Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Pallavolo: l’under18 della Tonno Callipo a Trieste per le Finali Nazionali

Pallavolo: l’under18 della Tonno Callipo a Trieste per le Finali Nazionali

La delegazione Under 18 della Tonno Callipo Vibo Valentia è in viaggio verso Trieste sede delle Finali nazionali Under 18 di Lega che si disputeranno a partire da domani, 7 giugno, fino a

domenica 10 giugno. I ragazzi allenati da Claudio Torchia approdano alle finali di categoria dopo un cammino trionfale, costellato da sole vittorie, che sono valse ai “tonnetti” giallorossi la qualificazione diretta conquistata con due turni d’anticipo. Ora la parola passa al campo nella fase cruciale della stagione, che segna il punto di approdo di un percorso fatto di dedizione e sacrificio, condiviso con tutto il valido staff del settore giovanile che non ha risparmiato sforzi per concretizzare ancora una volta questo importante risultato. A Trieste la Tonno Callipo Under 18 dovrà vedersela con l’agguerrita concorrenza di altre 15 formazioni provenienti da tutta Italia, divise in gironi da 4 dai quali usciranno le 8 squadre che si giocheranno i quarti di finale e così via. I gironi verranno sorteggiati domani alle ore 11.00 presso la sede del consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia.
«Abbiamo lavorato fino a ieri sera con un intensità molto elevata – commenta coach Claudio Torchia alla vigilia dell’esordio nelle finali di categoria -, i ragazzi dopo la fine dei rispettivi campionati non si sono risparmiati lavorando molto sodo con l’obiettivo di prepararsi al meglio per affrontare questa fase finale. Mi piace sottolineare, soprattutto, i molti sacrifici che alcuni di loro impegnati negli esami di maturità hanno fatto per conciliare al meglio gli allenamenti con gli impegni di studio. Andiamo a Trieste, quindi, con lo spirito giusto per affrontare questa nuova sfida anche se, è inutile nascondersi dietro a un dito, quest’anno dovremo fare a meno di due atleti molto importanti come Antonio Lavia e Daniele Palmieri, i nostri “posto 4”, e di conseguenza dal punto di vista tecnico perdiamo qualcosa. Allo stesso tempo, però, i ragazzi sono abbastanza maturi da non essere affatto spaventati dal’idea di dover lottare ancora di più per ottenere un buon risultato. Il nostro miglior biglietto da visita è sicuramente la reputazione che ci siamo guadagnati nel tempo e già lo scorso anno piazzandoci al quarto posto con un gioco spumeggiante e tecnicamente evoluto. In più, il lavoro serio che è stato svolto già da qualche anno per la costruzione di questo gruppo è un altro elemento che fa sì che le altre squadre ci guardino con rispetto, riconoscendo nella Tonno Callipo una società seria, che lavora bene e investe molto nel settore giovanile come testimoniano i risultati frutto di questo lavoro». 
Anche per Dario Palmieri, dirigente al seguito della squadra, si tratta di «una qualificazione avvenuta non per caso, ma dovuta al lavoro e all’impegno di uno staff tecnico con a capo un Claudio Torchia che ha saputo tirare fuori il meglio da un gruppo già collaudato, grazie anche alla preziosa collaborazione del suo vice Tonino Chirumbolo e la piena abnegazione di un impareggiabile Vito Iurlaro. Il rammarico di questa spedizione, che ci vedrà sicuramente protagonisti, è l’imprevista assenza di due giocatori molto importanti per la completezza della squadra, come Daniele Palmieri e Antonio Lavia. Un sentito “grazie” è doveroso poi tributarlo a due giocatori: Danilo Lo Riggio e Giuseppe Catania i quali dopo questa ennesima finale, per motivi di studio, non potranno più svolgere l’attività pallavolistica nella sua completezza».