Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Play off – Non bastano i 60.000 al Bari. Impresa del Cesena

Play off – Non bastano i 60.000 al Bari. Impresa del Cesena

di Michele Favano – BARI – LATINA 2-2 – Finisce in parità, davanti a quasi 60.000 spettatori, il match di andata tra Bari e Latina. Di fronte le formazioni che hanno sorpreso di più in occasione del campionato regolare, logica conseguenza ne è stata una gara brillante e spettacolare, con quattro reti e diverse altre opportunità. Fortunata la compagine di Breda sul vantaggio, tra l’altro contestato per una ostruzione nei confronti dell’estremo difensore Guarna, con un pallone carambolato su Polenta che involontariamente ha toccato verso la propria porta. Al cospetto di un Latina che nel corso della stagione ha dimostrato robustezza e grande capacità nel difendere, il Bari non ha perso calma e lucidità, trovando prima il pari con il solito Cani e il vantaggio con Joao Silva. E mentre sugli spalti i tifosi biancorossi pregustavano il successo, tra una ola e l’altra, è arrivato il gol del pari a tempo quasi scaduto con l’ex Rivstoski, protagonista di un gran gesto tecnico che, chiude l’incontro in maniera definitiva e concede alla propria squadra un enorme vantaggio per la gara di ritorno. Fermo restando che l’accesso alla finale, è tutt’altro che scontato, il Latina in casa, è vero, concede poco, il Bari, però, ha dimostrato di avere potenziale e mezzi per compiere l’ennesima impresa.
MODENA – CESENA 0-1 – Molto più duro e meno spettacolare il derby emiliano-romagnolo tra Modena e Cesena, l’incontro tra la squadra che ha segnato di più nelle 42 giornate di campionato, i canarini (65 reti) e la seconda migliore difesa (35 reti subite), quella dei bianconeri. E’ stato il Cesena ad aggiudicarselo, con molta fatica, soffrendo secondo tradizione che accompagna le formazioni di Bisoli e sfruttando una delle pochissime occasioni capitategli nel corso della partita. Tante assenze dall’una e dall’altra parte, molto pesanti quelle in casa modenese. In un sol colpo fuori Rizzo e soprattutto Babacar e Granoche, 31 i gol realizzati per la coppia d’attacco di Walter Novellino. Avvio tutto di marca giallo blu, pressione costante e grande circolazione di palla, anche se le difficoltà ad andare alla conclusione sono state notevoli. Dalla parte opposta, al primo vero affondo, il vantaggio degli ospiti al 18° con Marilungo il quale ha accompagnato in rete un assist al bacio di Defrel. Una ripartenza-gol che di fatto ha interrotto il monologo del Modena ripreso subito dopo. Ma come detto, assolutamente improduttivo, una supremazia solo territoriale, che però mai ha impegnato seriamente il portiere Agliardi. Neppure con l’uomo in più, dal 23° del secondo tempo, per l’espulsione di Gagliardini, la musica è cambiata, d’altronde difficile pensare di poter trovare la via della rete, quando ti viene a mancare una delle migliori coppie gol del campionato cadetto. Il Cesena porta a casa una vittoria pesantissima, mettendo un mattone importante verso quella che è la conquista della finale. Per tutte e quattro le formazioni impegnate in questo play off, l’appuntamento è fissato per mercoledi 11 giugno.