Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Cosenza Calcio, Zanini: “Prendiamoci una rivincita”

Cosenza Calcio, Zanini: “Prendiamoci una rivincita”

Una giornata di lavoro intenso per il Cosenza impegnato in una doppia seduta di allenamento. In mattinata è arrivata una notizia che ha turbato lo spogliatoio rossoblù, il grave lutto che ha colpito il magazziniere Umberto Vommaro che ha perso la cara mamma. A lui le condoglianze e la vicinanza di tutti i componenti del Cosenza Calcio.
Al termine dell’allenamento pomeridiano microfoni e taccuini per Matteo Zanini, il difensore classe 94 che nelle ultime settimane ha avuto la possibilità di mettersi in mostra. “L’esordio con la Juve Stabia è stato negativo sia per me che non ero in condizione, sia per la squadra che ha subito una sconfitta casalinga. In Coppa Italia e a Lecce è andata meglio”. L’ex calciatore del Pavia commenta l’avvicendamento tra Roberto Cappellacci e Giorgio Roselli. “A mister Roselli devo molto, a 17 anni mi ha buttato dentro nel calcio che conta e ho ripagato la sua fiducia giocando diverse gare in C1. Un allenatore che va via è un fallimento per i calciatori, io ero molto affezionato a mister Cappellacci che mi ha aiutato nell’inserimento. Gioco per la prima volta al sud e a mille chilometri da casa, certo speravo di giocare di più ma rispettavo le sue scelte. Nelle prime dieci giornate spesso abbiamo sbagliato l’approccio. Fisicamente stavamo bene, ma era una situazione mentale. Perdere in una città calda come questa mette pressione e non entrando decisi in partita non riuscivamo a ribaltare le partite”. Zanini nella gara di Coppa ha giostrato in una posizione più avanzata rispetto al solito, a Lecce è stato impiegato in uno schieramento più prudente. “Sono pronto a ricoprire diversi ruoli. Nell’ultima gara in fase difensiva eravamo schierati a cinque, in fase di possesso ci proponevamo in avanti. Con Messina e Vigor cercheremo di fare il maggior numero di punti possibile è il momento di prenderci una rivincita. Bisogna vincere in casa per noi, i tifosi e la città. La classifica è corta, un successo o una sconfitta si fanno sentire”.
fonte: ilcosenza.it