Home / Sport Strillit / BASKET / Basket: esordio della Viola a Treviso. Garrett solo un ricordo, anzi no…

Basket: esordio della Viola a Treviso. Garrett solo un ricordo, anzi no…

Più forti degli infortuni, più forti della storia che, a Treviso, spesso e non sempre per propri demeriti, è stata negativa.

La Viola, la storia, proverà a riprendersela proprio a partire dalla trasferta in terra trevigiana.

La sfida è di quelle che, per blasone comune, ha poco a che vedere con un campionato come la Legadue Silver, importante ma non all’altezza del nome delle due formazioni.

Il teatro è quel Palaverde che per decenni è stato teatro delle grandi imprese della Benetton nei quartieri alti del basket nazionale ed europeo.

Il 1993 e il canestro di Garrett non convalidato sono lontanissimi nel tempo, ma nei cuori neroarancio quello scudetto sfumato in maniera quasi fraudolenta brucia ancora e neanche la lontananza degli ultimi anni è riuscita a mettere in secondo piano l’acredine tra le due realtà.

Coach Benedetto la storia la conosce più di altri e proverà a spiegarla ai suoi che aspirano  a centrare l’impresa nonostante i problemi fisici di una squadra che deve pagare tributo alla sfortuna dopo uno sfavillante precampionato.

Non c’è quasi un giocatore della Viola che non abbia subito un minimo acciacco, ma dopo la palla a due sarà il momento di stringere i denti ed onorare i colori neroarancio, soprattutto per il probabile sostegno che i tifosi assicureranno anche a oltre 1000 km da casa.

La panchina corta, per i problemi di Spera, potrebbe tirare un brutto scherzo, ma è un ostacolo superabile con abnegazione e voglia di stupire.

Dall’altro lato c’è Treviso.  In Lega Due Silver è arrivata acquisendo il titolo di Corato.

Gara particolare per l’ex di turno Agustin Fabi.  A guidarla c’è l’esperienza di coach Pillastrini. Pesante l’assenza in casa veneta di Fantinelli.

Il pubblico dovrebbe regalare numeri importanti.

Palla a due alle ore 18, per una domenica che si annuncia rovente già dall’esordio.