strillit / CALCIO A 5 / Calcio a 5, Sporting Locri: Capalbo-Sabatino, battuto anche il Cus Potenza

Calcio a 5, Sporting Locri: Capalbo-Sabatino, battuto anche il Cus Potenza

Cus Potenza – Sporting Locri: 2-5 (1t. 1-1)

Marcatori: 11’pt, 13 st Gerardi (P), 13’pt, 4’st, 18’st Capalbo (L); 1’st, 5’st Sabatino (L)

 

Cus Potenza: 12) Merlenghi 5) Campaniello 8) Casiero 9) Rodriguez Ruiz 10) Gerardi All: Brindisi

Sporting Locri: 23) Modestia 5) Borello 8) Marino 19) Ierardi 10) Capalbo © A disposizione: 6) Agostino 9) Sabatino 13) Sgrò 14) Todarello 1) Ceravolo 28) Liuzzo All: Ferrara

 

Missione compiuta, lo Sporting Locri torna a casa col bottino pieno dalla trasferta di Potenza dove le ragazze si sono imposte sul Cus per 5 reti a 2. Esattamente come a Melito dopo un 1-1 nel primo tempo, una vittoria che è stata consolidata nel secondo, quando le locresi hanno ritrovato ispirazione e concentrazione, legittimando i tre punti e il terzo posto.

L’inizio della gara vede il Potenza motivato dal blasone dell’avversario, le calabresi, invece, costruiscono ma non finalizzano, un copione già visto specie ad inizio campionato. Al 13’ il fulmine a ciel sereno Gerardi squarcia le certezze dello Sporting costringendo le calabresi a svegliarsi per cambiare le sorti della gara. Bastano infatti due minuti al capitano Capalbo per rimettere la gara sui binari giusti siglando la rete del momentaneo 1-1. Finisce qui un primo tempo che mette in evidenza le buone prestazioni della solita Gigia Capalbo e di Sara Borello in campo nel quintetto di partenza per la prima volta (insieme ad Alessia Modestia in porta).

Nell’intervallo mister Ferrara suona la sveglia e le ragazze tornano in campo con ben altro mordente. Le reti, infatti, non tardano ad arrivare, il 2-1 al minuto numero uno, grazie alla conclusione vincente di Antonella Sabatino, la seconda, quella del 3-1 siglata dalla solita Capalbo, brava a finalizzare un ottimo schema su calcio piazzato, al quarto; il 4-1, un minuto dopo, al quinto, grazie alla doppietta di Antonella Sabatino che stavolta non dà scampo alla Merlenghi con un bolide su calcio di punizione. Con tre reti di vantaggio lo Sporting gioca un’altra gara, una gara consapevole del proprio valore e con una precisa identità, anche quando mister Ferrara utilizza un tourn over ampio utilizzando tutte le ragazze e ricevendo una risposta importante anche da parte di chi gioca meno. Il Cus accorcia le distanze al 13’ grazie a una magia della Gerardi, migliore in campo tra le ragazze di casa; rete che servirà a poco perché, la gara verrà chiusa nel finale dal gol del 5-2 che vale la tripletta per capitan Capalbo (alla sua undicesima rete personale in campionato) e la vittoria per le ragazze locresi. La vittoria sarebbe dovuta essere più ampia ma un primo tempo non esaltante ha ancora messo a nudo alcuni difetti della squadra, uno fra tutti la mancanza di freddezza sotto porta. Di sicuro da questo e dalla consapvelezza di dover dimostrare una maggiore capacita di gestire i momenti delicati della gara, si può partire per poter migliorare ulteriormente e limare alcune pecche. Ora si deve continuare a fare bene per cercare di allungare la serie positiva, per cercare la quinta vittoria consecutiva, già da domenica prossima, quando arriverà a Locri il Real Fasano.

 

Le dichiarazioni di fine gara

Mister Ferrara

Lo sporting ha trovato qualche difficoltà a sfondare la buona linea difensiva delle potentina, ma poi alla lunga è uscito fuori…

“Non è mai semplice giocare contro squadre che si chiudono e lasciano quindi pochi spazi disponibili. Anche se sta giocando con solo cinque giocatrici a disposizione del mister, il Potenza ha dimostrato di voler risalire la china, e secondo me con un paio di innesti possono ancora centrare l’obiettivo. Faccio i miei complimenti al mister e alle ragazze perché ho ammirato il loro spirito battagliero. Nel primo tempo abbiamo continuato, senza risultati, a sbattere contro il loro muro difensivo, subendo anche il gol grazie a una conclusione da molto lontano, occasione che ci ha colto impreparati, la nostra reazione, però, è stata vemente e con una grande ripartenza del nostro capitano abbiamo pareggiato la gara. Nello spogliatoio tra primo e secondo tempo ci siamo guardati in faccia e con molta “tranquillità” leggendo meglio lo svolgimento della gara, abbiamo cambiato il modo di approcciarci alla gara. Le nuove direttive ci hanno permesso di andare subito al raddoppio  fino a chiudere la partita. Sicuramente nel secondo tempo abbiamo fatto meglio.”

Nonostante l’ampio tourn over…

“Si, ho fatto ruotare tutte le “Nikite” a disposizione, e con piacere ho visto che hanno risposto bene tutte, con la Sgrò e la Todarello in netta crescita”.