Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Volley, due su due: la Golem Palmi non si ferma a Maglie

Volley, due su due: la Golem Palmi non si ferma a Maglie

Avvio di campionato inaspettato per la Golem Volley Palmi, due vittorie su due contro squadre allestite per vincere.
E come già successo contro Arzano, anche contro Maglie le Golemine hanno dimostrato tutto il loro valore.
Ci si attendeva e cosi è stato una particolare attenzione nei confronti della fuoriclasse della Golem Stefania Okaka, indiscussa mattatrice nella vittoriosa partita contro Arzano ma si era preparati a ciò e la splendida regista Elisa Moncada ha messo in mostra tutta la sua classe facendo girare la palla come poche san fare.
Punti di riferimento per la forte formazione pugliese praticamente pochi o niente.
Il capitano Ilaria Speranza ha fatto ammattire la formazione salentina con le sue imprendibili parallele da posto 4.
Corallo Simona, irrefrenabile la sua potenza, ha disputato una prova maiuscola in tutti i fondamentali e la stessa Stefania Okaka ha messo in evidenza le sue indiscusse qualitá di categoria decisamente superiore. E le centrali?
Hanno eretto un muro invalicabile, alla fine sono 14 i muri punto della squadra.
La giovane, appena ventiduenne Simona La Rosa, ha ripetuto anche in trasferta la splendida prova casalinga ( 7 muri punto personali per lei ) cosi come pure la veterana Simona Rotondo che con le sue fast spesso ha messo in difficoltá la difesa del Maglie.
Da mettere in evidenza la prova del libero Letizia Franco, alla sua prima stagione in questo delicatissimo ed importante ruolo.
Se la regista Elisa Moncada ha potuto giostrare il gioco a proprio piacimento il merito è anche suo.
Ancora in campo ed ancora importanti i minuti di Gabriella Mercanti che ogni volta la si chiama nel rettangolo di gioco si fa trovare pronta a dare il proprio contributo. Taglienti le sue battute ( 1 ace anche dalla sua )
Spazio anche per Gaia Sfogliano e Giulia Speranza entrate in campo nei momenti topici dell’incontro e capaci di dare man forte alla causa.
Ottimo esordio quindi di mister Dimitrov nel campionato femminile italiano cosciente che ancora c’è tanto da lavorare e quindi tanto da migliorare.