Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Villa San Giovanni (RC):esami di graduazione regionale ,nuove cinture nere per la Calabria

Villa San Giovanni (RC):esami di graduazione regionale ,nuove cinture nere per la Calabria

Di seguito la nota diffusa da FIJLKAM KARATE CALABRIA:
Svoltisi domenica 5 febbraio 2012, presso i locali della società sportiva Karate Gemelli, gli esami di graduazione per 1°, 2° e 3° DAN. Presenti oltre 30 esaminandi tra Atleti, Tecnici e Ufficiali di Gara, provenienti da tutta la Calabria, che hanno conseguito questo importante traguardo delle loro carriera

sportiva.

Secondo la tradizione del karate, per conseguire il grado di cintura nera, l’Atleta deve dimostrare otre che una importante preparazione Atletica, anche una maturità interiore, tanto che il significato della parola DAN, che si associa al livello di cintura nera conseguito, significa appunto: “uomo”. Conseguire la cintura nera, ovvero il primo DAN, rappresenta un importante punto di arrivo, in quanto corrisponde a un livello in cui, l’Atleta, non solo ha una profonda conoscenza del karate, ma è in grado anche di aiutare i compagni in allenamento, a dare loro consigli e sostenerli nei momenti di difficoltà. Successivamente al primo DAN, sono previsti ulteriori livelli (DAN appunto), a cui corrispondono dei gradi di conoscenza sempre più approfonditi.
Secondo le direttive della federazione nazionale FIJLKAM, l’acquisizione dei gradi di cintura nera può avvenire secondo due criteri, ovvero per meriti sportivi o tramite gli esami di graduazione. Per quanto riguarda le cinture colorate, ovvero dalla bianca alla marrone, l’attribuzione avviene secondo modalità stabilite dal tecnico della società sportiva di appartenenza, e sono generalmente basate su criteri di anzianità. Per le cinture nere: 1°, 2°, 3° DAN, si svolgono degli esami di carattere regionale, che riguardano solo l’aspetto pratico del karate, durante i quali il candidato deve eseguire un esercizio di forme (kata), delle tecniche predefinite (Kyon) e un breve combattimento (kumite). Per i DAN successivi bisogna invece sostenere degli esami nazionali, che la Federazione organizza una volta l’anno, generalmente presso il centro Olimpico federale di Ostia Lido (Roma) in cui i candidati, oltre a dovere sostenere delle prove pratiche di kata e kumite, sono tenuti a discutere una tesina monografica sul karate.
Diversa è invece l’attribuzione dei gradi per merito sportivo, che vengono assegnati automaticamente dalla federazione, in modo commisurato al risultato agonistico ottenuto. In particolare, coloro che raggiungono la qualificazione a un campionato italiano ufficiale, ottengono il grado di 1° DAN, quelli successivi vengono ottenuti con dei piazzamenti da podio a campionati Italiani (dalla classe cadetti in su) o europei o mondiali.
Ritorniamo a quanto avvenuto questa domenica. Di alto livello la Commissione di Esami, presieduta dal Maestro Gerardo Gemelli, rappresentante della FIJLKAM in Calabria, che ha anche messo disposizione i locali della propria palestra. Gli altri componenti erano il Maestro Riccardo Partinico, Direttore Tecnico Regionale, il Maestro Enzo Mgliarese, Responsabile del Centro Tecnico Regionale, il Maestro Nino Lauro, Responsabile Organizzativo Regionale, e i Tecnici del CTR Giuseppe La Fauci e Angelo Surfaro.
Presente anche l’Ufficiale di Gara Nazionale Vincenzo Martino, di Lamezia Terme.
Molto preparati i candidati, che hanno presentato prove di esame ben strutturate e di elevato livello tecnico, tanto che la Commissione ha potuto approvare tutti gli esaminandi per il grado a cui si erano candidati.
Una nota di merito va al giovane Vincenzo Rizzo, figlio del Maestro Antonio Rizzo, che nonostante fosse il più giovane dei partecipanti, non si è affatto dimostrato intimorito dalla situazione, in considerazione anche che ha aperto la sessione di esami, essendo stato chiamato per primo. Per lui, un personale e pubblico ringraziamento da parte del Maestro Gemelli.
L’elenco completo di coloro che hanno sostenuto gli esami, è riportato nella tabella sottostante.
La sempre costante crescita del karate calabrese, come gli esami di domenica hanno dimostrato, risulta ancora più importante se inquadrata nell’ottica degli ambiziosi traguardi che il Direttivo Calabrese si sta ponendo, tra cui, il più imminente, sarà l’organizzazione della partecipazione al Campionato Europeo per Regioni della squadra di kumite femminile, che si svolgerà in Russia. Ci auguriamo quindi che sempre nuove energie possano confluire a sostegno di questi progetti, e che molti dei graduati di domenica, proseguano con i successivi livelli di formazione, anche in ambito nazionale, con il conseguimento del 4° e 5° DAN.