Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Basket, una Viola inarrestabile affonda anche Agrigento

Basket, una Viola inarrestabile affonda anche Agrigento

BASKET
di Gianni Tripodi –
“Non si passa al Botteghelle” cantavano euforici i tifosi a fine gara, la Viola fa lo sgambetto alla capolista Agrigento (68-55) e ipoteca così la terza posizione con una

giornata d’anticipo. Con questa vittoria i nero arancio allungano a sette la striscia vincente e confermano l’ottimo stato di forma, grande merito va dato a coach Bolignano, il suo avvento in panchina ha rivoluzionato il gioco di Caprari e soci, adesso tutto è più fluido, i risultati arrivano e la squadra è finalmente diventata gruppo. In attesa dell’inizio degli ormai imminenti playoff (6 maggio), la Viola si gode lo splendido successo, ma soprattutto l’ormai matematico terzo posto. Con la sconfitta di Roseto a Martina Franca (84-66) infatti, gli abruzzesi non riuscirebbero più a risalire sul terzo gradino del podio neanche con due vittorie nelle ultime due giornate visto che i reggini hanno la miglior differenza canestri negli scontri diretti, il capitolo è quindi ormai chiuso. Al Pala Botteghelle la difesa nero arancio costringe la capolista a tirare con un pessimo 38% dal campo (20/53), limitando così il miglior attacco del girone (83.1) a soli 55 punti, mentre la fase offensiva è devastante a larghi tratti con le giocate in transizione di Paparella (18) e Caprari (12). Mercoledì si torna subito sul parquet, la Viola giocherà contro Rieti il suo ultimo incontro di stagione regolare, il campionato invece terminerà domenica 28, il conto alla rovescia per l’inizio dei playoff è appena cominciato.

32° giornata DNB girone C
LIOMATIC VIOLA RC – MONCADA SOLAR AGRIGENTO 68-55
Parziali: 20-15, 38-26, 55-44, 68-55
Arbitri: Bonfante Luca di Lonigo (VI) e Scudieri Marco di Maserada sul Piave (TV)
LIOMATIC VIOLA RC
Paparella 16, Agosta 13, Caprari 12, Gambolati 8, Zampogna 8, Potì 5, Ingrosso 4, Coronini 2
Coach: Bolignano Domenico
MONCADA SOLAR AGRIGENTO
Chiarastella 11, Di Viccaro 11, Giovanatto 10, Mossi 10, Paparella 6, Pennisi 4, Anello 3
Coach: Ciani Franco
Coach Bolignano conferma il quintetto di Roseto con Coronini, Paparella, Caprari, Gambolati ed Agosta, primo possesso e primo canestro della Viola con l’arresto e tiro di Paparella, tripla nell’angolo di Caprari, ancora “Bum Bum” stavolta in contropiede ad appoggiare, i nero arancio iniziano nel migliore dei modi, 7-0 dopo 2 minuti di gioco. Agrigento trova i primi due punti da sotto con Pennisi, immediata la risposta di Agosta, difesa reggina impenetrabile, altra palla rubata, Paparella in penetrazione per l’11-2. Gli ospiti provano a  reagire, tripla di Mossi , Agosta corregge in tap in l’errore al tiro di Paparella, il sottomano di Chiarastella e la penetrazione Di Viccaro permettono ad Agrigento di riavvicinarsi, -4. Paparella ruba palla e serve sotto canestro Caprari che non può sbagliare, Chiarastella in area pitturata, 15-11. Secondo fallo di Pennisi, dentro Giovanatto, Agosta (1/2), Giovanatto da sotto e Santiago Paparella con il canestro e fallo per  il -1 Agrigento. Ingrosso (1/2), Coronini scarica nell’angolo per Potì, tripla del +5, 20-15. Secondo quarto: I siciliani nuovamente a contatto grazie ai canestri di Mossi e Giovanatto, -1, ci pensa Ingrosso con la tripla a tenere avanti suoi, Chiarastella (2/2), Paparella si butta dentro e appoggia alla tabella, Zampogna ruba palla, si avvia in contropiede e subisce il fallo antisportivo di Di Viccaro, 2/2 dalla lunetta per il play di Palmi, 27-21. Caprari stoppa Di Viccaro, difesa reggina superlativa, Agrigento fatica ad infilare la retina, Pennisi appena entrato appoggia, no look pass di Agosta per Caprari, +6. Terzo fallo di Pennisi, tripla senza ritmo di Zampogna, 32-23, il pubblico del Pala Botteghelle si esalta, Paparella si butta dentro e alza la parabola, Di Viccaro a tenere in partita i siciliani, Gambolati (1/2), Caprari libera nell’angolo Gambolati che infila la tripla del +12, max vantaggio, 38-26. Terzo quarto: Coronini ruba palla e appoggia, Chiarastella dalla media, tripla senza ritmo di Paparella nell’angolo per il 43-28, Paparella stoppa Pennisi, Chiarastella (1/2), ancora Paparella scatenato dalla lunga distanza, +17, max vantaggio. Agosta (2/2), Mossi lasciato solo dalla difesa segna due punti facili facili, tripla nell’angolo di Santiago Paparella, coach Bolignano non gradisce l’atteggiamento dei suoi e chiama il timeout, 48-33. Potì (2/3), Agrigento arriva allo scadere dei 24” senza andare alla conclusione, Chiarastella trova due punti, quarto fallo di Pennisi, Di Viccaro con l’arresto e tiro, Agosta in area pitturata, Mossi senza ritmo trova la tripla del -12, Zampogna risponde dall’altra parte, tripla allo scadere dei 24”, Giovanatto due volte in lunetta (4/4), 55-44. Quarto quarto: Giovanatto permette ad Agrigento di ridurre il gap sotto la doppia cifra, -9, Agosta in area pitturata alza la parabola, Di Viccaro con la tripla nell’angolo, risponde “Bum Bum” dall’altra parte, nessuna delle due squadre riesce ad infilare la retina, merito soprattutto delle difese, attente ed aggressive. Gambolati (2/2) sblocca il punteggio, quinto fallo fischiato a Caprari, Santiago Paparella (0/2), Emiliano Paparella con l’arresto e tiro, Anello infila la tripla nell’angolo, +10 Viola a 1’23” dal termine. Gambolati (2/2) e Agosta cadendo all’indietro mettono la parola fine all’incontro, finisce 68-55, la capolista cade al Pala Botteghelle, la Viola è terza.