Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Volley, la Bcc Citt Mand’or Jolly Cinquefrondi cade in casa della capolista

Volley, la Bcc Citt Mand’or Jolly Cinquefrondi cade in casa della capolista

La trasferta più lunga della stagione si conclude per la Jolly Cinquefrondi con una netta sconfitta per 3-0.C’è stato poco da fare per la matricola reggina davanti ad una delle corazzate del girone C della B1 maschile ,quel Civita Castellana Viterbo, costruita per fare il salto di categoria ed approdare in serie A2.

La Jolly ,seguita da 50 tifosi, affronta la partita con il piglio giusto dando filo da torcere alla capolista sia nel primo che nel secondo set, ma poi crolla nel terzo.

Avvio combattuto, squadre punto a punto sino al 15 pari poi l’esperienza dei laziali fa la differenza ed il set si chiude 25-19 con tre contestazioni arbitrali da parte dei calabresi nel momento più importante del set.

Stessa situazione nel secondo set con le due squadre  punto a punto, ma ancora una volta  due  decisioni  degli arbitri  a favore della capolista, tra cui una scandalosa sul 20 pari. Si Arriva sul 23 pari e qui la coppia arbitrale la combina veramente grossa giudicando un attacco del Civita dentro che in realtà era 30 cm fuori, un successivo attacco della squadra laziale chiude il secondo set e si va sul 2-0.

Senza storia il terzo ed ultimo set dove la squadra calabrese crolla non entrando mai nin gioco ,male in ricezione e male nella distribuzione del gioco, il set si chiude con la sconfitta della Jolly Cinquefrondi per 25-13.

Sicuramente non sono questi i campi dove la Jolly riuscirà a fare suoi quei punti che serviranno per la tanto aspirata salvezza nel suo primo campionato di serie B1.

Alla fine applausi per tutti da parte delle due tifoserie che hanno gremito il palasport Smargiassi di Civita Castellana Viterbo.

Pausa forzata nella prossima giornata per la squadra calabrese vista la rinuncia del Trapani ed appuntamento alla prossima partita che vedrà la squadra di Polimeni andare a far visita il 30 novembre alla Pallavolo Martina.