Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Basket, Fantozzi: “Un successo che ci rimette in carreggiata”

Basket, Fantozzi: “Un successo che ci rimette in carreggiata”

di Gianni Tripodi – Il post partita di Liomatic Viola RC – Mens Sana Campobasso 93-80
Antonio Gambolati, 25 punti, 8/10 dal campo (80%), 6/7 da due, 2/3 da tre, 7/7 ai liberi e 8

rimbalzi: Nonostante un avvio un po’ contratto siamo riusciti, soprattutto in attacco, a far le cose che volevamo, ad aprire gli spazi e trovare buoni canestri da sotto e con gli esterni. Abbiamo incontrato un’ottima squadra, completa, con giocatori di buon livello come Benassi, Stjepovic, Cornejo, Tagliabue, alla fine siamo stati bravi a portare a casa la vittoria. Oggi mi hanno “battezzato” dalla media e tutto sommato mi è andata bene. La gara di giovedì a Giugliano sarà difficile, dovremo rimanere concentrati fino alla fine e soprattutto non sottovalutare l’avversario.
Christian Cappanni, 8 punti, 4/5 dal campo (80%), 3 rimbalzi e 2 stoppate:  Dopo un paio di partitacce finalmente è arrivato il mio contributo. Siamo stati più aggressivi ed intensi rispetto alle ultime partite, sentiamo ancora lo scotto di Corato, ma pian piano ci stiamo riprendendo. Campobasso è una buona squadra, hanno dei buoni lunghi, la classifica è un po’ bugiarda, forse sono stati un pò condizionati dai problemi che hanno avuto in quest’ultimo periodo. Oggi  abbiamo difeso e attaccato bene e alla fine abbiamo portato a casa altri due punti. Agrigento è un rullo compressore, ma dobbiamo ancora giocarci contro, il rullo può anche fermarsi.
Coach Fantozzi: Temevo questa partita perché Campobasso è una squadra che occupa una posizione di classifica diversa da quella che meriterebbe, a livello di profondità e di qualità tra le migliori della categoria, una squadra da prime cinque posizioni. Avevo detto in settimana ai miei ragazzi di stare attenti, mi fa molto piacere che la squadra abbia vinto in maniera abbastanza netta, è innegabile che abbiamo concentrato il massimo sforzo a cavallo dell’intervallo e abbiamo poi preso un break decisivo, sul finale siamo un po’ caduti nelle solite pecche di rilassatezza, ma alla fine è arrivato un successo che ci rimette in carreggiata. Una buona fluidità in attacco contro una difesa fisica, non possiamo giocare sempre ad alti livelli per nove mesi. Affrontare Giugliano è come affrontare Agrigento, bisognerà sempre mantenere alta la concentrazione senza sottovalutarli.