Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Basket: Viola sconfitta in finale playoff da Agrigento (80-64), ma la promozione è ancora possibile

Basket: Viola sconfitta in finale playoff da Agrigento (80-64), ma la promozione è ancora possibile

BASKET

di Gianni Tripodi – La Viola sfiora l’impresa, il sogno promozione è solo rinviato. In gara 3 di finale playoff al Pala Empedocle di Agrigento, i nero arancio vengono sconfitti dai padroni

di casa (80-64) che conquistano così la matematica promozione in DNA. Per il team di coach Bolignano invece ci sarà un’altra chance, l’ultima, per compiere il tanto atteso salto di categoria, dal 15 al 17 giugno si disputerà in campo neutro un mini triangolare promozione tra le perdenti finaliste degli altri gironi (A e B), solo una potrà raggiungere Agrigento, Lucca e Ferrara nella vecchia A dilettanti, nulla è ancora perduto. Si ripete il triste epilogo della scorsa stagione contro l’Upea Capo d’Orlando, stavolta però la trama della “bella” giocata nella città della Valle dei Templi è ben diversa da quella del Pala Fantozzi. I nero arancio giocano fin dai primi minuti con grande intensità e concentrazione ed intravedono, anche se per soli 240”, quelli a cavallo tra il ventitreesimo e ventiseiesimo del terzo quarto, lo striscione del traguardo. Sul +9, massimo vantaggio firmato dal duo Caprari (5) – Agosta (4), la Viola crede realmente di poter compiere il colpaccio con Agrigento alle corde. Il fattore campo però ha un suo peso e si fa sentire, i siciliani spinti dal caloroso e rumoroso pubblico casalingo danno il via alla rimonta conclusasi poi nell’ultimo quarto, inarrestabili i due cecchini Mossi (16 punti) e Di Viccaro (19 punti). Il team di coach Bolignano riesce quasi a bissare negativamente le 22 palle perse in gara 1, sono 20 nella “bella”, decisamente troppe al cospetto della corazzata che tira con il 71% da due punti e il 56% dal campo. Onore a Grasso e compagni che non sono partiti battuti, anzi, sono riusciti a mettere in difficoltà per ben trenta minuti di gioco una squadra costruita con il doppio del budget speso dal presidente Muscolino. Non c’è tempo per piangersi addosso, venerdì inizierà il triangolare promozione, le avversarie da battere saranno la Dinamica Generale Mirandola (girone A) e il Calligaris Corno di Rosazzo (girone B), il sogno di approdare in DNA è ancora vivo.
Finale Playoff DNB girone C – Gara 3
MONCADA SOLAR AGRIGENTO – LIOMATIC VIOLA RC 80-64
Parziali: 20-21, 38-31, 55-55, 80-64
Arbitri: Bonfante Luca di Lonigo (VI) e Caruso Daniele di Roma (RM)
MONCADA SOLAR AGRIGENTO
Di Viccaro 19, Mossi 16, Chiarastella 12, Birindelli 11, Giovanatto 8, Anello 5, Paparella 5, Pennisi 4
Coach: Ciani Franco
LIOMATIC VIOLA RC
Caprari 17, Agosta 14, Grasso 10, Paparella 7, Zampogna 7, Coronini 5, Gambolati 4
Coach: Bolignano Domenico
Al Pala Empedocle di Agrigento si gioca gara 3 di finale playoff, i quaranta minuti che valgono un’intera stagione. Primo possesso e primi punti per i padroni di casa, quattro punti consecutivi di Chiarastella, 4-0, secondo fallo per Coronini, dentro Zampogna, Pennisi ad appoggiare, buon avvio di Agrigento, reazione Viola con Agosta che realizza i primi punti dei reggini, 6-4 dopo 3 minuti di gioco. Gambolati impatta dalla media, 6-6, Agrigento colpisce dalla lunga con Di Viccaro, Zampogna si avvia in contropiede e segna subendo il fallo, Agosta da sotto, 9-10, Viola avanti nel match, Mossi per Pennisi che da sotto non sbaglia, Caprari si butta dentro, Chiarastella e Santiago dalla lunga lanciano Agrigento, risposta da tre punti di Zampogna, -1 Viola. Caprari senza ritmo infila la tripla del vantaggio, +2, Mossi impatta dalla lunetta (2/2), secondo fallo per Chiarastella, Agosta (2/2) e Grasso in area pitturata, Birindelli allo scadere per il -1 Agrigento, 20-21. Secondo quarto: Arriva il secondo fallo per Santiago, scarsa lucidità in attacco per entrambe le squadre,si segna solo dalla lunetta con Mossi (2/2) da una parte e Caprari dall’altra (2/2), 22-23, parziale di 7-0 per Agrigento che corre in attacco, quattro punti di Birindelli e tripla di Di Viccaro, timeout Bolignano sul 29-23. Allunga ancora Agrigento con la tripla di Birindelli, 32-23, Anello in penetrazione porta i padroni di casa al +11, max vantaggio, nuovo timeout per Bolignano. Viola a segno dalla lunetta con Coronini (1/2) ed Agosta (1/2), antisportivo fischiato a Grasso su Anello avviatosi in contropiede, 1/2 ai liberi, finale di quarto entusiasmante, tripla centrale senza ritmo di Grasso, risposta dall’altra parte di Di Viccaro, ma è ancora un sorprendente Grasso allo scadere ad accorciare le distanze, 38-31. Terzo quarto:  Subito Coronini in lunetta (0/2), tripla centrale di Paparella e i nero arancio si riavvicinano, -4, si butta dentro Chiarastella, Agosta segna subendo il fallo, sale in cattedra Caprari, tripla centrale di “Bum Bum”, Viola sul -1, 40-39. Tap in di Chiarastella su errore al tiro di Mossi, tripla di Coronini dall’angolo, 42 pari a 6’ dal termine. La Viola sulle ali dell’entusiasmo si porta avanti, altra tripla di Caprari, fallo in attacco fischiato a Pennisi, Agosta con l’aiuto della tabella, +5, Caprari in contropiede, +7, passi di Chiarastella, timeout Ciani. Agosta ad appoggiare, sul +9 Viola arriva la tripla di Mossi che esalta il pubblico casalingo, Zampogna (1/2), altra tripla per i siciliani, nell’angolo con il solito Di Viccaro, ancora Zampogna in lunetta (1/2), scatenato Di Viccaro dalla lunga, Agrigento si rifà sotto, -2. Grasso (1/2), Mossi in contropiede, -1, Grasso (1/2), antisportivo a gioco fermo fischiato ad Agosta su Di Viccaro (2/2) parità a quota 55. Quarto quarto: Il parziale di 8-0 per Agrigento con la penetrazione di uno scatenato Di Viccaro e le due triple di Giovanatto e Mossi tagliano le gambe alla Viola, immediato il timeout di Bolignano, 63-55. Anello sotto per Birindelli, Viola in tilt, 3’ senza segnare per i nero arancio, arresto e tiro di Anello, Gambolati con il piazzato rompe il digiuno, siciliani scatenati, Giovanatto dalla media e dalla lunetta (1/2), +13, Paparella si butta dentro, Santiago dall’altra parte alzando la parabola, timeout Bolignano a 4’ dal termine. Difesa a tutto campo per la Viola che recupera palla, Coronini (1/2), Mossi con l’aiuto del ferro, quinto fallo per Di Viccaro a 2’42” dal termine, Giovanatto per il +16, Paparella e Caprari con i punti dell’orgoglio, ma Mossi dalla lunetta chiude definitivamente i conti, finisce 80-64, Agrigento conquista la promozione in DNA, la Viola invece giocherà il triangolare promozione.