Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Lecce, obiettivo promozione… evitando i play off

Lecce, obiettivo promozione… evitando i play off

Da quel 10 agosto 2012, giornata in cui viene chiesta la retrocessione in Lega Pro Prima Divisione del Lecce per illecito sportivo, i giallorossi non sono più riusciti a rialzarsi. Nel frattempo il cambio societario con i Semeraro che lasciano la proprietà dopo 18 lunghi anni a Savino Tesoro nell’ottobre del 2012. Il 12 maggio 2013 il Lecce chiude il campionato di Lega Pro Prima Divisione al secondo posto dietro il Trapani, qualificandosi ai play-off promozione. Il 14 maggio seguente la società solleva dall’incarico Antonio Toma: al suo posto arriva, per disputare i play-off, con un contratto fino al 30 giugno 2013, Elio Gustinetti.Alle finali-promozione, però, deve cedere al Carpi (vittorioso 1-0 all’andata, 1-1 al ritorno) il pass per la promozione in serie B.Il 16 giugno, dopo la gara di ritorno a Lecce, la mancata promozione ha scatenato l’ira di un gruppo di ultrà, che si è scagliato contro steward e polizia; lo scriteriato episodio costa alla società 15.000 euro di multa e quattro giornate di squalifica del campo.Tuttavia il ricorso presentato dal Lecce viene parzialmente accolto, così che la Corte di giustizia federale ha limitato la chiusura per quattro turni solo alle curve. Il 30 giugno 2013 la società comunica di aver affidato al leccese Francesco Moriero, oggi allenatore del Catanzaro, la guida tecnica della squadra. L’avvio di campionato è però negativo: il Lecce inanella quattro sconfitte nelle prime quattro partite e questo porta la società a sollevare dall’incarico mister Moriero il 24 settembre. Al suo posto viene richiamato Franco Lerda, già alla guida del club nella prima parte della stagione precedente. Con Lerda il Lecce è autore di una splendida rimonta in classifica che lo porta al terzo posto finale in classifca, che gli consente di partecipare agli spareggi promozione. Dopo aver battuto il Pontedera e il Benevento i salentini perderanno la doppia finale playoff contro il Frosinone. Il resto è storia recente. Gli obiettivi rimangono immutati, si punta anche quest’anno al salto di categoria e la campagna acquisti realizzata dalla società è ancora di livello. Tantissimi i calciatori presenti in organico decisamente di categoria superiore, fa paura la composizione soprattutto del reparto offensivo dove, insieme al confermato Miccoli, troviamo Moscardelli, Carrozza, Della Rocca. Obiettivo promozione si, ma visti i precedenti, i leccesi sperano di ottenere la promozione senza passare dai play off.