Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Basket – Nel tracollo Viola da Muscolino accuse pesantissime: ”Spettacolo indegno”. Condello: ”Scelte sbagliate”

Basket – Nel tracollo Viola da Muscolino accuse pesantissime: ”Spettacolo indegno”. Condello: ”Scelte sbagliate”

basket2

di Gianni Tripodi – Incubo Viola! “Non voglio parlare della partita, volevo solo chiedere scusa a tutti per lo spettacolo indegno che abbiamo offerto

stasera, ho sentito i fischi, ma anch’io sono stato uno di quelli che ha fischiato, è stato uno spettacolo indecoroso”. Queste le parole del presidente Muscolino a fine gara, dispiaciuto e tradito da una squadra che con tanti sacrifici ha fatto rinascere dalle ceneri tre anni fa. Anche il dg Gaetano Condello è dello stesso pensiero: “Abbiamo l’umiltà di chiedere scusa a tutti i tifosi e a tutte le persone che ci sono sempre state vicine. Lo spettacolo che abbiamo offerto oggi è stato indecoroso, parlando con il presidente abbiamo deciso che da oggi la Viola sarà in silenzio stampa. Vogliamo prenderci una pausa di riflessione per cercare di trovare delle soluzioni immediate. Il problema non è Bolignano, tutti abbiamo delle responsabilità, me compreso, perché ho fatto delle determinate scelte su alcuni giocatori ed è anche giusto che mi prenda le mie responsabilità. Siamo ancora all’inizio del campionato, ma già ci troviamo all’ultimo posto della classifica, non vogliamo vincere il campionato, ma creare entusiasmo soprattutto durante le gare casalinghe. Anche oggi però il Pala Botteghelle, l’impianto che visto giocare la grande Viola, è stato offeso per la terza volta consecutiva, abbiamo il dovere di onorare una società storica”. Doveva essere la partita della svolta, ma così non è stata. I nero arancio affondano sotto i colpi della Eagles Bologna (58-69) e subiscono la quarta sconfitta consecutiva  in campionato sprofondando così all’ultimo posto in classifica a soli due punti in compagnia di Perugia, Mirandola e Latina. Brutta prestazione dei nero arancio che chiudono il match sotto i fischi e la contestazione della tifoseria, notte fonda per il team di Bolignano apparso senza carattere e privo della cattiveria agonistica necessaria per vincere le partite. Senza ombra di dubbio il momento più brutto e difficile dell’era Muscolino, ma bisognerà trovare delle soluzioni immediate. Non c’è molto tempo, giovedì si tornerà sul parquet per la settima giornata di campionata, il team di Bolignano giocherà in trasferta a Chieti, una gara che appare sempre più come un’ultima spiaggia.
6° Giornata – Divisione Nazionale A (DNA)
Viola Reggio Calabria – Eagles Bologna 58-69
Parziali: 15-15, 25-35, 38-53, 58-69
Arbitri: Lestingi Paolo di Anzio (RM) e D’Amato Alex di Roma (RM)
Viola Reggio Calabria: Zampolli 16, Fabi 15, Caprari 8, Fontecchio 8, Ammannato 7, Mariani 2, Quaglia 2
Coach: Domenico Bolignano
Eagles Bologna: Piazza 15, Pederzini 12, Circosta 11, Raminelli 10, Silimbani 10, Potì 8, Tullio 3
Coach: Massimo Padovano
CRONACA DELLA GARA
Coach Bolignano schiera un quintetto iniziale composto da Mariani, Zampolli, Fabi, Fontecchio e Ammannato, Quaglia fermo in settimana per un problema muscolare al femorale parte dalla panchina. Primo quarto: Viola subito aggressiva in avvio, Ammannato e Mariani per il primo parziale di 4-0, Raminelli con il piazzato dalla media, le due squadre alzano subito il ritmo dell’incontro, Fontecchio (0/2) dalla lunetta non sfiora neanche il ferro, ma  si riscatta nell’azione successiva andando ad appoggiare di sinistro, risposta immediata dall’altra parte di Piazza, ancora Fontecchio protagonista ad appoggiare alla tabella, 8-4. Bologna si rifà sotto, canestro e fallo di Pederzini, sorpasso, +1. Per la Viola è il solo Fontecchio ad infilare la retina, si sblocca Zampoli, Silimbani a realizzare in area pitturata, Bologna impatta con la schiacciata in contropiede di Raminelli, 13-13. Spazio per il giovane Rappoccio, match in equilibrio, Zampolli (2/2) e l’arresto allo scadere di Pederzini per il 15 pari. Secondo quarto: Dentro Caprari e Quaglia, Fabi e il solito Pederzini per il 17-17, Tullio infila la tripla del sorpasso, timeout Bolignano. Zampolli ruba palla e va ad appoggiare, Silimbani in semi gancio e Piazza con la tripla per il +6 Bologna, la Viola prova a correre in contropiede, Caprari serve sotto canestro Quaglia che non può sbagliare, 21-25. La Viola soffre in difesa, sette punti consecutivi di Piazza ridanno slancio agli ospiti, 22-32, + 10, pressing a tutto campo per la Viola, Bolignano le prova tutte, dentro anche il giovane Costa, Ammannato dalla lunetta (1/2) sblocca il digiuno nero arancio, ma arriva il nuovo timeout per Bolignano, 23-32. Piazza dalla lunetta per il max vantaggio, +11, Caprari si butta dentro e va a realizzare, passaggio prevedibile di Zampolli per Caprari, brutta palla persa Viola, 25-35. Si va negli spogliatoi, nero arancio con il 34% dal campo. Terzo quarto: Pederzini (1/2), i nero arancio non riescono a reagire, Caprari dalla panchina prova a scuotere i compagni, Zampolli con la tripla senza ritmo a ridare ossigeno alla Viola, Circosta con l’arresto e tiro tiene avanti Bologna, Zampolli ci prende gusto, altra tripla per lui, 31-39, tripla anche per Fabi, i nero arancio si rifanno sotto, -5. Nel miglior momento della Viola, Pederzini  e Circosta per il nuovo allungo ospite, 34-44, dentro Caprari e Fontecchio. Viola in tilt, senza idee, Piazza e Potì per il max vantaggio, +16, timeout Bolignano.  Ammannato (2/2), Potì con l’arresto e tiro, difesa nero arancio inguardabile, Bolignano richiama in panchina Mariani, 38-53. Quarto quarto: Fabi in contropiede, Bologna continua a macinare punti, arresto e tiro di Piazza, +15, Mariani appena entrato trova nell’angolo Caprari che infila la tripla, 43-55. Bologna padrone del campo, Circosta con la tripla per l’allungo, Fabi realizza quatto punti consecutivi, ma lo svantaggio rimane sulla doppia cifra, -11. Zampolli trova Ammannato sotto canestro che segna subendo il fallo, pressing a tutto campo per la Viola, ma serve a poco, gli ospiti allungano, Raminelli in contropiede va a schiacciare e Potì con la tripla, +12. Tripla nell’angolo per Caprari, Bologna gioca con il cronometro dei 24” a un minuto dal termine, altra tripla per Potì, si chiude di fatto l’incontro, finisce 58-69, quarta sconfitta consecutiva per la Viola sotto i fischi assordanti della tifoseria, al Pala Botteghelle è notte fonda.