Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Volley, presentata la stagione della pallavolo calabrese

Volley, presentata la stagione della pallavolo calabrese

Si è svolta a San Pietro a Maida (CZ) la manifestazione di apertura della stagione sportiva della pallavolo calabrese. L’evento è stato  organizzato dalla  Federazione italiana pallavolo con il Comitato regionale Calabria e la collaborazione logistica della società Eureka volley. Il programma ricco e articolato, è stato diviso in tre sezioni. Il corso di aggiornamento e formazione dei dirigenti che si è tenuto presso  il Palazzetto dello sport “Marco Giuliano” , ha registrato  gli interventi di Giuseppe Esposito, docente regionale Scuola dello sport  CONI e Roberta Panucci, responsabile nazionale tesseramenti. Il corso di aggiornamento e formazione degli allenatori che si è svolto presso l’Auditorium comunale con la lezione tenuta da Ferdinando De Giorgi ai tecnici calabresi ed infine il raduno degli arbitri, presso la sala consiliare del comune.  Sono stati circa  200 i dirigenti presenti, 200 tecnici e 50 arbitri, con  docenti e relatori provenienti da tutta Italia. Ad aprire i lavori, presso il Palazzetto dello sport è stato Carmelo Sestito, presidente regionale FIPAV: “Ringrazio tutti coloro che hanno aderito all’iniziativa. Il nostro intento è stato di creare un momento di confronto e di formazione, in cui poter  ampliare da un lato le conoscenze degli addetti ai lavori e dall’altro discutere ed interagire sulle problematiche delle società sportive, in un’ottica di miglioramento dell’intero sistema sportivo della pallavolo calabrese. Stiamo lavorando alacremente per rispondere alle esigenze poste dalle società sportive, ma anche per ampliare il settore pallavolistico giovanile”. Giuseppe Esposito si è soffermato sull’autonomia dell’ordinamento sportivo e le verifiche fiscali: “Il vincolo di giustizia è legittimo per l’obbligo di osservare le norme dell’ordinamento sportivo (contenute in statuti e regolamenti) e per risolvere le controversie in tale ambito, attraverso la giustizia sportiva. E’ necessario chiarire  per quali controversie c’è una riserva assoluta  per l’ordinamento sportivo e quando invece è possibile ricorrere, una volta esauriti i gradi della giustizia sportiva, dinanzi al giudice statale, esaminando la differenza con le questioni tecniche e quelle economiche, quest’ultime definibili alternativamente attraverso la giustizia sportiva, quella statale o l’arbitrato, trattandosi di diritti disponibili. Per le verifiche fiscali, partendo dal regime di fiscalità agevolato ed approfondendo le norme del T.U.I.R. che differenziano le entrate istituzionali da quelle commerciali, il sistema di determinazione  dell’IRES, la normativa in materia di IRAP e IVA,  si è intenso discutere delle problematiche contestate tra l’Amministrazione finanziaria e le Commissioni Tributarie in tema soprattutto di tracciabilità, compensi amministrativo gestionali, pubblicità e sponsorizzazione, di cui si devono illustrare le differenze sia da un punto di vista civilistico che fiscale”. Roberta Panucci ha evidenziato tutte le procedure necessarie per l’affiliazione e il tesseramento delle società sportive. Nel pomeriggio, i lavori si sono aperti con l’intervento di Mimmo Venneri, commissario regionale arbitri che ha analizzato le problematiche inerenti il comparto: “Stiamo lavorando per dare una maggiore qualificazione e riequilibrare l’intero sistema. Il nostro obiettivo è di prestare maggiore attenzione alle realtà provinciali, per migliorare e rendere uniforme il modo di intervenire”. Sergio Conti, autore del progetto  “IAMU. IT”, ha  proposto iniziative dirette a migliorare la qualità della vita e la comunicazione tra i soggetti: “Il bisogno di partire da idee positive ci ha indotto ad avviare un progetto che possa coinvolgere i ragazzi nello sport, facendo loro esprimere desideri, bisogni e prospettive. Un modo di vedere le cose in maniera diversa condividendo però, gli stessi obiettivi”. Sono seguiti, gli interventi di Alessandro Sindona,  responsabile sistemi software gestione campionati che ha trattato il tema “Nuovo software di gestione dei campionati fipavonline” e Manila Vilella, referente regionale Sitting volley, che ha posto l’accento sulle iniziative portate avanti a sostegno dei disabili. Nel corso della manifestazione, è stato presentato anche il progetto “L’acqua .. per la vita”, promosso dal Comitato regionale FIPAV che con i fondi ottenuti dalla raccolta di tappi di plastica, consentirà di acquistare dei defibrillatori che saranno donati agli impianti sportivi. Ferdinando De Giorgi, allenatore della Tonno Callipo ha evidenziato: “Il tecnico ha una funzione importante, ma deve essere supportato dai dirigenti delle società. Sono felice di aver partecipato a questa iniziativa. Vogliamo creare qualcosa di positivo per la Calabria e lo sport”. Tanta commozione per il ricordo di due protagonisti della pallavolo calabrese, Pino Bosurgi e Otello Nudo. Mario Calabrese, presidente provinciale FIPAV Cosenza, ha consegnato una targa al fratello di Bosurgi, Franco che ha dichiarato: “Sono commosso, mio fratello amava la pallavolo ed essere qui, insieme a tante persone che seguono questo sport, lo avrebbe riempito di gioia e reso felice”. La targa alla moglie di Nudo, Francesca Gaudenzi è stata consegnata dal consigliere regionale FIPAV Claudio Conte.  In chiusura il presidente Sestito, ha sottoscritto il protocollo d’intesa tra la FIPAV Calabria e la facoltà di scienze motorie dell’Università Magnae Grecia, per la realizzazione di corsi per istruttore di mini volley.

FOTO BOSURGI 1 FOTO PALAZZETTO DELLO SPORT FERDINANDO DE GIORGI E CARMELO SESTITO