Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Il presidente Branca: “La Viola è come Raffaella Carrà”. Incontro Condello-Ponticiello in settimana

Il presidente Branca: “La Viola è come Raffaella Carrà”. Incontro Condello-Ponticiello in settimana

di Giuseppe Praticò – “La Viola è eterna, la Viola è una, la Viola non muore mai. La Viola è come Raffaella Carrà”. Esordisce così, il neopresidente della Viola Reggio Calabria Giusva Branca. Davanti ad una sala gremita, va in scena la prima conferenza stampa del nuovo presidente della società del patron Muscolino.

Il presidente è un fiume in piena e si pone degli obiettivi: “Bisogna rimettere la chiesa al centro del villaggio”. Giusva Branca si affida ad un vecchio proverbio francese per dire che la città di Reggio Calabria si ritroverà nella Viola che nel corso degli anni ha formato intere generazioni.

L’aggregazione sociale sarà quindi il punto da cui ripartirà la società neroarancio che farà di tutto per coinvolgere la cittadinanza reggina portando i canestri in piazza e nelle scuole. La voglia di spendersi, di ripartire, la voglia di sentirsi comunità si sentirà nell’aria scacciando la paura che attanaglia la città, l’angoscia di una città morta. A dimostrare che non è cosi, proverà a farlo proprio la società neroarancio che già da qualche giorno è al lavoro per rendere credibile il progetto.

Per il momento passa in secondo piano l’argomento riguardante il campo. L’area tecnica è stata affidata a Gaetano Condello che in settimana incontrerà coach Ponticello per capire se ci siano o meno le condizioni per continuare il rapporto di lavoro insieme. L’obiettivo della prima squadra è migliorare quanto fatto nella scorsa stagione.

Sarà necessaria una presenza autorevole, fattiva e propositiva nelle stanze della Lega e della Fip per indirizzare le scelte del movimento che a volte non sono chiare, cosi come sarà cura del presidente stringere i rapporti con il CONI, di questo n’è più che certo Giusva Branca: “Non esiste che una società di questo livello non sia a stretto contatto con questo ente, perché tutte le battaglie sul territorio vanno fatte insieme al Coni. Proprio per questo motivo – aggiunge Branca – mi sono già incontrato con il presidente regionale Mimmo Praticò per stabilire le linee guida da seguire”.

Branca sarà coadiuvato da quattro amici. L’ingegnere Franco, gli avvocati Tuccio e Albanese e il dott.Praticò che staranno al suo fianco, dei semplici consiglieri che lo aiuteranno a sbagliare il meno possibile, ma ognuno di loro avrà una delega specifica.
L’ingegnere Franco è responsabile di un task force che avrà il compito di seguire le vicende del “PalaCalafiore”, mentre Tuccio e Albanese avranno il compito di coinvolgere gli organi professionali.

Il terzo obiettivo e per certi versi il più importante consiste nella ristrutturazione manageriale della società che nel giro di 2/3 anni dovrà potersi autogestire. La Viola Reggio Calabria è una delle poche società nel panorama nazionale a non avere debiti.