Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Reggio, il CSI “In campo per l’Educazione”

Reggio, il CSI “In campo per l’Educazione”

“In campo per l’Educazione”; si potrebbe sintetizzare con questo slogan la Convention del Centro Sportivo Italiano di Reggio Calabria che, come di consueto, apre la stagione sportiva. Quest’anno la location è stato l’auditorium del Liceo Sportivo “Alessandro Volta” e non poteva essere altrimenti: un luogo che coniuga la formazione, didattica ed umana, a quella sportiva è il proscenio ideale per presentare tutte le attività che il Comitato reggino intende porre in essere da novembre a luglio.

9 mesi di Sport per 300 squadre impegnate nei vari campionati; stiamo parlando di qualcosa come 2.000 partite, 2.000 occasioni di incontro e di confronto attraverso lo strumento più congeniale ai giovani e meno giovani: lo Sport, appunto. « Quando inizia una stagione sportiva – spiega Paolo Cicciù, presidente provinciale del CSI – abbiamo sempre in noi l’ansia di fare bene; cresce l’attesa intorno alle nostre proposte che, senza togliere niente a nessuno, hanno un imprimatur di cultura sportiva fortemente caratterizzante. Spesso ci troviamo di fronte a scelte non semplici, ma la via dell’etica e della trasparenza devono essere sovrane rispetto ad ogni altro “numero”. Noi ci proviamo, qualche volta sbagliamo – ammette Cicciù – ma da veri atleti ci concentriamo sul valore della squadra e non del singolo ». Tanti gli ospiti presenti alla Convention: a fare gli onori di casa, la prof.ssa Anna Maria Palazzolo, dirigente scolastico del Liceo “A.Volta”, e poi tanti amici dello Sport reggino come Antonio Laganà, presidente Coni Reggio Calabria, Mimmo Panuccio, presidente FIPAV Reggio Calabria, Saverio Neri, presidente federazione lotta, Roberto Carona, presidente federazione sport equestri.  Presente anche il Comitato regionale del CSI con Clementina Tripodi, direttore tecnico. Spazio agli interventi dei tanti dirigenti del CSI Reggio Calabria, a partire dal vicepresidente Mimmo Aricò, sino ai responsabili delle attività sportive Nicola Marra, Paolo Simone, Maria Sorrenti e Renzo Ambrogio.

Nella prima parte della serata sono state presentate le attività del CSI Reggio Calabria partendo dall’assunto di Papa Francesco all’incontro del 7 giugno con le società sportive: Scuola, Sport e Lavoro. In particolare è stato presentato “il patto educativo e sportivo a favore dello Sport”, la rete tra enti e federazioni  necessaria per favorire processi di sviluppo e nuovo welfare.  Presentati i campionati nazionali CSI: dalle discipline legate al Calcio (calcio a 5 maschile e femminile, calcio a 7, calcio a 11) agli altri sport di squadra come la Pallacanestro e la Pallavolo. Ed ancora  Montain Bike, Danza, Ginnastica, Nuoto e Pallanuoto. Grande attenzioni ai settori giovanili di calcio (calcio a 5, calcio a 7, calcio a 11), minibasket e minivolley.  Tanti i percorsi formativi per allenatori, dirigenti, animatori, arbitri e famiglie. A suggellare il tutto l’esperienza dell’Oratorio Cup nelle Diocesi di Reggio Calabria – Bova ed Oppido – Palmi.

 

Nella seconda parte della serata si sono tenute le premiazioni: all’Olimpia 2000 il titolo di campione provinciale calcio a 5 open e l’equivalente per la categoria “Juniores”; allo Sporting Locri Cantera  è andato il campionato provinciale calcio a 5 femminile. Per il calcio a 5, categoria “Allievi” sono stati premiati i ragazzi dell’Aspi Padre Monti di Polistena. Il “Premio Città di Reggio Calabria” di CA5 Femminile è andato all’ASD Futura. Sempre per il futsal, per la categoria “Over 40” vittoria dell’ASD San Luca “B”. Sempre per gli amatori, gli “Over 45” del calcio a 11 sono andati alla Ringhiera. Si conferma campione provinciale di calcio a 7 il San Gregorio, mentre trionfa nel campionato provinciale “Oratorio Cup” la PGS Universal Villa. Passando agli altri sport di squadra: campione nella pallavolo mista e femminile la Jolly C. Vince il titolo maschile del volley, la CS Lazzaro.

Per la pallacanestro doppio riconoscimento per l’Aleandre Basket: oltre al titolo provinciale, infatti la formazione reggina si è aggiudicata il Titolo nazionale di pallacanestro open. I campioni di Italia hanno, dunque, ricevuto il premio speciale “Discobolo 2014”. Stessa cerimonia per l’ASD Virtus Saline, titolo nazionale nel calcio a 5 under 14.  « Spesso le premiazioni – conclude Cicciù – sono passerelle, eventi – vetrina. Per noi assumono un significato particolare: diventano un impegno a migliorarci sempre. La scorsa stagione Reggio Calabria è arrivata terza nel medagliere nazionale CSI per gli Sport di squadra dietro Comitati dalla grande tradizione come Milano e Roma. Un grandissimo risultato che dimostra come anche lo Sport “non federale” nasconde grandi talenti con poche risorse (economiche). Andiamo avanti così legando in modo indissolubile Sport e Valori, tecnici ed etici »