Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Basket Viola, Caprari: “Andremo ad Agrigento per vincere. Saranno i quaranta minuti più importanti della stagione”

Basket Viola, Caprari: “Andremo ad Agrigento per vincere. Saranno i quaranta minuti più importanti della stagione”

di Gianni Tripodi – Il post partita di Liomatic Viola RC – Moncada Solar Agrigento 67-54

Marco Caprari, 16 punti con il 46% dal campo (6/13): Dopo la sconfitta in gara 1 eravamo tutti

amareggiati, io in primis che purtroppo la mattina ho accusato un dolore alla schiena e sono stato condizionato, grande merito va dato ad Agrigento che in casa ha giocato una buona partita. Questa sera ognuno ha dato il suo contributo: in attacco, in difesa, con le palle vaganti, magari anche con tante altre cose che nelle statistiche non sono presenti. E’ stata la risposta a gara 1 che abbiamo già archiviato, da domenica ripartiamo dallo 0-0, quaranta minuti ci separano da un obiettivo importante e siamo pronti a ripartire. Era anomalo che all’inizio dell’anno eravamo poco seguiti e la gente era poco interessata, poi è chiaro che con le vittorie i tifosi si avvicinano di più, penso che questo di oggi sia stato lo spot migliore per vedere riaccendere un fuocherello a Reggio Calabria che sono sicuro diventerà presto un fuoco. Ogni partita ha una storia a sé, bisogna sempre avere energia e cuore, caratteristiche fondamentali, poi alla fine non importa di quanto perdi una partita, si riparte dalla gara successiva. Il nostro obiettivo l’ho detto fin dall’inizio è quello di vincere il campionato, non ci siamo mai nascosti, avere il fattore campo a favore forse dà quell’1%/2% in più di vantaggio, andremo ad Agrigento per vincere, saranno i quaranta minuti più importanti della stagione.
Il direttore generale Gaetano Condello: Quella di oggi era una partita importantissima, volevamo vincerla a tutti i costi, la prestazione di Agrigento non era piaciuta a nessuno, adesso ci giocheremo le nostre carte fino alla fine. Ritengo che Agrigento sia una squadra molto competitiva che possiamo mettere in difficoltà, oggi l’abbiamo dimostrato anche se siamo partiti giocando male i primi due quarti, nel terzo e quarto quarto però abbiamo dimostrato di essere una squadra competitiva e siamo riusciti a metterli in grande difficoltà soprattutto in difesa. Grande pubblico, non ricordo in quale occasione era presente tutta questa gente, forse ai tempi della serie A, la squadra sta cominciando ad essere seguita, il pubblico reggino voleva le finali. Per noi è un motivo d’orgoglio come lo è anche la presenza delle Istituzioni, stasera erano presenti al palazzetto l’assessore Caridi e l’assessore Curatola, persone importanti del panorama politico che ci seguono e questo ci fa molto piacere. Non ho visto dal vivo la prima partita, qualcuno parlava di resa, qualcuno ha ricordato Capo d’Orlando e a me questa cosa non è piaciuta. Ho parlato con i ragazzi in settimana, noi siamo una squadra di grande talento, l’abbiamo dimostrato nella seconda parte di campionato e volevamo riscattarci, ci sentiamo allo stesso livello di Agrigento che rispetto a noi ha speso il doppio. Il presidente Muscolino ha lavorato bene ed è una persona che vuole vincere sul campo. Un grazie ai giocatori, avevamo Caprari e Grasso non al meglio, ma sono davvero soddisfatto.
L’assessore alle Attività Produttive della Calabria Antonio Caridi: Grande entusiasmo questa sera al Palazzetto, la squadra ha dimostrato grande cuore e grande attaccamento alla maglia e questo ci deve fare inorgoglire come reggini. La città si è risvegliata in una passione “vecchia” e antica, questa società è riuscita grazie al gran lavoro del dg Condello e del presidente Muscolino a far riaccendere l’entusiasmo, ridando dignità ad uno sport che negli anni era stato un po’ abbandonato.