Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Nel miracolo Bari, c’è anche il reggino Nunzio Zavettieri

Nel miracolo Bari, c’è anche il reggino Nunzio Zavettieri

di Michele Favano – Classe 1967, reggino di Rogudi, Nunzio Zavettieri, dopo anni di gavetta, ha trovato la sua consacrazione in questa stagione sulla panchina del Bari. Dopo aver allenato la Primavera dell’Udinese e gli Allievi nazionali dell’Inter, dall’undici agosto 2009 è diventato l’allenatore del Ventspils, squadra del massimo campionato lettone con cui ha firmato un contratto biennale ed avuto un’esperienza in Europa League.  Una breve parentesi nell’Adelaide United, club della A-League nel 1012 e nel luglio dello stesso anno la firma con il Bari, per fare da secondo all’allora tecnico Torrente. A seguito delle dimissioni di Carmine Gautieri, all’inizio di quest’ultima stagione, diventa allenatore del Bari coadiuvato da Roberto Alberti. A credere fortemente in lui il DS della compagine biancorossa Guido Angelozzi, al suo fianco anche nei momenti di maggiore difficoltà dei pugliesi a ridosso della bassa classifica alla fine del girone di andata, tra penalizzazioni e risultati altalenanti. E con il profilarsi del fallimento della vecchia società di proprietà dei Matarrese, il miracolo sportivo che si compie con una incredibile rimonta, una serie impressionante di successi, il tifo biancorosso che torna a riempire lo stadio S. Nicola, fino alla conquista inaspettata dei play off. Il resto è storia recente, la vittoria sul campo del Crotone che consegna l’accesso alle semifinali ed il sogno serie A che continua. Per il Bari… e per il reggino Zavettieri.