Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Basket, al ritorno al Botteghelle la Viola fa novanta

Basket, al ritorno al Botteghelle la Viola fa novanta

basket_pallone-b
di Gianni Tripodi –
Undici anni dopo, ecco il secondo ritorno al Pala Botteghelle (il primo era avvenuto nel 2001), è stato un emozionante tuffo nel passato per i nostalgici della grande Viola,

di quella quadra che ha scritto pagine importanti della storia della città di Reggio Calabria. Di meglio non si poteva chiedere, la Viola del patron Muscolino affonda la malcapitata Bernalda (90-60) al termine di una gara mai in discussione, dominata dal primo all’ultimo minuto da Caprari e soci. Con questa vittoria i nero arancio rimangono ben saldi in quarta posizione a quota 36 punti, a cinque giornate dal termine della stagione regolare l’obiettivo rimane quel terzo posto che, al momento, dista solo due punti, occupato da Roseto con 34 punti, ma con una partita in meno. Bernalda non era sicuramente un avversario di pari livello, la compagine lucana è infatti in piena lotta per la salvezza, ma il team di coach Bolignano è stato bravo a non sottovalutarlo, iniziando subito il match con una grande intensità difensiva, fattore decisivo della vittoria finale. I nero arancio concedono solo 60 punti con il 42% dal campo, trenta alla fine i punti di scarto con la gara già chiusa ampiamente ad inizio terzo quarto. Oltre all’ottima prestazione del “solito” Marco Caprari, 23 punti con l’8/12 al tiro, ma ormai non è più una notizia, si aggiunge quella sontuosa di Antonio Gambolati da 20 punti con il 9/12 dal campo, a risultato ormai acquisito spazio anche per il giovane Laganà che ha saputo approfittare dello spazio concessogli dal suo coach, 10 punti in 10 minuti. Non c’è tempo per festeggiare, domenica si torna già sul parquet, la Viola farà visita al Men Sana Campobasso.

28° giornata DNB girone C
LIOMATIC VIOLA RC – CESTISTICA BERNALDA 90-60
Parziali: 23-12, 41-30, 73-39, 90-60
Arbitri: Radaelli Roberto di Rho (MI) e Ciccodicola Federico di Roma (RM)
LIOMATIC VIOLA RC
Caprari 23, Gambolati 20, Agosta 10, Laganà 10, Grasso 8, Paparella 7, Potì 5, Zampogna 5, Ingrosso 2
Coach: Bolignano Domenico
CESTISTICA BERNALDA
Russo 16, Longobardi 13, Ginefra 9, Samoggia 8, Giuffrida 6, Serpentino 6, Cota 2
Coach: Binetti Francesco

Inizia il match, Bernalda subito a punti con Serpentino dalla media distanza, Agosta a correggere l’errore al tiro di Gambolati, Caprari con l’arresto e tiro, difesa aggressiva dei reggini, Gambolati per due volte di fila ad infilare la retina, 8-2 dopo 3’ di gioco. La Viola si esalta, assist ad una mano di Caprari per Paparella che solo nell’angolo non può sbagliare, “Bum Bum” in penetrazione ad appoggiare, 13-2, timeout Bernalda. Tripla senza ritmo di Giuffrida, Agosta e Zampogna dalla lunetta, Serpentino da sotto, Paparella in area pitturata, +10 Viola. Disattenzione difensiva e Ginefra appoggia facile, i nero arancio spingono in velocità, Zampogna con la tripla e Caprari in sottomano, 21-9. Con il libero realizzato da Giuffrda Bernalda arriva alla doppia cifra, Gambolati è implacabile in area pitturata, Russo (2/2), 23-12. Secondo quarto: Agosta da sotto con il semi gancio appoggiando alla tabella, Coronini in transizione per Potì che infila la tripla, bel gioco a due tra Agosta e Grasso con il capitano ad appoggiare da sotto, la difesa reggina è impenetrabile, 30-12, +18 max vantaggio. Canestro e fallo di Longobardi, cinque punti di fila di Samoggia permettono a Bernalda di riavvicinarsi, -10, timeout Bolignano. Allo scadere dei 24” tripla di Gambolati, Longobardi appoggiando alla tabella, Grasso liberato in area da Paparella non può sbagliare, Ginefra dalla lunga e Samoggia in penetrazione, per il -8 Bernalda, la Viola soffre, ma è Gambolati in contropiede a ridare ai reggini il vantaggio in doppia cifra, 37-27. Agosta corregge l’errore al tiro di Caprari, Longobardi segna subendo il fallo di Agosta, allo scadere Gambolati alza la parabola, 41-30 e si va negli spogliatoi. Terzo quarto: Subito Caprari cadendo all’indietro, ancora Caprari, stavolta si butta dentro e scarica sotto per Zampogna che in semi rovesciata appoggia alla tabella, i nero arancio riprendono a correre in contropiede, tripla in transizione del solito immenso Caprari, 48-30. Bernalda per la seconda azione consecutiva arriva allo scadere dei 24” senza tirare, merito di un ottima difesa reggina, Caprari uscendo dai blocchi è implacabile dalla lunga distanza, il pubblico si esalta. Canestro con fallo per Russo, Gambolati da sotto, tripla senza ritmo di Longobardi e Bernalda prova a rimanere a contatto, ci pensa Caprari con l’arresto e tiro a tenere avanti i suoi, 55-34. “Bum Bum” ruba palla, si avvia in contropiede, ma subisce il fallo antisportivo di Russo, 2/2 dalla lunetta, Gambolati con il piazzato dalla media, la Viola vola sul +25. Agosta è superlativo in difesa, prima stoppa Russo e nell’azione successiva Serpentino, Bernalda sembra aver mollato la presa, Potì tutto solo in area appoggia facile, gli ospiti segnano solo dalla lunetta con Ginefra (2/2), Coronini serve splendidamente Grasso che realizza, altro assist smarcante di Coronini stavolta per Paparella che appoggia, 65-36, timeout Bernalda, la gara di fatto sembra chiusa. C’è spazio anche per il giovane Laganà che, appena entrato piazza la tripla nell’angolo, Samoggia (1/2) e Russo (2/2), la Viola trova ampi spazi e punisce la difesa lucana, tripla di Agosta e Ingrosso allo scadere, 73-39, la Viola dilaga. Quarto quarto: Ingrosso spacca in due la difesa lucana e scarica per Grasso, il capitano appoggia, inizia il Laganà show, post basso di Laganà e altri due punti per il reggino che si esalta, nell’azione successiva cattura il rimbalzo su errore al tiro di Grasso e realizza, Laganà in lunetta (2/2) ed infine tripla dall’angolo, applausi scroscianti del pubblico presente al Pala Botteghelle, Bernalda va a segno solo dalla lunetta, con Ginefra (2/2) e Russo (2/2), calo di concentrazione per il team di Bolignano, due palle perse consecutive dai nero arancio e Russo ne approfitta realizzando quattro punti di fila, tripla di Longobardi e Bernalda prova a ridurre l’ampio gap, 83-52. La Viola non molla la presa e continua a correre in contropiede, Caprari con il canestro e fallo, gioco da tre punti realizzato, “Bum Bum” serve sotto Gambolati che non sbaglia, garbage time a 2’30” dal termine. La Viola ottiene la prima vittoria al Pala Botteghelle con una grande prova di forza, finisce 90-60.