Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Karate: i fratelli Figliomeni e Gulloni conquistano il tricolore

Karate: i fratelli Figliomeni e Gulloni conquistano il tricolore

Nella bellissima cornice del Palazzetto dello Sport di Cervia, dal 29 Aprile al 1 Maggio, si è svolto il Campionato Nazionale di Karate al quale hanno partecipato più di 800 atleti provenienti da tutta

la penisola. L’evento è stato magistralmente organizzato dalla Direzione Nazionale dell’ AICS guidata dal Presidente Bruno Molea. Il CENTRO STUDI KARATE  guidato dal M° Vincenzo URSINO anche per questa edizione ha fatto incetta di medaglie rappresentando la Calabria nel migliore dei modi conquistando ben 3 ori, 3 argenti e 4 medaglie di bronzo. Si inizia il sabato con le gare di “KATA” dove il club calabrese conquista le prime medaglie con Domenico Angilletta e Vincenzo Scruci il Bronzo  e Vincenzo Macrì medaglia d’argento. Nella seconda giornata dedicata ai “Combattimenti” arrivano le medaglie d’argento di Vincenzo Scruci e Tommaso Figliomeni mentre nella categoria “Assoluti” Angilletta conquista un meritato Bronzo insieme all’esordiente Jacopo Mittica. Nel terzo giorno il dominio del Team del M° URSINO è stato netto e indiscutibile, infatti nelle tre categorie previste ha portato a casa il titolo di Campione Nazionale con Luca Figliomeni che ha sbaragliato 24 avversari nella categoria “Bambini”.  Un ottimo terzo posto per Daniele Urzino nei “Fanciulli” che ha visto la partecipazione di 45 atleti e chiusura con il botto con la coppia Vincent Figliomeni e Mattia Gulloni che conquistano il titolo di Campioni Nazionali dei “Ragazzi”sbaragliando la concorrenza formata da altre 24 coppie; da segnalare anche il lusinghiero 4° posto ottenuto dall’altra coppia formata da Alberto Guarnaccia e Antonio Gurnari. Puntuale la telefonata di congratulazioni del Presidente calabrese dell’ AICS il dott. Arturo Nastasi al M° Ursino nella quale  lo ringrazia per gli eccellenti risultati raggiunti che portano lontano dalle nostre mura il buon nome della nostra regione.