Home / Sport Strillit / BASKET / Basket, la Viola contro Treviglio. Al PalaMazzetto si attende il grande pubblico

Basket, la Viola contro Treviglio. Al PalaMazzetto si attende il grande pubblico

di Giovanni Foti Ancora al PalaMazzetto, ore 18, la seconda sfida casalinga della Viola Reggio Calabria, che affronta la Remer Treviglio di coach Vertenati.
La Blu Basket, come la Viola, si presenta a questa partita con 4 punti in classifica, frutto di due vittorie fondamentali: la prima facile su Ferrara, la seconda proprio in settimana, punto a punto con Matera, grazie al suo capitano Emanuele Rossi, che subisce il fallo sul tiro da centrocampo allo scadere e realizza i 3 liberi per un incredibile vittoria.
Anche la compagine reggina viene da due vittorie rassicuranti: una in casa, grazie alla rimonta su Omegna e il miracolo finale di Moe Deloach, l’altra, piuttosto agevole, in quel di Recanati.
La Blu Basket Treviglio, quindi, si presenta alla gara con poche energie, dopo il gran dispendio fisico infrasettimanale, avendo anche un roster non troppo profondo.
Il pacchetto guardie è sicuramente il punto di forza per coach Vertenati, che può contare su un play di livello come Tommaso Marino, che sa’ bene come far girare la squadra, dirigendola al meglio smistando assist, ma anche sfruttando il suo buon jumper dalla media, le zingarate sotto canestro e la capacità di andare spesso in lunetta con ottimi risultati (91% ai liberi).
Ad aprire il campo ci sono Marco Turel e Tomas Kyzlink, che sfruttano al meglio il lavoro del play ma anche dei centri, per punire dall’arco dei tre punti.
Il reparto lunghi, invece, è leggermente spoglio, anche se il capitano Rossi da’ molta sicurezza, soprattutto dal punto di vista mentale, assieme all’altro lungo, Raphael Gaspardo, prezioso sotto canestro, catturando numerosi rimbalzi, ma anche dando un grosso contributo in fase realizzativa.
I ragazzi in nero-arancio, invece, arrivano alla sfida con un Deloach da 3 soli punti nell’ultima uscita, dove anche capitan Ammannato ha fatto un po’ di fatica. Tuttavia la consapevolezza di un Erik Rush in forma, reduce da una prestazione da 28 punti, fa stare più sereno coach Benedetto, che ancora non recupera Gaetano Spera, trovandosi, quindi, quasi costretto a schierare per alcuni minuti Lupusor o Azzaro nello spot di centro.
Tuttavia, non ci sono preoccupazioni per una sfida con una rivale diretta, poiché questa striscia di due vittorie potrà portare ancora più entusiasmo all’interno del PalaMazzetto.