Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Reggio, la Pallavolo Elio Sozzi ha festeggiato i suoi primi 40 anni

Reggio, la Pallavolo Elio Sozzi ha festeggiato i suoi primi 40 anni

PalaBotteghelle ha ospitato ieri pomeriggio la grande festa del volley, evento celebrativo del quarantennale della nascita della Pallavolo Elio Sozzi. Tutto il volley di Reggio e provincia si è stretto con grande affetto attorno al sodalizio del rione Gebbione e al suo presidentissimo Tommaso Laurenda che, nel lontano 1974, spalleggiato da un gruppo di amici e appassionati, iniziava un percorso sportivo particolarmente ambizioso, rivelatosi fin dagli inizi un crescendo di successi, specie a livello giovanile.
Al “Sozzi day”, impeccabilmente organizzato dalle istruttrici Stefania Laurenda e Tiziana Rito, con la collaborazione della Pallacanestro Vis, nessuno è voluto mancare. C’erano le società Gioiosa Marina, Roccella, Campo Calabro, Cav Gallico, Sant’Eufemia, Mymamy, Luck e Costa Viola; c’era il presidente della federazione provinciale volley, Mimmo Panuccio, insieme al suo vice Vincenzo Carrozza; c’erano i tecnici del passato e del presente ma, soprattutto, c’erano le atlete che hanno fatto la storia della società. Tra queste le prime storiche tesserate Santa Ialuna, Enza Zurzolo, Patrizia Loddo e Anna Giuffrè e anche le sorelle Maria Grazia e Carmen Federico, figlie del compianto Vittorio Federico, allenatore della Sozzi nel periodo di massimo splendore della società.
Per l’occasione sono stati allestiti sui due parquet del palazzetto ben sette campi (5 di supervolley e 2 di minivolley) in cui tutte le atlete presenti hanno dato vita ad un torneo spettacolare che ha divertito il pubblico presente sugli spalti. C’è stata anche una sfida generazionale fra le vecchie atlete e quelle attuali, con “sorprendente” vittoria delle prime sulle seconde.
Al termine delle partite sono iniziati i festeggiamenti veri e propri che hanno visto il patron Laurenda, visibilmente emozionato, ricevere un trofeo dalle sue ex giocatrici e una serie infinita di targhe, una delle quali proveniente anche da Venezia, ad opera della famiglia Campagna.
Il taglio della torta e gli immancabili brindisi di rito hanno concluso una giornata che difficilmente staff tecnico e dirigenziale della Sozzi potranno dimenticare.