Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Cosenza-Juve Stabia, i precedenti sorridono ai rossoblù

Cosenza-Juve Stabia, i precedenti sorridono ai rossoblù

Cosenza e Juve Stabia si incontreranno al San Vito per la tredicesima volta. Undici sono state finora le gare disputate fra le vespe e i rossoblù in campionato, e, il bilancio, per i silani, è molto positivo. La Juve Stabia ha infatti effettuato il blitz ai piedi della Sila in una sola occasione e anche quando le due compagini si sono affrontate nell’unica occasione in Coppa Italia, a spuntarla sono stati i lupi. Il primo incrocio in campionato risale alla stagione 1937-38. Le squadre militavano in Serie C e il Cosenza si impose con un netto 4-0. Undici anni dopo la Juve Stabia riuscì a battere il Cosenza al San Vito con il risultato di 0-1. Poi una lunga striscia di successi per i silani. Campionato 49-50: 2-1 per il Cosenza con rete decisiva di Benigni. L’anno dopo invece il successo fu carico di reti. Un 5-1 che vide Stradella vero e proprio mattatore del match. Le squadre si ritrovarono nella stagione 56-57 e a decidere furono le reti di Fochesato e Ferrara. Bis dei silani (3-1) sempre in Serie D, nella stagione successiva. Poi il ritorno fra i professionisti e gli incontri nei campionati 72-73 e 73-74. A decidere fu nel primo match Delle Fratte e l’anno dopo Codognato. Indimenticabile invece l’incontro che si svolse nella stagione 1979-1980. Lattuada, insuperabile portiere rossoblù, perse la sua imbattibilità dopo quasi 1260 minuti e il Cosenza andò sotto di una rete. Poi doppietta di De Chiara, rigore di Ranieri e risultato inchiodato sul 3-2 in una match bellissimo. Nel 97-98 il Cosenza di Sonzogni si impose per due reti a zero mentre l’ultimo incrocio risale ad agosto del 2010. Il Cosenza di Stringara, poi esonerato, si impose sulla Juve Stabia, che a fine anno festeggiò una clamorosa promozione in Serie B. Passarono in vantaggio i silani grazie ad una autorete di Maury. Poi il pareggio di Raimondi e il gol su rigore di Stefano Fiore che chiuse i conti.

fonte: ilcosenza.it